Nero a metà, puntata del 26 novembre 2018: Una notte senza stelle

Le anticipazioni delle due puntate in onda lunedì 26 novembre.


Nero a metà, dirette puntate del 26 novembre 2018


  • 23.27

    In Procura intanto vedono le immagini sporche dell'Archivio, ma identificano Carlo. E scoprono anche che ha sottratto delle carte da un incartamento di 25 anni prima su Danilo Bosca, che è il cadavere ritrovato nel cantiere di Torrevecchia,

  • 23.25

    Alba va da Malik per dirgli di non farle mai più uno scherzo così, ma finiscono a letto. Alla terza puntata.

  • 23.25

    Carlo racconta a Mario di essere andato in Procura e di aver tolto dal fascicolo le dichiarazioni di Bosca: c'era Clara con loro la sera in cui lui ha lo ha picchiato.

  • 23.23

    Malik fa trovare un biglietto in bianco sulla Vespa di Alba. Mario intanto è solo a casa, desolato: Carlo va a trovarlo e Mario le dice che la moglie lo ha lasciato 10 giorni fa. Ha 30 anni e non le crede che gli vuole bene.

  • 23.22

    Hanno finalmente un nome i resti del cantiere a Torrevecchia si legge sul giornale.

  • 23.20

    Nel cellulare ci sono i messaggi e anche il video dell'omicidio. E' Dora ad averla uccisa perché non le permetteva di vedere il ragazzo.

  • 23,18

    Dicono a Gelsa che il cellulare è scarico: gli preparano una trappola. Carlo porta Dora in commissariato e la mettono in stanza con lui: i due parlano e si scoprono.

  • 23.16

    Malik bacia Alba: ha avuto paura per lei. Ma lei dopo il bacio respinge il secondo: "Non posso". Carlo è riconoscente a Malik per aver salvato la figlia.

  • 23.12

    Gelsa prende in ostaggio Alba: Carlo cerca di distrarlo e Malik riesce a catturarlo. Pubblicità.

  • 23.10

    Un'informatrice dice a Carlo dove trovare Gelsa. C i va con Malik.

  • 23.08

    Due ragazze vanno da Carlo: una di loro conferma l'alibi di Ronat, Si sono drogate e imbrogliano con le analisi, ma il ragazzo non ha venduto loro la droga, l'hanno consumata insieme.

  • 23.07

    Le impronte del ladro del portafoglio portano a uno schedato, Federico Gelsa, che ha lavorato alla casa famiglia. Ma non si trova e la suora non ha né fatto né ricevuto chiamate la sera del0l'omicidio. Bisogna quindi trovare questo ragazzo.

  • 23.06

    Pare proprio che l'identificazione del cadavere del cantiere stia procedendo. Un medico sta studiando la mandibola.

  • 23.05

    Le ragazze sono l'unico alibi per Ronat, ma loro non cambiano versione.

  • 23.02

    La Carta è convinta che l'albanese stia proteggendo qualcuno e Guerrieri insiste: dice che stava con le due ragazze e hanno sniffato cocaina: non spaccia, ma comunque le due ragazze sono minorenni. Non ha parlato per il progetto di recupero.

  • 22.57

    Alba va a portare i risultati a Malik, che non si smentisce mai e fa tra il piacione e il misterioso. Mix letale. Le racconta che in quella vasca ha ricordato come è arrivato in Italia: barcone, naufragio, madre morta. Il corpo non l'hanno mai ritrovato. Lei allora gli dice che lo capisce, ma non gli spiega il perché.

  • 22.56

    Nove anni di relazione extraconiugale con Caterina, che gli confessa di aver scoperto la sua bugia. Lui le dice che è un momento complicato, ma lei vuole di più.

  • 22.51

    Racconta di averle chiesto un prestito per aprire un locale con un amico, ma lei ha detto di no. E' scappato dai poliziotti perché aveva della cocaina con sé per uso personale, ma non c'entra col delitto. E per la sera dell'omicidio non ha un alibi. E' anche alto quanto il sospetto. Ma dall'autopsia si scopre che l'assassino potrebbe essere più basso di lei. Pubblicità.

  • 22.49

    E Carlo e Malik lo fermano proprio sul luogo di lavoro, da cui lui prova a scappare.

  • 22.47

    Una ragazza, Dora, dice di aver visto suor Maria litigare con un albanese, Ronat Kananit. Dice ai poliziotti di parlare un Ludovica. In realtà è uno spacciatore con cui le due ragazzine spacciavano: loro sono state mandate in casa famiglia, a lui suor Maria ha trovato un lavoro.

