Mario Giordano ubiquo: in onda contemporaneamente a Cartabianca e Matrix

Per Mario Giordano quindici minuti di sovrapposizione con se stesso. Il giornalista ospite in contemporanea sia a Cartabianca che a Matrix. Una gaffe che nasconde un problema più grande

Mario Giordano su Raitre, Mario Giordano su Canale 5. Da una parte Cartabianca, dall’altra Matrix.

E’ successo martedì sera, con l’ex direttore del Tg4 capace di apparire contemporaneamente sia dalla Berlinguer che nella trasmissione di Nicola Porro.

Una sovrapposizione bella e buona, durata circa un quarto d’ora, che ha visto il giornalista torinese discutere prima di manovra economica e poi di multe.

Canali diversi, così come gli interlocutori. Giordano – in entrambi i casi in collegamento – è passato da Maurizio Landini, Alan Friedman, Marco Furfaro e Manlio Di Stefano ad Alessandro Cecchi Paone, dj Ringo, Laura Barriales e Matteo Biffoni (sindaco di Prato).

A dire il vero il percorso reale è stato inverso, dal momento che il conduttore di Fuori dal Coro prima ha registrato il programma di Mediaset e, subito dopo, si è spostato a Cartabianca.

Difficile dire se l’effetto ubiquità sia stato frutto di un errore sui tempi o di una diffusa distrazione. La gaffe tuttavia nasconde un problema ben più grande, che va a toccare l’attuale condizione dei talk politici ormai schiavi degli degli stessi volti, che finiscono col farsi concorrenza da soli.

  • shares
  • Mail