Sanremo 2020, chi è Mauro Iandolo il performer LIS de Le Vibrazioni

Conosciamo meglio chi è l'interprete della lingua dei segni che sarà sul palco del Festival di Sanremo 2020 con le Vibrazioni.

Mauro Iandolo è presente sul palco dell'Ariston in occasione della 70° edizione del Festival della canzone Italiana di Sanremo. Prende parte alla performance de Le Vibrazioni che quest'anno portano il brano Dov'è. Conosciamolo meglio:

Mauro Iandolo vive a Nettuno (Roma) ed ha 37 anni. E' un interprete e performer LIS, la lingua dei segni. E' assistente alla comunicazione ed è Presidente dell'associazione Officina LIS. Tiene workshop in giro per l’Italia per insegnare a tradurre le canzoni nel linguaggio dei segni.

Figlio di genitori non udenti, Mauro ha coltivato la passione per la LIS e per la musica fin da piccolo, quando:

Mentre mi spostavo in auto con i miei genitori - dichiara in un'intervista al portale Veasty - ascoltavo la musica e cantavo le canzoni provenienti dallo stereo dell’auto. Poi un giorno mia madre mi vide cantare e mi chiese di tradurre il testo della canzone che stavo cantando. Ricordo quell’episodio come fosse ieri: la canzone era 'Di sole e d’azzurro' di Giorgia. Iniziai ad interpretarla lasciandomi trasportare dal ritmo della canzone, mia madre ne fu subito colpita ed io, in quel momento, capii che cantare con i segni era possibile.

A 14 anni si iscrive ad un corso di danza classica e, poco dopo, ad uno di teatro. Ha studiato al Teatro dell'Opera di Roma e all'accademia Nazionale di danza.

Dopo essersi diplomato, prosegue la sua formazione frequentando dei corsi di LIS a Roma e Latina per assistente alla comunicazione e interprete LIS, oltre presenziare in vari seminari su arte e cultura sorda. Questo gli ha dato la possibilità di espandere la sua cultura dando vita ad un suo progetto: realizzare videoclip di musica visiva per il suo canale YouTube (1120 iscritti) interpretando i testi hit di artisti affermati come Tiziano Ferro, Elisa e Vasco Rossi.

Nella sua pagina facebook (Mauro Iandolo LIS performer) seguita da oltre 3700 persone scrive scrive: "Quando la Lingua dei Segni e la cultura sorda si fondono con l'arte si entra in un vortice di emozioni che esplodono energia grazie a mani, corpi e passione".

 

 

  • shares
  • Mail