Rai 3, Todo Cambia: il potere della scelta, presentato da Lunetta Savino

Il nuovo format di Rai 3 vuole raccontare la vita di persone normali, come noi, stravolta dal potere di una scelta. Stasera si parte con un ex boss di Scampia, e una manager ad oggi dedita al sociale.


La recensione di Todo Cambia


"Cambia ciò che è in superficie, cambia ciò che è nel profondo, cambia il modo di pensare, cambia tutto in questo mondo"

– Così, con questa sigla e queste esatte parole tratte dalla canzone di Mercedes SosaTodo Cambia, del 1989, ha inizio in seconda serata su Rai 3 un nuovo viaggio condotto da Lunetta Savino alla riscoperta di noi stessi e dei protagonisti, due per puntata, che di settimana in settimana vedremo raccontare.

Il nuovo format ideato da Maria Cristina Cecilia, Luciano Palmerino e Federica Petruccioli per la regia di Alessandro Torraca, è un piccolo gioiello per il palinsesto di Rai 3, che vede un'egregia Lunetta Savino accompagnare lo spettatore in un vero e proprio racconto fatto di interviste, ma anche di video e immagini auto-prodotte dalla redazione del programma.

Nessuna retorica ma un'importante focalizzazione su di un file rouge ben preciso: quello delle emozioni. La stessa Lunetta Savino, infatti, anche stavolta recita tantissimo. Essendo la conduttrice del programma ce la saremmo aspettata vestire panni un po' diversi, invece la ritroviamo con addosso sempre i suoi: quelli di attrice, sicuramente capace di un monologo riflessivo di quelli che ti fanno chiedere 'Com'è mai possibile che stia parlando proprio (o anche) di me?', se non che caratterizzato da una naturalezza capace di incollarci alla tv come se fossimo a teatro, ma che al contempo si scontra con la verve mancante che solitamente ci si aspetta da una conduttrice nel suo pieno ruolo.

Todo Cambia racconta inoltre di due vite completamente diverse, o per lo meno così fa stasera partendo da quella di Davide prima, ex boss della camorra divenuto 'il re di Scampia' a soli 14 anni, passando a quella di Paola poi, manager ad oggi dedita al sociale. Come un vero e proprio film biografico moderno, il racconto inizia luoghi vissuti dai due protagonisti, prima di venir a più riprese intervallato da riflessioni e monologhi di Lunetta Savino e da ricostruzioni che un po' distraggono dalla realtà dei fatti.

Il passo successivo è quello di tramutare Davide e Paola in attori interpreti di se stessi. Passo falso non da poco, che vede l'inizialmente magnifico castello di Todo Cambia iniziare la sua caduta. Sì, perché il fatto che Davide si soffermi a guardare fisso in camera per alcuni secondi mentre la macchina da presa lo ritrae in un primissimo piano, o che Paola corra in bicicletta mentre la telecamera registra un piano sequenza dal color editing seppiato, non favorisce affatto l'immedesimazione e la veridicità del racconto, ma bensì alimenta una vera e propria alienazione dello spettatore a favor di belle riprese e di virtuosismi di telecamera, facendo apparire Todo Cambia come un prodotto dal racconto molto poco veritiero. Per dirla con parole povere, l'immedesimazione da parte dello spettatore rischia di perdersi strada facendo a causa di inquadrature troppo elevate che richiamano più ad un film d'autore piuttosto che ad una docu-serie dove tutto dovrebbe semplicemente ricordarci la più mera quotidianità. Il misfatto avviene anche a causa di un contorno di personaggi apparentemente molto più freddi e finti di quanto ci si possa mai aspettare, ma non è finita qui.

Altro grave errore quello narrativo, che vede Todo Cambia caratterizzato da una narrazione frammentaria capace di passare dalla vita di Davide a quella di Paola ogni cinque minuti. Risultato la noia e l'alienazione dello spettatore che, dal canto suo, non ha alcuna possibilità di immedesimarsi nella storia che gli viene raccontata. Dopotutto, cinque minuti per entrare in contatto con le sfere emotive di uno spettatore e viceversa per immedesimarsi in un personaggio sono veramente pochi, e di conseguenza l'ipotetico effetto suspance sul quale si sarebbe potuto giocare, invogliando lo spettatore a chiedersi 'Come andrà a finire?' fallisce sin dal principio, lasciandoci insoddisfatti fino all'ultimo minuto.

In conclusione, se Todo Cambia decidesse di mostrarsi al pubblico in modo meno studiato, meno arzigogolato, e con una narrazione completamente rivisitata, potrebbe davvero esser considerato un programma quasi perfetto. Così com'è al momento, però, rimane semplicemente una bellissima idea dal grande potenziale, ma incapace di mostrarsi per quanto davvero vale.

La diretta di Todo Cambia


  • 00:02

    Lunetta Savino riepiloga la voglia di cambiamento e di libertà dei due protagonisti della puntata di questa sera. Saluta i telespettatori, e dà appuntamento alla prossima settimana.

