Anzaldi del Pd esalta ascolti di L'approdo, Lerner: "Grazie, ma non dimentico quando mi attaccava"

Il giornalista strumentalmente esaltato dall'esponente del Pd ricorda un caso del passato e risponde a tono: "La lottizzazione fa male alla Rai"

Gad Lerner dà una lezione (l'ennesima) di dignità alla politica italiana, dimostrando, se ce ne fosse ancora bisogno, la sua onestà intellettuale e autonomia professionale. Lo fa rispondendo a tono ai complimenti espressi via social da Michele Anzaldi. Il parlamentare del Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai, infatti, in maniera evidentemente strumentale, stamattina aveva esaltato i risultati di ascolto fatti registrare dalla prima puntata (la recensione) di L'Approdo dello stesso Lerner, in onda ieri su Rai3, per rispondere alle "inutili polemiche" sul compenso sollevate nei giorni scorsi da Matteo Salvini e da molti leghisti.

Ottimi ascolti per la prima puntata de "L'approdo" di Gad Lerner su Rai3: 7,4% di share, 1.174.000 telespettatori. Miglior risposta a tante inutili polemiche: giornalismo e informazione sono graditi al pubblico. La Rai servizio pubblico farebbe bene a ricordarlo più spesso.

Parole alle quali Lerner ha splendidamente replicato così:

Ringrazio Michele Anzaldi degli apprezzamenti a l'Approdo, ma non dimentico quando attaccava RaiTre per avermi affidato la trasmissione Islam Italia e adduceva fra le varie indebite motivazioni la perla seguente: "Lerner per giunta è ebreo". La lottizzazione fa male alla Rai.

Per la cronaca, la prima puntata di L'Approdo, dedicata alla Lega, è stata vista da 1.174.000 spettatori per il 7.43% di share.

  • shares
  • Mail