DiMartedì il talk politico più reality che c’è (ma ad avercene). Floris certezza

Sesta edizione al via, nella prima puntata il Conte Bis e le mosse dell’opposizione.

Probabilmente è il miglior programma di questo genere sul campo televisivo. DiMartedì fortunatamente è tornato e sottolineiamo fortunatamente dato che qualcuno che ti deve far capire – sul serio – qual è la reale situazione della politica in Italia ci deve pur essere in mezzo al marasma delle urla.

Quel qualcuno è Giovanni Floris, ottimo conduttore di 3 ore e mezza di trasmissione che ha gestito con destrezza il via vai di ospiti e collegamenti, con il piglio di chi ha l’abitudine dei tempi tecnici e con la testa di chi si mette nei panni del telespettatore medio che vorrebbe capire, domandare, sapere. Il ruolo del giornalista e conduttore si è manifestato in tutta la sua indiscussa determinazione davanti a ospiti del calibro di Luigi di Maio, Nicola Zingaretti e Carlo Calenda: tre personalità di spicco della politica di queste roventi settimane.

E’ con loro che l’attenzione di DiMartedì si catalizza mettendo in pratica un format ormai affermato della quale vi parlammo già in tempi non sospetti e che avvicinammo al senso della VAR, da una parte lo svolgimento del talk in studio mentre da dietro le quinte viene mostrato l’ospite che spesso e volentieri è la voce contraria alle parole che vengono dette dall’ospite che in quel momento sta parlando davanti al conduttore.

Una tecnica che diventa interessante, accattivante. Ricorda per vaghi tratti le stesse particolarità che possiamo vedere nei reality show (al Grande Fratello VIP e NIP hanno usato lo stesso trucco per i confronti) e che appetisce televisivamente, incuriosisce. Non a caso, il fatto che la politica sia figurativamente il primo vero reality show del nostro paese è un appunto da non sottovalutare, ma La7 ne ha fatto tesoro.

La differenza sostanziale per la quale DiMartedì meriterebbe un plauso rispetto ad altri programmi della stessa leva è che questo non è un talk urlato, bensì misurato ed è questa la qualità più piacevole da riscontrare.

Insomma se c’è qualcuno che si sta chiedendo se può esistere un talk politico immune da bagarre, senza che i ragionamenti parlati vengano tagliati bruscamente e che possa perfino informare ha trovato la risposta: Sì, c’è.

Segui la diretta su TvBlog:

DiMartedì nuova edizione 2019/20, torna il talk politico condotto da Giovanni Floris

Stasera alle 21.10 su La7 torna diMartedì, il programma di Giovanni Floris, giunto alla sua sesta edizione. TvBlog lo seguirà in liveblogging.

DiMartedì, puntata 10 settembre 2018: anticipazioni

Al centro della trasmissione un occhio di riguardo a quelle che sono le prospettive del nuovo governo guidato da Giuseppe Conte, le strategie dell’inedita maggioranza M5S-Pd e quelle dell’opposizione di Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. Tra gli ospiti della puntata di stasera del talk di La7 i protagonisti delle istituzioni, della politica e dell’economia.

Interviste, confronti, collegamenti, approfondimento, mini talk, i sondaggi di Nando Pagnoncelli e la satira di Gene Gnocchi.

DiMartedì, dove seguirlo

DiMartedì va in onda tutti i martedì su La7 al canale 7 del digitale terrestre e Tivusat o in HD al canale 507 del DTT.  In live streaming sul portale dell’emittente: https://www.la7.it/dirette-tv

DiMartedì, social

Ultime notizie su DiMartedì

Tutto su DiMartedì →