Filippo Roma aggredito ad Italia 5 Stelle a Napoli: "Volevano linciarmi" (VIDEO)

L'episodio è avvenuto alla convention del Movimento 5 Stelle, la iena avrebbe dovuto intervistare Virginia Raggi in seguito all'inchiesta della trasmissione sulla gestione dei rifiuti a Roma

Non ha mezze parole per raccontare la disavventura "È stato un vero e proprio tentativo di linciaggio". A parlare è Filippo Roma all'AdnKronos, protagonista suo malgrado di un preoccupante episodio avvenuto a Napoli durante Italia 5 Stelle.

La iena si trovava nella città partenopea per intervistare la sindaca di Roma Virginia Raggi in merito all'annosa questione dell'emergenza rifiuti nella capitale (recentemente la trasmissione ha intrapreso un'inchiesta sul caso, ndr) quando la sua presenza ha richiamato l'attenzione di alcuni militanti del partito che lo hanno accerchiato ed insultato:

Appena mi hanno visto sono impazziti. Mi hanno urlato b*****do, figlio di p******, venduto. So bene che gli attivisti e i simpatizzanti del Movimento da sempre mi odiano per le inchieste che ho fatto sui Cinque Stelle, una su tutte quella delle false firme. Dimenticano, però, come tante altre ne abbia fatte su membri del Partito democratico o di Forza Italia e pensano sia un venduto al soldo di Berlusconi.

Filippo Roma descrive la situazione come un precedente nella sua esperienza di inviato e conduttore della trasmissione di Italia 1:

Il sindaco si stava avvicinando verso il palco circondata dai giornalisti nell'area stand, quindi a ridosso del pubblico. Quando mi hanno visto è scattato il tentativo di linciaggio. Se non fosse intervenuta la polizia a salvarmi, non sarei qui a raccontarla. Ero circondato da 100 persone, chi si faceva sotto con pugni, colpendo anche il cameraman, chi urlava insulti pesanti. È stato davvero incredibile, io sto bene, solo un cazzotto mi ha sfiorato. Sapevo di non essere simpatico agli attivisti, ma non immaginavo a tal punto. Avevano gli occhi venati di odio, nella storia politica italiana non c'è mai stato questo atteggiamento, neanche nei momenti più bui.

Solidarietà da parte di Davide Faraone, presidente dei Senatori di Italia Viva, che sul suo profilo twitter ha postato il video dell'aggressione, nella quale gli insulti si sentono chiaramente: "Gli insulti dei militanti 5S a Filippo Roma sono inaccettabili. Ancor di più il silenzio dei vertici del movimento. La libertà di stampa non si tocca".


  • shares
  • Mail