Rai Sport, Olimpiadi: acquisiti i diritti per Pyeongchang 2018 e Tokyo 2020

Trovato l'accordo tra la Rai e Discovery.

pyeongchang-2018.png

Il Consiglio di Amministrazione Rai, che si è riunito oggi, giovedì 14 dicembre 2017, sotto la presidenza di Monica Maggioni, ha approvato l'accordo con Discovery per quanto riguarda l’acquisizione dei diritti radiotelevisivi in chiaro delle Olimpiadi invernali del 2018 in Corea, a Pyeongchang, che la Rai trasmetterà, di conseguenza, dopo 8 anni di assenza. L'accordo è stato raggiunto su proposta del direttore generale, Mario Orfeo.

Oltre all'accordo riguardante Pyeongchang 2018, il Consiglio di Amministrazione ha approvato anche lo schema negoziale per quanto concerne le Olimpiadi estive del 2020 in Giappone, a Tokyo. Come si può leggere sul comunicato ufficiale, il direttore generale Mario Orfeo ha ribadito che "i Giochi Olimpici, dove è rappresentata l’Italia, rappresentano un momento importante per il servizio pubblico radiotelevisivo, il cui ruolo è anche quello di trasmettere e rendere universali i valori dello sport".

E' stato scongiurato, quindi, il rischio di mancato accordo tra la Rai e la Discovery che, nel giugno 2015, aveva acquisito i diritti dei giochi olimpici per quattro edizioni (Pyeongchang 2018, Tokyo 2020, Pechino 2022 e Parigi 2024), per una cifra complessiva di 1,3 miliardi di euro.

Nell'aprile di quest'anno, l'accordo tra la Rai e Discovery non si concretizzò a causa delle presunte cifre troppo alte che Discovery avrebbe chiesto alla tv di Stato. Anche Giovanni Malagò, presidente del CONI, commentò non positivamente il mancato accordo ("Mi auguro che questa vicenda dei diritti televisivi si sistemi e si chiuda. Se la Rai che è servizio pubblico non trasmette l'Olimpiade... Questa cosa a noi non va bene").

Come già affermato, quindi, le olimpiadi invernali torneranno sulle reti Rai dopo 8 anni e, soprattutto, è stato scongiurato il rischio di non vedere, per la prima volta, le olimpiadi estive sulla tv pubblica.

  • shares
  • Mail