  • 22-46

    Mario intanto ha un altro attacco di panico, ma non prende le pillole. Le butta tutte via.

  • 22.45

    Tale Ernesto Rovini ha denunciato un furto: la tessera sanitaria con cui l'assassino è entrato nel sexy shop è la sua.

  • 22.44

    Si interrogano le ragazze della casa famiglia. Tra queste si fa notare Francesca, che non è molto attendibile.

  • 22.41

    Erano in molti ad avercela con Suor Maria. Nel cassetto della sua camera trovano un portafoglio, quindi quello trovato non era il suo.

  • 22.41

    Mario Muzo osserva come un falco, ma rifiuta la chiamata alla moglie Olga, che è andata via di casa. "Se non è per dire che torni è inutile parlare" le scrive.

  • 22.39

    E arriva la nuova dirigente, Micaela Carta. Molto formale con Malik, ma è lei la bionda della sera prima. Viene dai Delitti Insoluti e lui ha studiato con lei.

  • 22.37

    Suor Maria è la vittima: non è una rapina. Delle immagini si vedono però. Si vede un uomo mascherato, molto alto, che entra e rompe la telecamera.

  • 22.37

    Lui ha chiesto il trasferimento, ma non ha letto il messaggio in cui lei gli ha detto che è femmina. Lei non vuole che se ne vada, necessariamente, ecco.

  • 22.35

    Tra dei rifiuti Carlo trova un portafogli; la titolare racconta come funziona l'ingresso nel sexy shop: tutti gli ingressi vengono registrati con tessera sanitaria, ma solo con le date di nascita. Le telecamere di sorveglianza sono state tutte rotte.

  • 22.34

    Malik non si arrende e continua a corteggiare Alba, che pare indifferente.

  • 22.33

    Una suora pugnalata a morte in un sexy shop. Ha tentato di disarmare l'aggressore; la telecamera di sorveglianza è stata rotta; la suora è morta tra l'una e le 4. Gestiva una casa famiglia con ragazze con precedenti.

  • 22.32

    Carlo ricorda di quando picchiò tale Mosca che stava alzando le mani su 'sua' moglie. Ma vuoi vedere che non era la moglie, ma un'amica e lui ha adottato la sua creatura?

  • 22.31

    Titolo della seconda puntata: Una Notte senza Stelle.

  • 22.30

    Una bionda bussa a casa di Malik: come entra si spoglia. "Avevamo detto che valeva la pena rivedersi".

  • 22.28

    Si continua a festeggiare: Malik ce riprova, ma arriva il fidanzato di Alba. Carlo invece 'svia' Caterina mandandole un messaggio per dirle che è ancora in Commissariato: e invece lei l'ha visto rientrare a casa.

  • 22.23

    Fine della prima delle due puntate e pubblicità. Molto meglio, anche se i casi gialli sono - a ora - elementari...

  • 22.21

    Mario annuncia a Carlo che sono vicini all'identificazione della vittima del cantiere. E così Carlo cerca un modo per allontanare i sospetti: va in archivio, accende un dispositivo che disturba la registrazione delle telecamere e sottrae da un faldone dei documenti.

  • 22.19

    Repola intanto libera Malik dalla scrivania di recupero e gli dà lo spazio che merita. Intanto Santagata saluta e va in pensione. E gli regalano un cucciolo.

  • 22.19

    Il bambino viene tolto alla madre 'adottiva'. Repola ha convocato Parisi: il figlio in fondo è suo. Vuole che ci parli Carlo.

  • 22.16

    Quando era poliziotto lui ha indagato sulla clinica e la dottoressa le ha offerto tanti soldi per farlo tacere. Lui ha chiesto un bambino, perché la moglie non poteva averne. Dice che Irina ha sempre saputo che il figlio sarebbe andato a lui (come e perché non si capisce però), ma che i patti erano chiari: sarebbe scomparsa. E invece lei si è presentata al secondo compleanno del bambino; la moglie ha ceduto, gliel'ha fatto vedere e così è tornata tutti gli anni, finché non ha preteso di riaverlo. Lui ci ha provato, dice, a farla ragionare, ma poi l'ha uccisa.

  • 2214

    Il figlio di Irina lo ha preso Sergio, il capo della sicurezza dell'aeroporto. Ed evidentemente è stato lui a uccidere Irina. Accoglie i poliziotti armato.

