Mauro Corona e Maria Grazia Cucinotta ci portano in montagna con L'Arca di Legno doc di Prime Video

Scoprire la montagna attraverso le storie di chi la conosce da vicino.

Il fascino dell'altezza e delle vette è al centro di L'arca di Legno - Emozioni d'alta quota una nuova docu-serie in 10 puntate che sarà inserita da domani, 11 febbraio, nel catalogo di Amazon Prime Video.

Un documentario a puntate tutto italiano nato da un'idea di Matteo Corona e Geremia Vinattieri e scritto da Luigi Dimitri, prodotto da Corrado Azzollini e diretto da Domenico De Ceglia. In ogni puntata la montagna non sarà solo protagonista con i suoi colori, la sua natura, gli elementi che la compongono ma anche attraverso le storie di chi la vive giorno dopo giorno sia per lavoro che per sport.

Maria Grazia Cucinotta e Mingo De Pasquale accompagneranno lo spettatore nel viaggio di L'arca di Legno - Emozioni d'alta quota, incontrando personaggi appassionati di montagna e di diverse discipline sportive spesso estreme e praticate a livello agonistico.

Le dieci puntate, da vedere nella modalità che più si preferisce, saranno aperte e chiuse dall'incontro con Mauro Corona, personaggio conosciuto dal pubblico televisivo per le sue ospitate televisive, con tanto di frequenti litigate con altri ospiti e non solo. Mauro Corona è però uno scrittore, alpinista e scultore che vive in tutto e per tutto la montagna, fonte d'ispirazione delle sue sculture e dei suoi romanzi, compagna di vita. Corona porterà lo spettatore nei luoghi che più conosce, che ama scalare e in cui si immerge praticamente ogni giorno.

La montagna è spesso la casa ideale di sport estremi che saranno tra i protagonisti delle Emozioni d'alta quota raccontate dalla docu-serie. Gli sport estremi saranno una costante del racconto alternati con scene più intime e riflessive in un rimbalzo continuo tra sport e arte, dal parkour alla fotografia, dalla scultura al parapendio o al volo con la tuta alare.

Oltre a Mauro Corona tra i protagonisti incontrati nel corso della docu serie ci sono Marco Milanese, Simone Canal, Barry Bona, Alessandro Darman e altri ancora.

  • shares
  • Mail