Maurizio Costanzo a Tv Talk: “Salvini al Costanzo Show? I politici devono essere sempre più simili a chi li guarda”

Il conduttore e giornalista è stato tra gli ospiti della puntata odierna del programma di Rai 3.

Maurizio Costanzo ha presentato durante la puntata odierna di Tv Talk, programma in onda su Rai 3 e condotto da Massimo Bernardini, il suo nuovo libro intitolato Il tritolo e le rose.

Il conduttore del Maurizio Costanzo Show, in onda su Canale 5, è stato intervistato in collegamento e ha esordito, parlando della “performance” del vice-premier e Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sul palco del suo celebre talk show:

Sono passati 41 anni e Andreotti a Bontà Loro fu strepitoso. Oggi, il vice-premier ha cantato Vasco Rossi. I politici devono essere sempre più simili a chi li guarda. Se è un vantaggio o no per il nostro paese? E’ ineluttabile. L’altra sera, al Costanzo Show, però, Salvini ha anche risposto a sei domande di ragazzi di un liceo di Roma. C’era politica nelle sue risposte. Perché il Maurizio Costanzo Show ci ha messo tanto per tornare? La colpa, mica, è stata mia…

Parlando della sua recente intervista a Che tempo che fa e dei siparietti con la moglie Maria De Filippi, invece, Costanzo ha assicurato che la sua vita privata non diventerà mai un format televisivo:

Una specie di Casa Costanzo non lo faremo mai per rispetto ai veri Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, ce lo siamo promesso, io e Maria.

Prendendo spunto dal suo libro, che parla dei suoi anni ’90, Maurizio Costanzo ha ripercorso quelli che, per lui, sono stati i migliori anni per la televisione. Costanzo ha anche sottolineato l’importanza della tv generalista:

Gli anni belli, gli anni d’oro, sono stati i ’70-’90. Gli anni di Rischiatutto, Portobello, dei primi talk show… Anni nei quali la tv nasceva. Oggi, la tv è più articolata. Il desiderio di chi fa tv è di portare i giovani a seguire la televisione generalista. Noi abbiamo bisogno dei ragazzi.

Maurizio Costanzo ha anche dichiarato di essere contrario alla piega “nostalgica” presa recentemente dalla tv odierna:

Bisogna cercare nuovi format ma il problema è un altro. Quando facevo il Costanzo Show, c’erano cantine e cabaret dove potevo prendere Iacchetti, Covatta, Riondino… Oggi, è difficile fare un cast. E’ facile andare verso la nostalgia e, invece, bisogna cercare di proporre. Dobbiamo provare, fare qualche errore. Sbagliando, i programmi vengono meglio. Sbagliare ti fa crescere.

Costanzo ha terminato l’intervista, parlando dell’importanza della “parentela mediatica”:

La morte di Fabrizio Frizzi è stata la prova dela parentela mediatica. Bisogna seminare molto per creare la parentela mediatica. Quando entri nelle case, devi diventare un parente, altrimenti sei un intruso, un ladro.

Ultime notizie su Tv Talk

TvTalk è un talk show che tratta tematiche prevalentemente televisive, che va in onda dal 2001 e che dal 2010 è trasmesso il sabato pomeriggio alle 15.

Tutto su Tv Talk →