• Tv

Mtv sfida Youtube e crisi economica: dal 16 novembre 25mila video gratis sul Web

Internet e televisione: l’impressione è che, alla resa dei conti, ne resterà soltanto uno. La tecnologia, l’interesse, le abitudini e l’economia diranno chi sarà a spuntarla tra questi due medium che, tra tutti, hanno reso la nostra vita quella che è oggi. Nel bene e nel male. Sempre di più lo strumento catodico sta diventando

Internet e televisione: l’impressione è che, alla resa dei conti, ne resterà soltanto uno. La tecnologia, l’interesse, le abitudini e l’economia diranno chi sarà a spuntarla tra questi due medium che, tra tutti, hanno reso la nostra vita quella che è oggi. Nel bene e nel male. Sempre di più lo strumento catodico sta diventando una specie di trampolino contenutistico per un’offerta più completa e dinamica da fruire direttamente su Internet: è il caso, l’ultimo di una eccellente serie, di Mtv, il canale musicale per antonomasia in Italia e nel mondo. Dal 16 novembre, infatti, prenderà piede alla massima potenza mtvmusic.com (fino ad oggi era in versione beta), ove sarà possibile godere di tutto l’archivio del network: stiamo parlando di oltre 16mila video, 25mila entro la fine del 2009, tutto gratuito e on demand. A parlare è il vicepresidente di Mtv International Antonio Campo Dall’Orto:

“Strumenti come YouTube oggi sono qualcosa di enorme. Noi crediamo che nel tempo si tra­sformerà nel riferimento assoluto per la comunicazione tra persone. Negli ultimi 5 anni, contrariamente a quanto si possa pensare, il consumo di tv dei ragazzi americani fra i 12 e i 24 anni è cresciuto. La tv ha quindi un ruolo forte che va però reinterpretato. Le radio sono sopravvissute alla tv ripensandosi: lo stesso capiterà al video”.

Naturalmente, il vantaggio, oltre all’immediatezza e all’offerta, sarà dato anche dalla “legalità” del tutto: sul “Tubo”, molti video sono “illeciti” (e non a caso la maggioranza compare e riappare di continuo), viceversa sul sito di Mtv tutto sarà perfettamente in regola con contratti specifici sottoscritti con le singole case discografiche. Non solo video, annunciano “quelli di” Mtv, ma anche tanto materiale “live”, come “Come As You Are”, dell’Unplugged dei Nirvana del 1993, o la prima esibizione italiana dei Coldplay nel 2000; un concerto di Ligabue del 2003; Elisa live al Colosseo per gli Ema del 2004 e via dicendo. Per la qualità della selezione e la puntualità dell’offerta musicale, naturalmente, rimandiamo il giudizio ai colleghi di Soundsblog.