Danza con me: tutte le dichiarazioni di Roberto Bolle sulla terza edizione del programma in conferenza stampa

Ecco tutte le dichiarazioni di Roberto Bolle alla conferenza stampa di presentazione di Danza con me, la nuova trasmissione.

Tornerà il prossimo 1 gennaio su Rai Uno il tanto atteso appuntamento con Danza con me, la trasmissione con protagonista assoluto l'etoile della Scala Roberto Bolle, giunto quest'anno alla sua terza edizione.

La trasmissione, prodotta in collaborazione con Ballandi e Arte Danza, vedrà come due "narratori" l’inedita coppia formata da Giampaolo Morelli e Geppi Cucciari che con ironia racconteranno, presenteranno, spiegheranno e parteciparann al programma.

Nella mattinata di oggi, 18 dicembre, si è svolta a Milano la conferenza stampa di presentazione del programma, alla quale sono intervenuti, oltre ovviamente a Roberto Bolle, il vice direttore di Rai Uno Claudio Fasulo e il direttore di Rai Uno Teresa De Santis.

Ad aprire la conferenza stampa è Claudio Fasulo:

Bello ritrovarci con Roberto. Come sapete da tre anni il palinsesto di Rai Uno comincia con questo straordinario apripista e con una grande star. O meglio ancora, con una stella cometa. Roberto è uno di quei punti di riferimento che ci permette di dare una linea editoriale importante, con un intrattenimento di grandi contenuti e di grande immagine. Da anni lavoriamo per rendere sempre più solida e qualitativa questa rotta. Riusciamo ad alzare l'asticella per dare motivazione a tutti quanti, con un uomo pronto ancora un volta a stupire e a stupirci. Lui non è mai pago di imparare e conoscere.

Il direttore di Rai Uno Teresa de Santis, in collegamento telefonico, dichiara a proposito della trasmissione:

Saluto e ringrazio Roberto Bolle, il suo è uno dei nostri programmi di maggior pregio. Nella linea che ho sempre avuto io di Rai Uno fa parte di un innalzamento culturale, ma in maniera pop, perché Rai Uno non deve escludere nessuno.

Fasulo ringrazia la de Santis e lancia la prima clip. Scopriamo così diverse clip di Danza con me in anteprima e tutti gli ospiti che hanno voluto prendere a parte a questo progetto. Fra gli altri troveremo Roberto Benigni, Luca Zingaretti, Andrea Bocelli (e Stefano Bollani al pianoforte), Alberto Angela, Marracash, Nina Zilli e Luca e Paolo.

A questo punto prende la parola Roberto Bolle, che ringrazia dei complimenti e tiene a rispiegare il concept dietro questa trasmissione

Si tratta del nostro terzo capodanno, è un appuntamento di grande prestigio e importanza, cominciare l'anno con la danza è qualcosa che mi rende molto orgoglioso del percoro fatto. Ogni volta è una sfida e non è mai scontato. Ringrazio la Rai che ci permette di poterlo fare al meglio. Possiamo declinare la danza in mile modi per poterla rendere il più fruibile possibile al pubblico. La danza è un'arte bellissima ma che viene percepita come distante. Sto notando, a proposito, un cambiamento culturale nei confronti della danza.

Bolle in questo senso si sente in dovere di ringraziare il compianto Bibi Ballandi, che per primo ha creduto nel progetto:

Colgo l'occasione di ringrziare Bibi Ballandi che è stato il primo a crederci. Tutte le volte che ne parlo mi emoziono sempre. Se non ci fosse stato oggi non sarei qui, lui ha creduto che si potessee sostenere e vincere questa sfida. Lui credeva in questo potenziale e alla fine mi ha portato alla prima puntata con La mia danza libera.

La terza edizione di Danza con me sarà uno show piuttosto lungo, taratto sul minutaggio da prime time, leggero ma anche molto attento alla contemporaneità. A proposito, Roberto Bolle ha spiegato:

Abbiamo voluto guardare negli occhi la realtà, con temi di fortissima attualità. Uno è il tema ambientale, la tematica ambientalista, il tema della plastica sono temi importanti. Sappiamo per esempio che se non facciamo qualcosa per il pianeta entro il 2030 non sarà più possibile tornare indietro. Abbiamo per esempio realizzato un balletto con il coreografo Massimilino Volpini. C'è un telo di plastica sopra di me, illuminato da suggestioni poetiche, ma ad un certo punto cala, mi imprigiona e mi soffoca. L'altro tema riguarda la compassione, il fatto di non essere indifferenti a quello che vediamo e alle immgini che ci scorrono davanti. Abbiamo proiettato immagini forti su 4 teli, sono immagini forti di fronte alle quali però spesso rimaniamo indifferenti. Non c'è nulla di politico, abbiamo voluto fare vedere l'emozione che l'essere umano prova davanti a tutto questo. Non vi spaventate, in ogni caso, la maggior parte del programma è leggero!

Bolle spiega poi più nel dettaglio quale sarà il mood generale della trasmissione, non altrettanto drammatico, anzi:

Avete visto con Geppi Cucciari con la rivisitazione dello sketc Testa, spalla di Don Lurio, lo rifaremo con gli acciacchi che possono essere condivisi dal pubblico a casa. Ci vogliamo avvicinre  a loro con il mal di schiena, le gambe gonfie. Ovviamente anche con Virginia Raffaele abbiamo uno sketch ironico. Con Marracash e Cosmo invece strizzeremo l'occhio ai più giovani.

Spazio alle domande. Ecco cosa ci dobbiamo aspettare da due degli ospiti più attesi della trasmissione, Roberto Benigni e Virginia Raffaele:

Benigni farà sé stesso, aveva voglia di ballare. Lui è stato molto divertente e simpatico. Benigni fa Benigni e quindi mi chiede se voglio fare la gara di chi ha il fisico più bello. Virginia quest'anno non farà imitazioni, si avvicinerà molto al mondo della danza, viene in trasmissione in chiave leggera, ci sarà più un gioco di strumenti e di corpo, ma niente imitazioni.

Una piccola ultima anticipazione da Fasulo, che svela le intenzioni di Rai Uno di approfondire ulteriormente il tema della danza in tv:

Speriamo di mettere sul tavolo le convergenze che servono in questi casi. Abbiamo intenzione di portare altra danza in tv il prossimo anno, ma questa non è la sede in cui parlarne. Dal 27 dicembre alle 20:25 fino al 31 dicembre, inoltre, andranno in onda delle pillole legate alla trasmissione.

Anche quest’anno, vi ricordiamo, il pubblico avrà la possibilità di seguire il programma con una serie di contenuti extra per i social, una sorta dl Libretto di Sala virtuale nel quale trovare curiosità e informazioni sulla danza rappresentata. Già negli anni passati l’hashtag #danzaconme si era imposto come programma più discusso sui social nella settimana dal 1° al 7 gennaio.

 

 

  • shares
  • Mail