Caterina Balivo: "Ringrazio Alfonso Signorini per avermi aiutato. Non avrei voluto condurre il più grande pasticciere"

La conduttrice di Vieni da me racconta alcuni retroscena di una carriera televisiva giunta al suo ventennale e svela curiosi 'dietro le quinte'

E' una Caterina Balivo a tutto campo quella che ritroviamo in un'intervista concessa al settimanale Grazia. L'impegno di Vieni da me da un anno a questa parte l'ha riconsegnata al vasto pubblico di Rai 1, una delle tante tappe di una carriera ventennale in Rai.

Nell'arco di questo lungo periodo sono tanti gli alti e bassi vissuti, la conduttrice li racconta senza filtri, con schiettezza, partendo da una crisi lavorativa che l'ha segnata tempo fa: c'è una persona che ha teso la sua mano per aiutarla e quel qualcuno si chiama Alfonso Signorini:

Mi ha invitato nel suo programma mentre non stavo lavorando. Spero di potergli essere utile prima o poi. Se si trovasse a Roma e rimanesse in panne con l’auto vorrei che mi chiamasse, correrei.

Tra poco più di 2 mesi Signorini sarà impegnato alla conduzione di Grande Fratello VIP 4, chissà se la Balivo riuscirà a rendergli il favore ospitandolo nella sua trasmissione. Il 2014 è stato l'anno del ritorno in prima serata dopo diverse esperienze sulla prima rete, Ilaria Dallatana su Rai 2 le dà possibilità di condurre il talent Il più grande pasticciere, ma la conduttrice rivela per la prima volta che quel programma non lo avrebbe mai voluto condurre:

Per fortuna l’anno dopo sono riuscita a non condurlo più. Era un format non adatto a me. Perfino mio marito (Guido Maria Brera, ndr), di solito calmo e misurato, una sera scrisse un tweet: 'Se volevate Caterina, potevate comprarvi un cartonato'

Lei accettò la conduzione solo per un motivo: "Volevo tornare in prima serata. Da allora ho capito che è meglio scegliere il progetto che l’orario di programmazione" per la cronaca il talent è stato chiuso dopo la seconda edizione.

Condurre una trasmissione in coppia per Caterina è solo fantascienza, sicura di se stessa preferisce dirigere tutto da sola e quando le viene chiesto chi potrebbe essere il collega giusto per affiancarla lei risponde certa: "Nessuno" spiegando il perché e svelando un altro interessante retroscena:

Quando mi hanno proposto un partner ho sempre rifiutato, per il mio carattere è impossibile condurre con altri. Avrei dovuto fare un programma con la Gialappa’s e il Mago Forest ma non me la sono sentita. E mi dispiace. Ricordo che il direttore di rete di allora, Ilaria Dallatana, mi disse: 'Caterina è un handicap non saper dividere la scena'.

 

 

  • shares
  • Mail