L’Isola di Pietro è soprattutto degli adolescenti (ma non quello di Skam e Baby)

Il liveblogging e la recensione della prima puntata de L’Isola di Pietro 3, la fiction di Canale 5 con Gianni Morandi nei panni di un medico alle prese con i pazienti, i suoi familiari ed i segreti dei suoi amici

di paolino

L’isola è sempre quella, i panorami anche, le storie, però, cambiano. A restare quello di sempre è il suo protagonista, il Dr. Pietro Sereni (Gianni Morandi), alle prese anche quest’anno con nuovi personaggi e problemi, da affrontare con la sua ormai nota saggezza. L’Isola di Pietro 3, in onda da questa sera, venerdì 18 ottobre 2019, alle 21:20 su Canale 5, ci riporta a Carloforte, in Sardegna, un luogo tanto incantato quanto ricco di misteri.

L’Isola di Pietro 3, recensione

L’Isola di Pietro cerca, a modo suo, di sovvertire quella regola per cui nella fiction italiane gli adolescenti siano sempre personaggi di contorno, quelli a cui dare le storyline secondarie che servono da riempitivo alla storia principale. In questa fiction, sono loro a tenere le redini del racconto e questa, forse, è l’unica vera innovazione.

Un’innovazione che già era presente nella prima stagione, ma che ha trovato la sua massima espressione nella seconda stagione e nella terza, che ha appena debuttato. L’età media del cast è molto bassa, a testimoniare l’impegno degli autori nel voler rappresentare gli adolescenti e le loro difficoltà di crescere (tema universale e mai datato) piuttosto che i soliti problemi degli adulti.

Certo, L’Isola di Pietro non è Skam Italia o Baby: la gioventù viene messa in scena seguendo determinate regole, che cercano la trasgressione solo nei limiti consentito dal giallo di stagione e non di più: in questo senso, la fiction di Canale 5 resta sui soliti binari del mistero da risolvere, dell’assassino da individuare e nel colpo di scena che aggancia il pubblico alla puntata successiva.

Nell’Isola di Canale 5 l’adolescenza diventa così l’elemento portante di un racconto che gira intorno a dei luoghi comuni già ampiamente utilizzati in televisione, rinfrescati proprio da dei volti nuovi. E Morandi? A lui il compito di fare da garante alla storia, di assicurare al pubblico più grande che quella in cui si stanno inoltrando è una televisione che mai supererà certi limiti e creerà imbarazzi.

E’ un’isola felice, in cui anche gli omicidi e gli abbandoni diventano casi da affrontare sapendo che ci sarà sempre un sorriso alla fine. Perché se L’Isola di Pietro sovverte la regola per cui gli adolescenti diventano protagonisti sulla generalista, deve rispettare il resto dei comandamenti della buona fiction familiare.

[live_placement]

L’Isola di Pietro 3, la trama

La terza stagione parte con il ritorno di Caterina (Alma Noce) dall’America, dove si è recata con Elena (Chiara Baschetti) per un intervento che potrebbe ridarle la vista. Il ritorno delle due in Italia, però, è segnato da un lutto: a Carloforte, infatti, non troveranno più Alessandro (Michele Rosiello), da poco morto.

In particolare, Elena fa fatica a superare il lutto, il cui dolore è ancora più forte dal momento che la donna ha da poco partorito Giacomo, il figlio nato dalla sua unione con il Vicequestore. Sarà ancora una volta Pietro a cercare di risanare le ferite della sua anima, dandole la forza di andare avanti.

Ma a Carloforte è in arrivo un nuovo mistero legato, questa volta, al ritrovamento da parte del protagonista di una neonata, abbandonata in un cantiere navale in fiamme. Pietro riesce a salvare la piccola ed a portarle in ospedale dove, oltre alle prime cure, si cerca di capire chi sia.

La bambina potrebbe essere figlia di Chiara Spanu (Anna Godina), adolescente di cui da poco si sono perse le tracce e sorella di Margherita (Arianna Montefiori), infermiera da poco al lavoro in ospedale e che vede in Pietro il suo mentore.

Hanno così via le indagini sulla scomparsa della giovane, guidate dal nuovo Vicequestore, Valerio Ruggeri (Francesco Arca), un uomo affascinante ma apparentemente superficiale e dai modi scanzonati. Inutile dire che Elena inizialmente farà fatica ad andare d’accordo con l’uomo, che a Carloforte passava le estati quando era piccolo e che ora sembra nascondere un segreto.

A celare qualcosa, però, è anche Diego (Erasmo Genzini), ora entrato in Polizia, ma il cui carattere irrequieto è quello di sempre. Non sarà facile per lui gestire le indagini ed al tempo stesso il rapporto con Caterina, che avrà inevitabilmente delle ripercussioni.

Così, le indagini porteranno a scoprire nuovi personaggi, tra cui Teresa Orrù (Caterina Murino), madre di Ilaria (Camilla Martini) e Stefano (Mirko Trovato), l’insegnante di Educazione Fisica Monica Mirafiori (Francesca Chillemi), ma anche Leonardo Manca (Raniero Monaco di Lapio), istruttore di windsurf che prende in simpatia Caterina, spaventando per la loro differenza d’età sia Pietro che Elena.

L’Isola di Pietro 3, co-prodotto da Rti e Lux Vide, vede l’adattamento del soggetto di serie firmato da Silvia Leuzzi, Leonardo Valenti ed Umberto Gnoli, quest’ultimo anche alla supervisione delle sceneggiature, mentre Elena Santoro è la story editor. La regia è di Alexis Sweet e Luca Brignone.

L’Isola di Pietro 3, la prima puntata

Nella prima puntata, mentre Elena e Caterina tornano da Huston, Pietro salva una bambina da un incendio e la porta in ospedale. Elena si mette subito al lavoro per scoprire chi sia la madre della bambina, scontrandosi con il dolore per la perdita di Alessandro e l’arrivo del nuovo Vicequestore Ruggeri. Caterina, invece, deve cercare di capire l’atteggiamento scostante di Diego, che sta nascondendo un segreto.

L’Isola di Pietro 3, social network

E’ possibile commentare L’Isola di Pietro 3 sulla pagina ufficiale di Facebook e su Twitter, usando l’hashtag #LIsolaDiPietro3.

L’Isola di Pietro 3, streaming

Si può vedere L’Isola di Pietro 3 in streaming sul sito ufficiale di Mediaset e sull’app per smart tv, tablet e smartphone, mentre da domani si potrà vedere nella sezione On Demand.