Colpi di cuore, la parodia delle soap di Sirene disponibile su RaiPlay (Video)

All'interno di Sirene va in onda Colpi di cuore, parodia delle soap opera i cui episodi sono disponibili su RaiPlay

I più attenti telespettatori di Sirene avranno notato che, all'interno degli episodi della fiction di Raiuno -di cui domani andrà in onda l'ultima puntata- s'intravede una soap opera, dal titolo "Colpi di cuore", di cui le protagoniste, ancora nuove alle abitudini dei terrestri, si sono presto appassionate.

"Colpi di cuore", in realtà, si può seguire per intero su RaiPlay: nel corso della prima stagione delle serie tv, infatti, sono stati caricati online gli otto episodi da 4 minuti ciascuno di quella che vuole essere dichiaratamente una presa in giro del genere soap opera.

Colpi di cuore

Protagonisti di "Colpi di cuore" (il cui titolo originale è "Tiros de Corazon") sono Juan (Luciano Scarpa), Rodrigo (Thomas Trabacchi) e Consuelo (Elisabetta Pellini). I tre, all'interno del soggiorno della Pampa, una casolare che si trova a Riva dos Tarquinos, passano le giornate con pochi passatempi ma, soprattutto, con un dilemma da risolvere.

Consuelo, infatti, deve decidere a chi dare i suo cuore tra i due pretendenti: ma ad ogni puntata i suoi "Non so..." gettano i due cugini nello sconforto, rassegnati a passare il tempo fissando la nuvola fuori dalla finestra o la stessa Consuelo fare un ricamo. E se la donna, in alcuni episodi, sembra decidersi, è pronta la giustificazione, utile a rimandare la decisione e, quindi, ad allungare la trama della soap.

"Colpi di cuore", con la sua ambientazione geografica e storica, vuole fare il verso ad Il Segreto ed a tutte le soap opera in generale, capaci di trascinare la loro trama per anni (non a caso la pseudo-soap parte dall'episodio 12.385) senza farla mai avanzare.

Gli episodi, tutti scritti e diretti da Ivan Cotroneo (che è anche showrunner e sceneggiatore, con Monica Rametta, di Sirene), prendono proprio in giro un intero genere ed i suoi difetti, anche di produzione, con evidenti errori nelle riprese, recitazione superficiale, tecnici che s'intravedono e forcelle per capelli che spuntano nei primi piani dei protagonisti.

La serie fantasy di Raiuno ha provato così un esperimento di metatelevisione che non aveva lo scopo di diventare esso stesso un evento, ma che si è approfittato di uno spazio all'interno della narrazione per intraprendere una strada differente, più vicina al pubblico che naviga online e che avrà afferrato la parodia.

  • shares
  • Mail