  • 22.13

    Scavando negli archivi, Carlo dice di aver capito di chi è il figlio. La Repola intercetta madre e bambino. Ma è la villetta di Un Medico in Famiglia?

  • 22.10

    Con l'aiuto di un amico - uno che aveva arrestato e che ora lavora alla clinica - Carlo entra nello studio della dottoressa per cercare prove della compravendita di bambini. Le azioni di Carlo e Malik procedono parallelamente e ciascuna all'insaputa dell'altra.

  • 22.09

    Non riesce a dormire e così rivede i video dell'arrivo di Irina. E si sofferma su una donna cercando di capire quale sia l'angolo morto delle telecamere.

  • 22.08

    Malik ha gli incubi sull'annegamento della mamma.

  • 22.08

    Un carabiniere dice di averla vista quando era incinta. La dottoressa ha mentito: evidentemente vendono i bambini. Questa la conclusione di Carlo.

  • 22.07

    Carlo dà incarico di seguire le mosse di Malik e Alba: "Se la pensa lo devo sapere...". "Ma perché è nero?". "Mi stai dando del razzista?".

  • 22.04

    Il padre di Irina esclude la gravidanza, ma Carlo e Malik vanno alla clinica Sant'Ennio, dove la ragazza avrebbe abortito. Anche lì risulta un certificato di IVG come dice la dottoressa Palardi. L'intervento, dice, è avvenuto 5 anni fa. Se ha abortito a marzo, come ha fatto ad avere un figlio a settembre? Il certificato è falso? Santagata però non vuole casini con quella clinica.

  • 22.01

    Parisi è andato a prenderla all'aeroporto il giorno in cui Irina è morta. Ci sono state 5 chiamate in una settimana tra loro. E allora tornano a interrogarlo: lui dice che non è mai uscita. Ha provato a chiamarla alle 20.15 ma non ha avuto risposta. Lei dormiva in un appartamento suo, ma dice che non sa perché veniva in Italia. Lui non sapeva che lei avesse un figlio e ovviamente ha buttato la fattura dell'aborto.

  • 22.00

    Lisi, in uniforme, è il padre della figlia di Emma, giusto?

  • 21.59

    Vuoi vedere che sotto il tatuaggio c'è una cicatrice? EBBENE SI'. Lo scopre Alba. Intanto Repola scopre che Irina veniva in Italia sempre a Settembre, in un periodo molto preciso. Toh, pensa....

  • 21.56

    "E' un video citofono. Suona tu" dice Malik a Carlo. Vanno da Parisi, l'ultimo datore di lavoro di Irina, che si è licenziata da loro nel 2013. L'ha conosciuta quando lavorava in un ba lì vicino. Poi sono diventati amanti: la storia è durata poco più di un anno, ma è finita quando è rimasta incinta. Lui, da poco sposato, le ha chiesto di abortire, le ha pagato tutto; lei le ha poi presentato la fattura dell'aborto e se n'è andata. Mi sa che vinco la bambolina...

  • 21.55

    La mamma adottiva di Malik sta cercando informazioni sulla madre naturale del figlio, morta in un naufragio. Lui l'ha ricordato solo 'la scorsa settimana'.

  • 21.54

    "Se un amico ha fatto una cazzata tanto tempo fa e per tenerla nascosta ancora sta per farne un'altra, cosa gli diresti?" chiede Carlo a Caterina.

  • 21.53

    Malik tenta l'approccio con Alba invitandola a bere qualcosa...

  • 21.50

    Mario è andato in ospedale e gli hanno diagnosticato attacchi di panico, che però si curano con psicofarmaci. Ha paura che si scopra. Carlo è deciso a mantenere il segreto. Il braccialetto trovato è uguale a quello che aveva l'ex della moglie? Ma Carlo non vuole che Alba sappia della madre: "E' tutta la vita che la proteggo da 'sta cosa..." dice Carlo. La prof intanto continua a lavorare sulle ossa ritrovate nel cantiere: la si vede solo lì.

  • 21.47

    "Arrivederci amore mio": un tatuaggio in cirillico sul suo corpo. Il padre lavora in un cantiere a Frosinone, ma da circa un anno. Quini le visite precedenti non erano legate a lui. Il padre non sapeva che fosse in Italia. Ok, vogliamo vedere che la ragazza ha partorito e viene a trovare il bambino, visto che nella sua valigia sono stati ritrovati dei giocattoli?

