Nero a metà, riassunto quarta puntata del 10 dicembre 2018

Nero a metà, anticipazioni delle due puntate in onda lunedì 10 dicembre.

Nero a metà, quarto appuntamento (Rai 1, 21.25 - 10 dicembre 2018): riassunto settima puntata, Una Canzone per te.

La 21enne Viola viene trovata morta sul tetto di un bus Sightseeing parcheggiato sotto al suo appartamento, tanto da far pensare a un suicidio. La ragazza è nota anche come rapper e si sopre presto essere la sorellastra di Veronica, vecchia conoscenza del Commissariato Monti, soprattutto di Repola, perché incline a scappare di casa. Si scopre presto anche che in rete gira un video porno che la immortala con uno sconosciuto: Viola, infatti, aveva un ragazzo, Fabio, che le faceva anche da manager ma la loro storia era finita. L'analisi dei tabulati telefonici, però, mostra che Fabio quella notte era a casa della ragazza, che è andato via verso le 4 di mattina e che si è poi diretto verso Rocca di Papa: per Malik e Muzio è lui il colpevole, con movente gelosia. Quel video, infatti, è stato caricato dalla ragazza (la cui morte viene datata da Alba tra le 2 e le 4 del mattino) la sera stessa della sua morte, per cui potrebbe essere stata raggiunta dall'ex geloso e uccisa.

Continuano però le ricerche del ragazzo del video che si presenta in Commissariato: dice di chiamarsi Angelo, di essere un giornalista freelance, di averla incontrata per caso e di essere stato invitato a casa sua. Diverse cose nel suo racconto però non quadrano e lo conferma anche la ricerca di Olga, la moglie di Muzio che lavora alla Polizia Postale: i due sono separati, ma il lavorare insieme su questo caso li riavvicina. In ogni caso Olga scopre nel PC di Viola le prove del fatto che la ragazza partecipava al Blue Whale: aveva compiuto 14 delle 50 prove previste, l'ultima delle quali è proprio il 'salto', che potrebbe essere stata causa della morte. Ma i riscontri sul cadavere mostrano che la ragazza non si era mai inflitta le ferite necessarie per il 'gioco': si scopre così che era Veronica quella coinvolta nel gioco e che Viola aveva cercato di individuare il coordinatore che seguiva la sorellastra, per incastrarlo e punirlo del male che faceva ai ragazzi. Quel coordinatore era proprio Angelo: aveva individuato Viola, che non avendolo riconosciuto gli aveva anche confessato il suo piano, e lui così l'ha uccisa.

Sul fronte privato, Caterina ha lasciato Franco, ma Carlo sembra più preoccupato della reazione del marito della sua donna che dello stato d'animo di lei, che per un po', offesa, non si fa vedere. Le scaramucce tra Malik e Alba continuano: lei è offesa per la bugia del ragazzo, che cerca di spiegarle il perché di quella bugia, ma non può dirle tutta la verità. Sta indagando infatti su Carlo, come chiesto da Micaela Carta: la cosa, che inizialmente aveva accettato per ripicca e anche perché infastidito dai metodi irregolari di Carlo, inizia a pesargli, anche perché ha capito che l'uomo è diverso da quel che credeva. In ogni caso dalle foto capisce che la donna con Bosca è Clara, la moglie di Carlo, e che Bosca è morto quando ormai i due erano sposati da un paio d'anni. C'è ancora la possibilità che il bossolo ritrovato accanto al corpo nel cantiere di Torrevecchia sia quello della vecchia pistola d'ordinanza di Carlo quando lavorava al Commissariato di Ostia: la Carta sta per avere i risultati delle analisi e nel frattempo cerca informazioni da chi lavorava con lui. Cerca aiuto anche dall'ex dirigente Santagata: lui dice di non sapere nulla, ma avverte Carlo delle indagini dei Delitti Insoluti su di lui e lo mette in guardia dalla Carta. A sua volta Carlo va da Mario per chiedergli di non coprirgli più le spalle: non vuole che ci vada di mezzo. Ma l'amico non fa marcia indietro.

Nero a metà, quarto appuntamento (Rai 1, 21.25 - 10 dicembre 2018): riassunto ottava puntata, Una Famiglia Tranquilla.

Un uomo viene trovato sgozzato nello scantinato della sua gioielleria: si chiama Cristiano Chiani e aveva qualche problema di denaro. Il primo sospettato è il suo commesso, Luca, che non si trova e che risulta aver sbloccato l'antifurto con la sua chiave. Nel quartiere, pieno di negozi cinesi, nessuno ha visto nulla. Malik interroga un ragazzo che segue la scena dalla porta del suo bazar, che però dice di non aver visto e sentito nulla: il comportamento della sorella, però, insospettisce Malik.

