Pio e Amedeo a Blogo: "Emigratis è una serie artigianale: ci occupiamo anche del montaggio" (video)

Emigratis torna su Italia 1 da lunedì 19 con Pio e Amedeo. Tvblog intervista i due comici pugliesi.

Pio e Amedeo tornano a sconvolgere il palinsesto di Italia 1 con Emigratis. Il programma più scorretto della rete diretta da Laura Casarotto stavolta sbarca in prima serata con la terza stagione. "Non la viviamo come una conquista, la viviamo come la precedente stagione. Non abbiamo cambiato niente, né edulcorato il nostro linguaggio, che anzi è ancora più scorretto (infatti il programma viene presentato con il bollino rosso, come succede con i film horror, ndr). Emigratis però si evolve dal punto di vista dei contenuti. E cambia anche la durata, vicina alle due ore". Saranno cinque puntate in cui i due comici pugliesi girano il mondo (dalla Spagna a Ibiza, passando per l'Inghilterra e la Russia) scroccando a destra e a manca. Alcuni nomi delle vittime? Vacchi, Fedez, Ferragni, Bocelli, Morata, Ibrahimovic.

Questa per loro è una serie tv e non un programma televisivo: "Ogni episodio non inizia e finisce, c'è una macrostoria. Ogni puntata è la consecutio di un'altra. La serie parte con il nostro matrimonio omosessuale, poi nella seconda puntata vogliamo diventare fashion blogger, e così via. Vedetevela". I due non temono le critiche della cosiddetta - ironicamente - lobby gay: "Secondo noi i pregiudizi si possono abbattere con l'ironia. Approfittiamo del nostro linguaggio per denunciare che in Italia i matrimoni omosessuali non riescono a garantire i diritti garantiti all'estero. Ecco perché andremo a sposarci in Spagna".

Infine, una chicca: Pio e Amedeo si occupano in prima persona anche del montaggio: "Emigratis è un programma artigianale, preferiamo fare tutto noi perché solo noi sappiamo dove vogliamo arrivare".

emigratis.png

  • shares
  • Mail