  • 00:00

    Davide ad oggi cura un 'Insieme', un centro ricreativo dopo-scuola per i piccoli di Scampia.

  • 23:48

    Dopo aver attraversato anche Asia e Thailandia, e Australia e Turchia, il 2 febbraio Paola taglia il traguardo a casa sua, a Ivrea. Ha completato il suo personalissimo giro del mondo.

  • 23:45

    Paola riesce a rimettersi in piedi. Dopo 4 mesi in cui non sapeva se sarebbe mai tornata a camminare, non solo torna a fare attività fisica ma addirittura a pedalare. La prossima meta da raggiungere è l'Australia.

  • 23:33

    Davide prosegue nel raccontare la sua storia. Verrà gambizzato a 17 anni. Lo arresteranno i carabinieri, e quella sarà parte della sua salvezza.

  • 23:27

    Prosegue il racconto di Paola. Gira tutto il mondo in bicicletta ma viene arrestata da un incidente che la terrà ferma per quattro mesi su di una sedia a rotelle.

  • 23:12

    Si ritorna nuovamente a Davide. La sua mamma viene arrestata quando lui aveva soltanto 14 anni. Da quel momento, decide di provare la sua 'scalata' nella società camorrista di Scampia.

  • 23:07

    Si passa immediatamente alla seconda protagonista di questa serata, Paola. Si è licenziata da un lavoro full time a Milano per girare il mondo in bicicletta.

  • 23:09

    Inizia l'intervista di Davide, che spiega di essere arrivato a Scampia a soli 5 anni. Così incontrò la malavita del posto.

  • 23:06

    Inizia il racconto delle prime due storie, quella di Davide e quella di Paola. Vengono raccontate in contemporanea, passando dall'una all'altra con brevi intermezzi di monologhi di Lunetta Savino che anticipano le interviste dei due protagonisti di questa sera

  • 23:04

    "Cambia ciò che è in superficie, cambia ciò che è nel profondo, cambia il modo di pensare, cambia tutto in questo mondo" - Con queste esatte parole, anche parte della sigla del programma, Lunetta Savino accoglie in studio lo spettatore e spiega il reale significato del programma: raccontare il cambiamento.

-

Le anticipazioni della prima puntata di Todo Cambia, in onda questa sera 19 aprile in seconda serata su Rai 3


Andrà in onda questa sera il primo appuntamento con Todo Cambia, la nuova docuserie condotta dall'attrice Lunetta Savino, in onda su Rai 3 questa sera venerdì 19 aprile in seconda serata. L'appuntamento si ripeterà ogni settimana, sempre in seconda serata e con puntate da 50  minuti ciascuna. Ma esattamente, di cosa si tratta?

Todo Cambia ci farà vedere l'Italia sotto un punto di vista nuovo. Lunetta Savino infatti girerà per il nostro Bel Paese alla ricerca di storie da raccontare, quelle di persone comuni come tutti quanti noi che un giorno, però, prendono una decisione capace di cambiargli tutta la vita.

Il primo appuntamento di questa sera ci porta a conoscere Davide, 44 anni, boss della camorra, a Scampia, da quando di anni ne aveva 14. Davide un giorno decide di cambiare tutto, di prendere una decisione che gli costerà cara ma che lo farà diventare una persona onesta e rispettosa. La seconda storia in onda, invece, ci racconterà di Paola, una manager che ad oggi si dedica al sociale.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma, il direttore di rete Stefano Coletta, a capo di Rai 3, aveva spiegato di come il format avesse il fine ultimo di "far riflettere in modo sorridente":

"Todo Cambia è un canto, un mantra. Nasce da un’idea che avevo in testa da tantissimi anni. Una volta mi ero imbattuto in un piccolo saggio in una libreria con un titolo fantastico, “Le scelte che non hai fatto”. Avrei voluto raccontare la realtà delle scelte non fatte ma ogni volta che tentavo di scriverne mi restava addosso tanta amarezza, così ho pensato che fosse un messaggio troppo rinunciatario e ho cambiato idea. Ho voluto quindi restituire il cambiamento positivo della scelta in questo programma"

E a tal proposito, aveva preso parola anche la conduttrice, Lunetta Savino:

"Le storie che racconterà mi hanno colpito per la loro eccezionalità perché ti emozionano. Todo Cambia è pieno di piccole cose che a me hanno colpito e spero che colpiscano anche i telespettatori"

Todo Cambia

, in onda da questa sera in seconda serata su Rai 3, e poi ogni venerdì in seconda serata, è prodotto da Verve Media Company, scritto da Maria Cristina Cecilia, Luciano Palmerino e Federica Petruccioli. La regia è affidata a Alessandro Torraca, ed è stato registrato presso il deposito ATAC del Roma - Prati District.

  • shares
  • Mail