I tabulati di Cristiano e Luca sono contraddittori: il commesso, interrogato dalla Polizia, dice che avevano un piano per svaligiare la gioielleria per recuperare soldi. A Luca servivano per poter vivere finalmente il suo amore con Li Han, la cinese del negozio accanto: la famiglia, infatti, non voleva che frequentasse un italiano spiantato, ma era destinata a un ricco connazionale. Il caso però non torna, non a Carlo che vuole trattenerlo, sicuro che non dica la verità: la Carta, però, lo libera e Carlo si mette sulle sue tracce. Lo ritrova poco dopo morto, massacrato di botte, con Li Han che lo piange al suo fianco.

A questo punto la ragazza racconta tutto: il piano includeva suo fratello. Lui e Cristiano volevano rubare i soldi del padre del cinese, che prestava soldi a strozzo. La sera della rapina qualcosa è andato storto e il padre ha scoperto Cristiano nel suo sottoscala, lo ha inseguito e i due sono finiti in quello della gioielleria, collegato a quello del bazar; lì l'ha sgozzato. Il figlio ha fatto finta di non sapere nulla del piano, di cui però era informata Li Han. Luca non c'entrava nulla, ma ha detto quelle cose alla polizia per proteggere la sua amata e suo fratello. Nello stesso tempo, però, una volta uscito dal Commissariato, era andato dal fratello di Li Han per chiedergli dei soldi in cambio del silenzio sul suo coinvolgimento nel furto dei soldi del padre, ma il cinese l'ha ucciso. Una famiglia a dir poco tranquilla.

La linea continua vede Carlo chiedere a Cantabella (e lui poi estende a Repola) di essere avvertito se mai qualcuno in Commissariato gli dovesse chiedere informazioni su di lui. Il clima, insomma, è sempre più avvelenato e tutti sospettano di tutti, ormai. Malik chiede a Mario come sia morta la moglie di Carlo: per un incidente, è la risposta. Carlo continua a spiegare al suo amico, e anche a Santagata, che ha tolto dal fascicolo sul caso Bosca le carte sulla sua denuncia per evitare che Alba possa mai collegare Bosca alla mamma: come e perché, è per noi telespettatori ancora da capire. La novità, però, è che il proiettile ritrovato al cantiere non viene dalla pistola d'ordinanza dell'epoca di Guerrieri: lo dice la Carta. Potrebbe essere stato, quindi, un altro poliziotto ad averlo ucciso, ipotizza Malik. E il pubblico può iniziare a pensare che sia stato Muzio.

Sul fronte privato, Alba ha deciso di lasciare Riccardo: non è più innamorata di lui, glielo dice, raccontandogli anche il perché, e torna a casa da Carlo. Il riavvicinamento con Malik è inevitabile: del resto il ragazzo non ha mai 'mollato la presa' con lei. I due finalmente si baciano, ma Carlo li vede. La reazione è di sdegno: tutti gli mentono. La figlia non gliene ha parlato, Malik opera alle sue spalle e anche Cantabella non gli ha raccontato nulla di quello che stava succedendo tra la figlia e il collega. La rabbia sale.

Nero a metà, diretta puntate del 10 dicembre 2018


  • 21.16

    Altre due indagini per il Commissariato Monti. La prima puntata si intitola Una Canzone per Te.

  • 21.29

    Riassunto puntate precedenti.

  • 21.36

    Una ragazza viene trovata morta su un sightseeing.

  • 21.38

    Malik scopre che la donna con Bosca era Clara, la moglie di Guerrieri, che lavorava al Tribunale di Ostia. Quando Bosca è morto era da un paio d'anni che era sposata con Carlo.

  • 21.38

    Caterina ha lasciato Franco.

  • 21.39

    Malik aspetta Alba all'Istituto di Medicina Legale. Cerca di spiegarle perché le ha mentito, per via di un'indagine riservata. Lui si sbilancia, lei dice che non si fida di lui.

  • 21.40

    La prof ha una relazione con un uomo sposato da 25 anni: ne parla con Alba per spingerla ad aprirsi su Malik. E decide di accompagnarla sul luogo del ritrovamento.

  • 21.42

    Viola Carchi, in arte Viola Zeta, aveva 21 anni ed era conosciuta come Rapper. Nessuna effrazione o violenza.

  • 21.43

    Qualcuno ha resettato il PC della vittima. Il suo ragazzo si chiama Fabio ed era spesso ubriaco.

  • 21.44

    La rapper morta era la sorella di Veronica, la ragazza che scappa sempre di casa. L'orario della morte risale alle 2-4 di notte. Qualcuno potrebbe afferrarla con forza ai polsi.

  • 21.48

    Punto della situazione con Mario e la dirigente sul caso di Viola.

  • 21.50

    La Repola trova Veronica, che ha già scoperto tutto. L'ultima volta che l'ha sentita era la sera prima.

