Cartabianca, Massimo Giannini fa tardi e diserta l'ingresso in studio

A Cartabianca la Berlinguer annuncia l'ingresso di Massimo Giannini, ma il giornalista non c'è. La conduttrice inizia l'intervista al ministro Gualtieri da sola e riprende gli autori: "Potevate dirmelo prima". Il direttore di Radio Capital si aggrega in corso d'opera

Bianca Berlinguer annuncia l’ingresso di Massimo Giannini, ma Massimo Giannini non c’è. Il curioso fuori programma va in scena a Cartabianca in occasione dell’intervista a Roberto Gualtieri.

In studio ci sono tre sedie, con il direttore di Radio Capital chiamato ad incalzare assieme alla conduttrice il ministro dell’Economia. Il giornalista però non si fa vivo, lasciando di sasso la padrona di casa: “Non c’è Giannini? Potevate dirmelo prima”, dice la Berlinguer agli autori. “Non mi hanno comunicato che Giannini non c’è, non è arrivato. Benissimo”.

L’assenza coglie di sorpresa pure la regia, che fa partire il tradizionale jingle della trasmissione. Nonostante tutto, il faccia a faccia con Gualtieri comincia lo stesso. Qualche domanda sulle tribolazioni del governo con annesse risposte e, passati circa cinque minuti, Giannini può finalmente effettuare il suo ingresso. “Mi dicono che è arrivato, lo vado a prendere”.

Giannini si accomoda, non spiega i motivi del ritardo e la Berlinguer scherza: “Abbiamo fatto una seconda entrata, la prima era una finta”.

Non è la prima volta che Cartabianca va incontro a singolari contrattempi. Un anno fa gli ospiti si ritrovarono senza posti a sedere, mentre sono ormai celebri i disagi legati al freddo percepito in studio.

  • shares
  • Mail