Sanremo 2020, Achille Lauro interpreta la Marchesa Luisa Casati (e arrivano i fischi)

Il cantante romano veste i panni dell’eclettica nobildonna per la terza esibizione all’Ariston

[mp-video id=”1700807″ title=”Fischi ad Achille Lauro” content=”” provider=”brid” video_brid_id=”517458″ video_original_source=”https://media.tvblog.it/a/a31/inshot_20200208_005445084.mp4″ url=”” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTcwMDgwNycgY2xhc3M9J21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnQnPjxpZnJhbWUgY2xhc3M9J21wX3ZpZGVvX3RoZW1lIGlmcmFtZV9fbXBfdmlkZW9fdGhlbWUnIHNyYz0iaHR0cHM6Ly90dmJsb2cuYWRtaW4uYmxvZ28uaXQvdnAvMTcwMDgwNy8iIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj0idHJ1ZSIgd2Via2l0YWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSJ0cnVlIiBtb3phbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49InRydWUiIGZyYW1lc3BhY2luZz0nMCcgc2Nyb2xsaW5nPSdubycgYm9yZGVyPScwJyBmcmFtZWJvcmRlcj0nMCcgdnNwYWNlPScwJyBoc3BhY2U9JzAnPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTcwMDgwN3twb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTcwMDgwNyAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE3MDA4MDcgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Achille Lauro, ogni sera una sorpresa. La seconda partecipazione al Festival di Sanremo dell’artista romano è sempre più una never-ending performance, che si sta consumando da martedì scorso tra palco e social network. Dopo aver reso omaggio alla rappresentazione di Giotto della spogliazione di San Francesco nella serata inaugurale del concorso e alla libertà artistica e sessuale di Ziggy Stardust, per la terza serata di gara Achille Lauro ha deciso di interpretare la Marchesa Luisa Casati Stampa.

Nobildonna, mecenate e collezionista d’arte vissuta tra ‘800 e ‘900, figlia di un produttore di cotone, Luisa Adele Rosa Maria Amman ha destato l’interesse e il talento artistico di grandi intellettuali dell’epoca, da Filippo Tommaso Marinetti a Giovanni Boldini, tra i pittori che ebbe l’onore di ritrarla su tela, rispondendo al suo desiderio di diventare ella stessa opera d’arte. Ecco come Lauro la descrive:

La figura della Marchesa Casati, con la sua vita controversa, è stata un personaggio di grande rottura e in anticipo sui tempi: performer prima della performing art. Si circondava di un’umanità complessa variegata, frequentando i massimi intellettuali dell’epoca ma anche la gente di strada, eccentrica al punto da diventare anch’essa un’icona.

“Insofferente alle regole e alle convenzioni, di cui si è sempre fregata”, quindi in pieno spirito di ribellione, rivendicato dall’artista nel brano con cui concorre in gara, sin dal titolo. Per dare lustro al personaggio ed interpretarlo in modo glamour e contemporaneo, Achille Lauro si è affidato nuovamente ad Alessandro Michele, direttivo creativo di Gucci.

Prima di truccare le proprie labbra e quelle del compagno di palco Boss Doms, nel fatidico momento della discesa della temuta scalinata, Achille Lauro ha ricevuto alcuni fischi da parte del pubblico. Fischi di approvazione? Gesto critico di chi in questi giorni ha contestato il progetto artistico del cantante? Achille Lauro continua a dividere, lui che al contrario si propone come fautore della rottura dei confini e delle divisioni. Come ci stupirà nella performance della serata conclusiva del Festival? L’indizio è una corona…

 

Ultime notizie su Festival di Sanremo

Tutto su Festival di Sanremo →