  • 21.52

    Gianna Blu era la (finta) rivale di Viola. Per lei non si è suicidata: stava lavorando su un pezzo. Racconta anche che Viola aveva mollato Fabio e che non sa dove poterlo trovare.

  • 21.54

    Intanto compare in rete un video di Viola a letto con un ragazzo: Gianna dice di averlo visto con lei quattro giorni prima, ma non sa chi sia.

  • 21.56

    Lo scontro tra Malik e Carlo sulla faccenda del fascicolo manomesso è sempre più duro, ma ne parlano apertamente.

  • 21.56

    Olga, che lavora alla Postale e che Carlo ha chiamato per avere info sul video postato e sul suo pc. Il video porno è stato postato la sera prima alle 20.48: potrebbe essere stato lei a metterlo online.

  • 21.58

    Per Muzio è stato Fabio, geloso dopo aver visto il video online.

  • 22.00

    Viola ha avuto un rapporto protetto prima della morte.

  • 22.01

    Veronica dice di aver visto quel ragazzo qualche giorno prima e che a Viola piaceva.

  • 22.05

    Angelo, un giornalista freelance, va in commissariato: era lui nel video. E dice che non era d'accordo.

  • 22.07

    Carta chiama l'ex dirigente per informarlo che pensano che Guerrieri c'entri con la morte di Bosca e per chiedergli informazioni di quando erano insieme a Ostia. Ma quando Bosca morì lui a Ostia non c'era più. Insomma, lei gli chiede di darle una mano.

  • 22.08

    Il fidanzato, quella notte, ha viaggiato di notte per raggiungere Rocca di Papa. Lo trova e spiega che lei si era arrabbiata perché lui era andato a letto con un'altra. E così lei è andata a letto con uno. Lui dice di essere andato da Viola quella notte, di aver bevuto di essere andato via alle 4 di notte e di essere andato a Rocca di Papa da un'amica.

  • 22.12

    Blue Whale: Olga pensa che sia una bufala, ma basta vada in rete e magari qualcuno ci crede. Da un paio di settimane, dice, stava facendo le prove del Blue Whale. Ne aveva fatte 14 su 50 ed era stata lei e contattare un coordinatore.

  • 22.15

    Era Veronica a fare il Blue Whale.

  • 22.20

    Stranamente il secondo sospettato è il giornalista: è lui il coordinatore del gioco. Aveva capito che aveva creato un profilo per scoprirli. Lui dice che si è finto curatore per un articolo.

  • 22.24

    Alla fine il giornalista confessa. Lui l'aveva seguita, l'aveva individuata, erano stati insieme; lei non aveva capito chi fosse fino a quando non gli ha raccontato dell'intenzione di smontare quella truffa in cui era caduta la sorellastra.

  • 22.25

    Il fatto di aver lavorato vicino sembra aver riavvicinato Mario e Olga.

  • 22.25

    Santagata chiama Carlo: lui insiste a dire che non vuole che Alba colleghi il nome della madre, che è in quel faldone, al nome di Bosca. Lo avverte però che la Delitti Insoluti sta indagando su di lui, con l'aiuto della Carta.

  • 22.27

    Alba lascia Riccardo: non lo ama più. Lui è convinto che c'entri Malik. Comunque sia, è finita. Pubblicità.

  • 22.35

    Carlo va da Mario per dirgli quanto saputo da Santagata e per chiedergli di non aiutarlo più. Non vuole che passi guai a causa sua.

  • 22.35

    Nuovo caso di omicidio: la vittima è Cristiano Chiani, trovato con la gola tagliata. Luca Govini, il commesso, aveva le chiavi del negozio ma non c'era. La persona che l'ha trovato era andato a ritirare un regalo.

  • 22.39

    La moglie è disperata.

  • 22.40

    Malik chiede info al negozio di cinesi vicino.

  • 22.40

    Guerrieri chiede a Colabella di avvertirlo se qualcuno gli fa domande su di lui; Colabella lo dice anche a Repola. Insomma fanno sempre di più le cose 'zitto zitto in mezzo al mercato...".

  • 22.41

    Da tabulati viene fuori che Luca, il commesso, ha chiamato la vittima per tutta la notte. Il ragazzo era andato in discoteca e non è tornato a dormire, dice la sorella.

  • 22.44

    Un altro numero spunta dai tabulati, quello di una ragazza cinese che lavora al bazaar acconto al negozio della vittima. Bene, allora l'assassino è il fratello che avrà difeso l'onore della ragazza?

  • 22.48

    Alba torna da Riccardo per dirgli che è innamorata di Malik. Lui le dice di impacchettare tutte le sue cose e portarle va.

  • 22.50

    Alba torna a casa da Carlo.

