Che fuori tempo che fa, Maurizio Crozza difende Fabio Fazio dalle critiche della politica (video)

Nel suo intervento, l'attore comico sottolinea il condizionamento della politica nel servizio pubblico: "Chiunque governi in questo paese parte dal giù le mani dalla Rai e poi ci mette i piedi, le ginocchia, le braccia..."


Che la TV abbia fatto breccia nel cuore della politica è roba nota, che i politici si affezionino ai salotti televisivi tra simpatie e antipatie è altrettanto fuori dubbio. Ma soprattutto che Fabio Fazio sia indigesto al governo giallo-verde è un dato di fatto che da tempo si è trasformato persino un 'caso'. Sì, il cosiddetto caso Fazio sta tenendo banco tra le vicende economiche (ben più urgenti) cui è coinvolto il nostro paese.

Per capire a monte la vicenda è bene partire dalle parole del vice premier e Ministro dello Sviluppo Economico Luigi di Maio, scagliatosi contro il conduttore di Che tempo che fa pochi giorni fa in risposta alle domande dei commissari nel corso di un'audizione in Vigilanza Rai:

Certo che c'è un caso Fazio in Rai e spero che l'azienda avvii presto un'azione sul tema delle retribuzioni e delle società di produzione esterne. Questo tema fa parte delle sensibilità che abbiamo trasmesso ai nuovi amministratori Rai. Speriamo che prima possibile si possa ricostituire un clima di buon senso sulle retribuzioni.

C'è da aggiungere per dovere di cronaca che, stando a un'indiscrezione pubblicata dal quotidiano La Stampa, sembra che l'attuale maggioranza di governo stia addirittura lavorando a un vero ribaltone in Rai. Per non farsi mancare nulla, Fazio non si è conquistato neppure le simpatie di Matteo Salvini, che fra l'altro non ha mai voluto essere ospito del suo talk show nonostante i molteplici inviti.

Il conduttore non ha mosso un ciglio davanti alle critiche ma se non lo fa lui, al posto suo corre in soccorso Maurizio Crozza che nel suo consueto intervento nell'ultimo appuntamento del 2018 di Che fuori tempo che fa ha usato l'arma della satira pungente e dell'ironia per difendere il conduttore dai graffi politici:

Ieri hai fatto il 17% di share, un grande risultato! E' proprio un peccato perderti ora che sei all'apice dato che ora te ne vai (gesticola con la mano, ndr). Di Maio ha detto che c'è un caso Fazio ma questo è un cazzio per te caro Fazio! Vi sembra normale che in questo paese ci sia un caso Fazio? Non so se vi ricordate di Giovanni Spadolini (ex ministro ed ex Presidente del Consiglio morto nel 1994, ndr) lui stava li ad occuparsi della manovra finanziaria e non dei cachet di Canzonissima.

E provoca i piani alti di Palazzo Chigi:

Ieri notte Salvini, Di Maio, Giuseppe Conte e Tria per parlare della manovra sono proprio partiti dal tuo stipendio (si riferisce a Fazio, ndr) è l'unico taglio che ha messo d'accordo tutti, sei come l'ecotassa, sei la 'Faz-tax'. Ora Conte incontrerà Jean-Claude Juncker (Presidente della Commissione europea) e dirà "E' tutto risolto, abbiamo tagliato lo stipendio di Fazio per il 2019 e per il 2020 ci sarà un giro di vite anche per Max Pezzali e il Mago Forest".

L'attore comico conclude la difesa rigando dritto e non usa i mezzi termini, sottolineando quanto - ancora - le forze politiche condizionino il corso del Servizio Pubblico:

Chiunque governi in questo paese parte dal giù le mani dalla Rai e poi ci mette i piedi, le ginocchia, le braccia ma soprattutto ci mette il c**o. La tv ormai è un argomento che coinvolge tanto i nostri politici.

Per ora nessuna risposta da parte dei diretti interessati, ma l'impressione è che questo sia un capitolo tutt'altro che chiuso, piuttosto un paragrafo di una vicenda che attende i suoi risvolti.

  • shares
  • Mail