In treatment: confermata la terza stagione. E sul sito di Cult è partito il concorso Parlami con il partner Psychologies

In treatment, ennesimo gioiellino forgiato da Hbo, avrà una terza stagione. A confermarlo The Hollywood Reporter, secondo cui le riprese dei nuovi episodi avranno luogo a New York nel 2010, con data ancora da definire. Non si hanno ancora notizie sulla collocazione della terza stagione, mentre la seconda ha visto negli States un cambiamento di

In treatment, ennesimo gioiellino forgiato da Hbo, avrà una terza stagione. A confermarlo The Hollywood Reporter, secondo cui le riprese dei nuovi episodi avranno luogo a New York nel 2010, con data ancora da definire. Non si hanno ancora notizie sulla collocazione della terza stagione, mentre la seconda ha visto negli States un cambiamento di programmazione sensibile, rispetto alla prima, per venire incontro al gusto espresso dal pubblico.

Hbo ha preferito, infatti, mandare in onda due episodi la domenica e tre il lunedì nel 2009, anziché spalmare gli episodi con uno al giorno dal lunedì al venerdì, perché gli spettatori hanno manifestato la volontà di vedere più appuntamenti di In Treatment per volta.

Cult si è ispirata alla stessa strategia cambiando rotta rispetto alla prima stagione, i cui 43 episodi sono stati programmati a partire da settembre 2008. Se l’anno scorso In Treatment andava in onda su Sky con un singolo appuntamento quotidiano, in seconda serata, da domenica 11 ottobre, ogni settimana alle 21.00, vanno in onda i 5 casi settimanali del dr. Paul Weston, interpretato dal magistrale Gabriel Byrne.

Gli episodi che stiamo vedendo in prima visione su Cult sono di sicuro all’altezza della prima stagione, anche se la nuova serie è iniziata con una rivoluzione decisamente destabilizzante: per la prima volta lo psicoterapeuta è uscito per un’intera puntata dal suo studio senza praticare un’effettiva seduta.

Sono evidenti, infatti, i legami orizzontali con il caso di Alex della prima stagione, per cui Paul si trova ad affrontare l’eventuale responsabilità giuridica del suo suicidio. E incontrare nello studio legale che ne tutelerà i diritti Mia, una sua vecchia paziente, trasforma una semplice consulenza legale in una serie di sottintesi e risentimenti dovuti al passato.

Il valore dell’ambientazione è, tuttavia, ancora fortemente presente nella serie: Paul si è trasferito a Brookyln in uno studio più arioso e illuminato, meno appartato del precedente e più metropolitano, ma dalle tinte cromatiche ancora avvolgenti. E tra una ragazza afflitta da un brutto male, un bambino alle prese con due genitori in rotta e un uomo di affari tutto di un pezzo Paul si ritrova dal suo supervisore, Gina, per fare il punto sulle proprie di debolezze.

In treatment è una serie in cui la parola gode di una rara supremazia narrativa e, nonostante qualche compromesso dinamico in più nella seconda stagione, bisogna amare i tempi lenti e avere un’indole fortemente cerebrale per apprezzarne a pieno i contenuti.

Chi fosse appassionato, e avesse voglia di confrontarsi con altri “cultori” della serie di Cult, può collegarsi al sito ufficiale di In Treatment e cliccare sul Forum. Qui troverà degli psicoterapeuti della rivista Psychologies, pronti a moderare una community decisamente più “impegnativa” delle solite, e potrà partecipare al concorso Fox “Parlami”. Basta lasciare un commento entro il 4 dicembre 2009 per concorrere al premio finale. Per la data del 14 gennaio 2010 verrà sorteggiato tra i partecipanti il vincitore di un weekend per due persone a Parigi.

I Video di Blogo

Anna, il teaser trailer della nuova serie Sky di Niccolò Ammaniti