  • 22.52

    Malik continua a indagare su Torrevecchia e chiede info sui cantieri che c'erano negli anni '90. Racconta alla mamma di aver accettato l'indagine sul capo, ma non gli piace essere quello che imbroglia e mente. Pubblicità.

  • 23.01

    Malik chiede a Mario come è morta la moglie di Carlo: lui risponde che è stato per un incidente.

  • 23.04

    La Polizia è sulle tracce del commesso Luca: lo trovano in un capannone dove incontra la sorella del cinese.

  • 23.05

    Luca dice di non aver ucciso Cristiano: voleva soldi per fuggire con Li Han e allora avevano pensato di rapinare la gioielleria, con la complicità dello stesso Tiani. L'ha trovato già morto ed è scappato.

  • 23.07

    La famiglia vuole che Li Han sposi un cinese. E le prove dimostrano che Luca non c'entra con l'omicidio. Ma Carlo pensa che ci sia dell'altro.

  • 23.10

    Sotto le unghie della vittima c'è un DNA diverso da quello dei sospettati.

  • 23.11

    Malik indaga sui rapporti tra la moglie di Carlo e Bosca; Carlo vuole scoprire quando è morto Bosca; Carta è riuscita a recuperare la vecchia arma d'ordinanza di Guerrieri.

  • 23.15

    E infatti Carlo si mette sulle tracce giuste e trova quelle del fratello di Li Han.

  • 23.20

    I due scantinati, quello della gioielleria e quello de bazaar, sono collegati: la questione della rapina era una finta. C'era qualcos'altro da organizzare.

  • 23.23

    Luca è scappato dalla polizia ma viene ritrovato morto, massacrato di botte.

  • 23.25

    E finalmente Li Han confessa: è stato il fratello. Il padre teneva nello scantinato i soldi che presta e si era messo d'accord con Tiani per rubarli. A uccidere Tiani è stato il padre di Li Han che lo ha sorpreso nella sua parte di scantinato. Il fratello ha fatto finta di non saperne niente e così Luca è andato a chiedergli dei soldi per il suo silenzio. E lui l'ha ucciso.

  • 23.28

    Non è stata la pistola di Guerrieri a sparare a Bosca, ma De Marchi non vuole mollare, dice la Carta a Malik. Forse è stato un altro poliziotto. E forse sappiamo anche chi....

  • 23.28

    Caelo vuole andare a prendere Alba, che intanto trova Malik davanti all'Istituto. E ora che sono liberi e innamorati...

  • 23.29

    ... e li vede papà. Che rimonta in macchina e sgomma.


Nero a metà, anticipazioni quarto appuntamento

Nero a metà, quarto appuntamento (Rai 1, 21.25 - 10 dicembre 2018): altri due casi d'omicidio nel quarto doppio appuntamento con la serie interpretata da Claudio Amendola. In onda la settima e la ottava, ciascuna da 50' ciascuna.

Nero a metà, anticipazioni settima puntata: Una canzone per te


Carlo (Claudio Amendola) e Malik (Miguel Gobbo Diaz) indagano sulla morte misteriosa di una rapper, ritrovata senza vita sul tetto di un autobus: bisogna capire se si tratta di un omicidio o di un suicidio. Nel frattempo tra Alba (Rosa Diletta Rossi) e Malik la tensione sale sempre di più e il rapporto tra i due è ormai complicatissimo. Intanto Micaela Carta (Antonia Liskova) prosegue le indagini sul caso Bosca e spera di poter trovare al più presto un alleato, per mettere la parola fine a questo caso. Sul fronte privato, Cristina lascia il marito: ha intenzione, dopo 9 anni, di dare una svolta alla sua vita sentimentale.

 

Nero a metà, anticipazioni ottava puntata: Una famiglia tranquilla


In una gioielleria italiana a Chinatown viene trovato un cadavere e  Carlo e Malik devono scoprire cosa sua successo. Alba, intanto, torna a vivere con suo padre dopo aver lasciato Riccardo, di cui non è più innamorata. Le indagini sul caso Bosca procedono senza sosta.

 

Nero a Metà, come seguirlo in tv e in live streaming


La serie è composta da 12 puntate da 50' trasmesse in 6 prime serate, al momento previste il lunedì alle 21.25 su Rai 1, con la sola eccezione di giovedì 13 dicembre, per evitare che la serie termini la Vigilia di Natale. Nero a Metà è diretto da Marco Pontecorvo, ma nasce da un'idea di Giampaolo Simi e Vittorino Testa; soggetto di serie di Francesco Amato e Giampaolo Simi, coordinamento editoriale di Donatella Diamanti; fotografia di Vincenzo Carpineta. La serie è una coproduzione Rai Fiction e Cattleya, con la partecipazione di Netflix.

Nero a Metà, second screen


L'hashtag ufficiale è #NeroaMetà.

 

  • shares
  • Mail