Ilaria Cucchi contro Un giorno in Pretura: "Ha tralasciato udienze che hanno risolto il processo"

La sorella di Stefano Cucchi commenta in maniera molto critica la seconda puntata del programma di Rai3 dedicata al caso del fratello ucciso nel 2009

Ilaria Cucchi, attraverso la sua pagina Facebook, ha attaccato Un giorno in pretura, dopo la messa in onda della seconda puntata dedicata al caso della morte del fratello Stefano, ucciso nel 2009 (per la sua morte sono stati condannati in primo grado a 12 anni due carabinieri). Secondo la Cucchi, la trasmissione di Rai3 avrebbe omesso importanti passaggi nella ricostruzione del processo.

Anche stasera 'Un giorno in Pretura' non si è smentito.
Ha completamente tralasciato due intere udienze sul tema medico legale, che hanno risolto il nostro processo, per dar spazio allo show dell'avv. Naso.
L'avv. Anselmo ovviamente è stato totalmente oscurato così come i nostri medici legali ma soprattutto quelli del Giudice quando affermano che Stefano senza le botte non sarebbe morto.
Ma non avevamo dubbi.
Posso solo dire che mi dispiace per il Dott. Musarò e per il Dott. Pignatone ma d'altra parte tutti ricordiamo bene i selfie fatti in aula mentre si svolgeva il processo.
Mi ha chiamata mia madre disgustata. Pubblicherò sulla mia pagina tutto ciò che 'Un giorno in Pretura' ha omesso.
Grazie per il servizio pubblico offerto.

A completare il post una foto scattata in Aula che ritrae la conduttrice Roberta Petrelluzzi accanto a Maria Lampitella, avvocato di uno degli imputati. Proprio contro lo scatto, nel maggio scorso, la Cucchi, che negli scorsi anni ha lavorato anche come inviata di Questioni di famiglia su Rai3, aveva pubblicato un post per segnalare "la signora Petrelluzzi che, con sorrisi e grande cordialità, spalle ai banchi della Corte, si fa fare numerosi selfie, guancia a guancia, con gli avvocati degli imputati".

Ancora più duro il giudizio dell'avvocato (e compagno) di Ilaria, Fabio Anselmo:

Un giorno in Pretura imbarazzante. Tutte le questioni medico legali liquidate ed oscurate.
Il taglio della vertebra l3. Il nesso causale. La testimonianza scioccante della dottoressa Feragalli. Quella del Prof. Masciocchi. Quella dei Periti.
Che tristezza. Mi spiace per il lavoro del dott. Musarò e del Procuratore Pignatone completamente annichiliti.
Va beh. Lo sapevo fin dalla imbarazzante udienza dei selfie.
Il processo Cucchi è stata tutta un’altra cosa.
Lo sappiano coloro che hanno guardato la trasmissione. Si è arrivati addirittura al tifo per l’appello.

  • shares
  • Mail