Sallusti e Giannini a Cartabianca dopo un'intera stagione su La7. Berlinguer: "Siete andati sempre dalla concorrenza"

Nell'ultima puntata stagionale Cartabianca ospita Sallusti e Giannini. La Berlinguer li sgrida: "Siete sempre andati dalla concorrenza". Poi se la prende con Di Battista e Salvini "troppo moderati"

Una stagione passata a dividersi gli ospiti, con alcuni volti presenze fisse del programma rivale. E così, arrivata all’ultima puntata, Bianca Berlinguer si è vendicata, punzecchiando i diretti interessati dietro ad un sorriso che, come al solito, lasciava trapelare altri sentimenti.

Protagonisti involontari del siparietto Massimo Giannini e Alessandro Sallusti, invitati nell’ultimo appuntamento stagionale di Cartabianca, ma per quasi dieci mesi punte di diamante di Di Martedì.

Discorso diverso invece per Mario Giordano, che nel talk di Rai 3 ha spesso e volentieri lasciato il segno, come nel caso della furibonda lite dello scorso autunno con Vittorio Sgarbi. Proprio lui è stato usato dalla conduttrice per far pesare l’assenza agli altri due giornalisti.

“Mario non poteva mancare alla nostra ultima puntata. A differenza di Giannini che va sempre dalla concorrenza, lui è stato sempre con noi”.

Pochi secondi ed è stata la volta del direttore del Giornale, “un altro che è andato sempre dalla concorrenza”.

Oltre alla trasmissione di Giovanni Floris, l’obiettivo della Berlinguer è sembrato essere L’Aria che tira, che il 18 giugno aveva dato spazio sia a Giannini che a Sallusti.

A non soddisfare la padrona di casa sono state inoltre le performance di Alessandro Di Battista e Matteo Salvini, personaggi del momento che Cartabianca ha accolto in studio in rapida successione. Il pentastellato e il vicepremier però non hanno affondato il coltello, optando per un approccio più mite e conciliante. “Potevano moderarsi in un’altra trasmissione, invece hanno scelto la mia”, ha ironizzato – ma nemmeno troppo – la Berlinguer.

  • shares
  • Mail