Dritto e rovescio, scontro tra Del Debbio e Cecchi Paone: "Ti caccio dallo studio, vattene" (Video)

A Dritto e rovescio durissimo scontro tra Del Debbio e Cecchi Paone. L'ospite difendeva l'Europa dagli attacchi di Santanchè e Rizzo: "E' nemica di comunisti e fascisti". Il conduttore si arrabbia e minaccia di cacciarlo dallo studio. Poi le scuse al pubblico

Alessandro Cecchi Paone si scaglia contro Daniela Santanchè e Marco Rizzo. Per il conduttore, ospite a Dritto e rovescio, Fratelli d’Italia e Partito Comunista non fanno differenza con i due esponenti che vengono messi sullo stesso piano e tacciati di essere nemici dell’Europa.

Voglio ringraziarli perché ci ricordano che l’Europa è un grande amore dei liberali, socialisti e cristiani e nemico per fascisti e comunisti”, tuona Cecchi Paone. “L’Europa è nata per cancellare gli orrori fascisti e comunisti che hanno devastato il nostro continente nel Novecento. Non ci sono più deportati e perseguitati. E’ una grande bellissima opzione di libertà e serenità”.

Quello che sembra un normale scontro diventa però ben altro. I toni si alzano e Cecchi Paone arriva addirittura allo scontro frontale con Paolo Del Debbio.

 


Il padrone di casa, infatti, prende le difese della Santanché: “Non lo ascolti è fuori di melone”. Poi si rivolge all’ex mezzobusto del Tg4: “Non è fascista [...] Allora te sei un pirla [...] Alessandro piantala, levategli il microfono”.

Cecchi Paone accusa quindi Del Debbio di fascismo che, per tutta risposta, lo minaccia di cacciarlo dallo studio:

Ti butto fuori dalla trasmissione, vattene. A me fascista non lo dici. Vai, vai”.

I due sono a pochi centimetri di distanza e il clima si fa ancora più incandescente: “Tu non ti puoi permettere, mi hai dato del liberale pirla”. Del Debbio lo corregge: “No, pirla e basta. Pirla e basta”.

Fortunatamente torna il sereno e Del Debbio ne approfitta per andare in pubblicità, non prima di essersi scusato col pubblico: “Questa trasmissione generalmente non fa cose di questo tipo”.

  • shares
  • Mail