Ieri oggi Italiani: un format retrò che rincorre il gossip di oggi (foto gallery)

La recensione del nuovo programma di Rete4 con Rita Dalla Chiesa

rita dalla chiesa.jpg

E' cominciato Ieri oggi Italiani, il nuovo programma di Rete 4 prodotto da VideoNews e Maurizio Costanzo e condotto da Rita dalla Chiesa che torna alla conduzione sul piccolo schermo. L'apertura della trasmissione avviene senza troppi fronzoli e giri di parole, quasi come se fosse la puntata zero di un qualsiasi canale di intrattenimento. Dalla Chiesa appare sorridente e rassicurante con un vestito rosso, saluta il pubblico, i musicisti Massimo Zagonari e Max Tempia, l'opinionista  Turchese Baracchi e annunciando immediatamente il tema della puntata.

Il format è già visto, il retrogusto di vecchio c'è tutto. Basta guardare il quadro scenografico che balza subito all'occhio: lo studio (che è lo stesso di quinta colonna, per capirci) è composto da una tavolata di 3/4 ospiti che ricorda quello di A tu per tu, trasmissione (sfortunata) del 2000 andata in onda su Canale 5 condotta da Antonella Clerici e Maria Teresa Ruta, in cui gli ingredienti erano gli stessi.

Per il primo appuntamento l'argomento portante è stato "l'amore e le sue sfaccettature", ovvero l'ABC dei talk leggeri. Si parte accennando la storia e i grandi amori che hanno caratterizzato il passato dello stivale, in collaborazione con Roberto Olla, presente in studio per il racconto dell'Italia di ieri; il tema si fa 'spezzatino' e si divide in amori indimenticati, finiti male, della terza età e gli amori social.

Il tutto è guarnito da filmati e opinioni degli ospiti 'pop' del calibro di Partizia De Blanck che ripercorre fasi della sua vita sentimentale, Daniela del Secco d'Aragona, Cecilia Rodriguez, Giulia de Lellis, Andrea Damante, Lory del Santo, Corinne Clery, apparentemente fuori luogo, ma facilmente coinvolti nella tematica grazie alle loro storie d'amore (di certo non paragonabili a quella di Grace kelly e il Principe Ranieri) che hanno creato tanto gossip.

Ebbene, il pretesto per spettegolare stava proprio dietro l'angolo, quasi come se l'idea iniziale di trattare gli amori storici ed indimenticati, sia stato solo un trampolino di lancio per salire sul carro degli amori da reality tanto seguiti e squilibrare, guastare ciò che si era degnamente trattato ad inizio programma con le citazioni d'antan.

Forse al prossimo appuntamento ci sarà più equilibrio? Si può dire 'Buona la prima', il potenziale di miglioramento c'è e non basta tanto.

  • shares
  • Mail