• Tv

La tv fa bene ai bambini. Parola di scienziato

Qualche giorno fa vi parlavo dell’apertura di Baby tv, il nuovo canale Sky dedicato all’infanzia e alla fascia da 0-3 anni. E in proposito manifestavo le mie perplessità come mamma, in quanto, secondo la mia esperienza, questa tv sebbene con programmi strutturati per i piccolissimi, si sarebbe andata ad aggiungere ai tanti giochi di cui

di marina

Bambini davanti la tv ma con la presenza dei genitori Qualche giorno fa vi parlavo dell’apertura di Baby tv, il nuovo canale Sky dedicato all’infanzia e alla fascia da 0-3 anni. E in proposito manifestavo le mie perplessità come mamma, in quanto, secondo la mia esperienza, questa tv sebbene con programmi strutturati per i piccolissimi, si sarebbe andata ad aggiungere ai tanti giochi di cui sinceramente possiamo fare a meno, perché per bambini così piccoli è certamente l’interazione tra la sua mamma, papà, fratellini, nonni, zii, baby sitter, fatta di odori, suoni, colori, coccole, voci, carezze, a stimolarlo nella crescita e nell’apprendimento.

Ebbene, Mario Morcellini, autore de La Tv fa bene ai bambini (Meltemi, €11) nonché Preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università la Sapienza di Roma in un intervista a Vanity Fair (nr.31) dice:

La Tv è un educatore inconsapevole che racconta della società, dei suoi valori e disvalori. Basti pensare ai telefilm, che propongono una chiara demarcazione tra il bene e il male.

E aggiunge che la Tv va vista tutta: tv satellitare, on-demand:

E’ un bene. Moltiplica l’offerta in un mercato seduto e permette di scegliere i programmi più graditi. Ma bisogna diversificare: non solo fiction, non solo cartoni…meglio un po’ di tutto.

Infine, secondo Morcellini resta ai genitori la capacità di insegnare al bambino ad usufruire della Tv:

Le scene di violenza e morte possono alterare la percezione della realtà. Ma questi temi si sono spostati di più su internet. I genitori non devono dare la sensazione di controllo, ma parlare con il bambino, ricontestualizzando ciò che vede in Tv e alimentando la sua curiosità.

Foto | Flickr