  • 21.45

    Cinzia Repola riconsegna alla mamma una ragazzina recidiva alla fuga da casa.

  • 21-45

    La vittima è stata strangolata forse con un cavo elettrico tra le 19 e le 22 della serata precedente e ha cercato di difendersi. Intanto Carlo ha trovato nell'immondizia una valigia: è di Irina Kolestova da Kiev, incensurata. Da qualche anno è tornata a vivere a KIev e ogni tanto tornava in Italia dove aveva svolto tutti lavori regolari.

  • 21.41

    Mario si sente male in Commissariato.

  • 21.39

    Il bagaglio del proprietario, un sub, è stato tracciato e alla partenza pesava 20 Kg: il suo bagaglio col corpo però è stato trovato agli arrivi. Non può essere stato lui... Bisogna cercare i filmati e anche di capire come è stato possibile 'dirottare' quel bagaglio.

  • 21.38

    Sulla scena arriva anche Alba. Il proprietario della valigia viene interrogato: non conosce la vittima.

  • 21.38

    Un amico di Carlo è il capo della sicurezza dell'aeroporto. Si stupisce che Carlo sia in coppia con uno di colore.

  • 21-36

    Aeroporto: un addetto ai bagagli trova per caso il cadavere di una donna in un trolley.

  • 21.35

    Carlo va sullo scavo dove hanno trovato il corpo e il braccialetto della moglie, si suppone.

  • 21.28

    Riassunto delle linee continue della scorsa settimana. In tutto questo il promo ha già rivelato che Mario soffre di attacco di panico. Pubblicità.

  • 20.50

    Amadeus cerca soliti sospetti. E tra loro c'è anche Malik.


Nero a metà, anticipazioni 26 novembre 2018

Nero a metà, anticipazioni seconda puntata (Rai 1, 21.25 - 26 novembre 2018): il secondo appuntamento con il nuovo poliziesco con Claudio Amendola ruota intorno a due femminicidi, di natura molto diversa. Nella prima delle due puntate, infatti, Carlo e Malik dovranno occuparsi del cadavere di una donna ritrovato in una valigia all'aeroporto di Fiumicino, mentre nella seconda di una suora trovata morta in un sexy shop. Ma procediamo con ordine.

Nero a metà, anticipazioni seconda puntata


Carlo e Malik si ritrovano a investigano sul caso di una ragazza ucraina trovata morta in una valigia all’aeroporto di Roma. Nel corso dell’indagine i due mostrano di avere due approcci molto diversi: Carlo si lascia guidare dal suo intuito e dalla grande esperienza, mentre  Malik è più attento ai dettagli e alle nuove tecnologie. Alba, alle prese con la sua nuova vita da convivente, prova a resistere alle avances di Malik: il poliziotto non nasconde l’attrazione che prova nei suoi confronti. Carlo intuisce che il collega appena arrivato nutre una simpatia per sua figlia e non vede la cosa di buon occhio. In Commissariato, invece, per il Dirigente Santagata (Roberto Citran) è arrivato il momento di andare in pensione e dire addio alla sua squadra.

Nero a metà, anticipazioni terza puntata


Carlo e Malik indagano sull'omicidio di una suora ritrovata morta in un sexy shop. L’indagine porta i poliziotti a indagare su un gruppo di giovani ragazze ospiti della casa famiglia nella quale la vittima abitava. Il caso metterà in serio pericolo la vita di Alba, costringendo Malik a intervenire per metterla in salvo. Nel frattempo in commissariato arriva la nuova Dirigente, Micaela Carta (Antonia Liskova), che mostra subito la sua autorità e sua freddezza. Carlo, infine, prendere atto che Cristina (Alessia Barela), la sua compagna, è stanca di vivere la loro storia in clandestinità.

Nero a Metà, come seguirlo in tv e in live streaming


La serie è composta da 12 puntate da 50' trasmesse in 6 prime serate, al momento previste il lunedì alle 21.25 su Rai 1. Nero a Metà è diretto da Marco Pontecorvo, ma nasce da un'idea di Giampaolo Simi e Vittorino Testa; soggetto di serie di Francesco Amato e Giampaolo Simi, coordinamento editoriale di Donatella Diamanti; fotografia di Vincenzo Carpineta. La serie è una coproduzione Rai Fiction e Cattleya, con la partecipazione di Netflix.

Nero a Metà, second screen


L'hashtag ufficiale è #NeroaMetà.

  • shares
  • Mail