Report su Rai3: conferenza stampa con Sigfrido Ranucci

La presentazione della nuova stagione del programma di inchieste di Rai3

  • 11.53

    Tra qualche minuto inizierà la conferenza. Intanto, alcune news dalla cartella stampa: nella prima puntata andranno in onda tre inchieste: Socialmente umiliati di Bernardo Iovene (persone che lavorano nei Comuni e che non hanno contributi perché percepiscono un sussidio dal ministero del Lavoro e una piccola integrazione dagli enti), Cioccolato amaro di Emanuele Bellano sul settore industriale del cioccolato e Per un soffio di Antonella Cignarale sull’etilometro.

  • 11.54

    Durante la stagione, Report proporrà anche una inchiesta esclusiva sulla lista di politici e imprenditori che hanno società e conti nei paradisi fiscali più protetti.

  • 12.21

    Presente in sala anche il dg Rai Mario Orfeo. Inizia la conferenza.

  • 12.22

    Il dg Mario Orfeo: “Un grande in bocca al lupo a tutta la squadra di Report, un brand storico della Rai. Il giornalismo per me è uno, ma quello di Report si è contraddistinto come giornalismo investigativo e di passione. La passione fa di Report una trasmissione unica”.

  • 12.23

    Viene mostrato un estratto di alcune delle nuove inchieste di Report.

  • 12.26

    Il direttore di Rai3 Coletta: “Report torna con grande freschezza; ha capacità di stare sul pezzo”.

  • 12.27

    Coletta: “Report non fa sconti a nessuno, la redazione legge carte, ha metodologia scrupolosa. Report racconta sempre pagine del nostro tempo”.

  • 12.28

    Coletta spiega che Report si occuperà anche di genetica e Dna.

  • 12.29

    Coletta: “Ranucci è il capo banda; rimango colpito dall’attenzione a ogni dettaglio”.

  • 12.31

    Il capostruttura di rete Annamaria Catricalà: “Sono soddisfatta dei risultati raggiunti con la conduzione di Ranucci; questa squadra ha dimostrato di saper fronteggiare la concorrenza dura che ci è capitata la scorsa primavera”.

  • 12.31

    Catricalà, precisando di parlare a titolo personale: “La Rai è in debito con Milena Gabanelli. Le aveva fatto un contratto per costruire un portale dell’informazione; poi il contratto si è interrotto. Trovo che questa interruzione sia in contrasto con la politica della Rai di conservazione e valorizzazione delle risorse. Auspico che la Rai sappia darle risposte giuste. Mancano 10 giorni alla fine della sua aspettativa non retribuita. La Rai non può permettersi di perdere Milena”.

  • 12.33

    Catricalà annuncia che la novità stagionale è l’anteprima: mini-inchieste che introducono le puntate. Nella prima puntata è dedicata all’etilometro.

  • 12.36

    Ranucci: “Nell’anteprima ci saranno temi originali. Se ne occupano i nostri collaboratori più giovani”.

  • 12.38

    Ranucci ringrazia la Rai: “Determinate inchieste le si possono fare solo se alle spalle si ha un’azienda grande”. Sul direttore Coletta: “Quest’anno il direttore di rete ci rassicura”.

  • 12.39

    Viene mostrato un estratto dell’inchiesta di Iovene trasmessa nella prima puntata (lavoratori che non hanno contributi).

  • 12.42

    Iovene spiega che questi lavoratori sono considerati disoccupati: “Non hanno contributi, ma il paradosso è che il sussidio glielo versa l’Inps”.

  • 12.43

    Nell’inchiesta di Iovene c’è anche l’intervista all’ex ministro Treu, responsabile di questo incredibile caso.

  • 12.45

    Giovanna Boursier sta realizzando un’inchiesta sulla vendita degli asset strategici italiani agli stranieri. Tra questi Telecom e Ilva.

  • 12.47

    Michele Buono ha realizzato una simulazione: se al posto dell’Unione europea ci fossero gli Stati uniti d’Europa. L’esito: saremmo il primo Paese al mondo per benessere e ricchezza.

  • 12.49

    L’ufficio stampa Rai fa notare che Report è il programma di informazione più seguito su Facebook e Twitter di tutta la tv italiana.

  • 12.51

    Ranucci: “L’anno scorso su 9 puntate 7 volte il nostro hashtag è stato il più usato su Twitter”.

  • 12.52

    Iovene: “Parlo a nome di tutta la redazione di Report: auspichiamo che la Gabanelli resti in Rai”. Ranucci: “È un valore per l’azienda, lo ha dimostrato”.

  • 12.52

    Sulle polemiche per l’inchiesta sui vaccini. Ranucci: “Ferrara mi ha definito un no vax, ma io non lo sono; molti hanno parlato di quella puntata senza neanche averla vista. Mi sono pentito solo di aver sottovalutato la ricaduta mediatica di quell’argomento; un servizio pubblico forte, un giornalismo forte, in uno stato forte e libero, deve poter parlare di vaccini denunciandone criticità pur non mettendone in dubbio l’utilità. Dopo tanti mesi dalla puntata ancora non è arrivata alcuna richiesta di rettifica”.

  • 12.55

    Ranucci: “Di Pietro ci querelò per l’inchiesta della Giannini, ma poi ha ritirato la querela”.

  • 12.56

    Coletta incontrerà la Gabanelli? “Non lo so, l’aspettativa non retribuita di Milena scade il 31 ottobre; i passaggi successivi non li conosco. Cosa auspico? Che Milena continui il suo lavoro serio e rigoroso in Rai a cui è molto legata e per la quale ha dedicato la sua vita”.

  • 12.59

    Ranucci sulla tutela legale: “Ce l’abbiamo, ma la Rai non ci copre se noi sbagliamo per dolo o negligenza”. E spiega che finora l’unica causa persa era per l’inchiesta sulle case farmaceutiche (perché un’intervistato è stato riconosciuto dal suo datore di lavoro). “Mai persa una causa per diffamazione. Io ho accumulato circa 60 querele per diffamazione”.

  • 13.00

    Ranucci: “Per un servizio di 36 minuti – sul sindaco Tosi – sono riuscito ad ottenere 19 querele”.

  • 13.02

    Ci sarà una puntata che potrebbe creare problemi? Ranucci: “Non pensiamo alle ricadute mediatiche, perché altrimenti si rischia di condizionare le inchieste. L’unico criterio che usiamo è l’interesse pubblico”.

  • 13.04

    Catricalà: “Il giornalismo investigativo deve essere scomodo, non ci possono essere ragionamenti di opportunità”.

  • 13.04

    Ranucci ammette che l’inchiesta sulla lista di imprenditori e di politici che hanno costituito società all’estero potrebbe far discutere.

  • 13.05

    Finisce la conferenza.

Sta per iniziare nella sede Rai di Viale Mazzini a Roma la conferenza stampa di presentazione di Report. Blogo seguirà l’incontro in liveblogging.

Report in onda su Rai3, a partire da lunedì 23 ottobre alle ore 21.05, è un programma di Sigfrido Ranucci con la collaborazione di Giovanna Boursier, Michele Buono, Bernardo Iovene, Paolo Mondani e Stefania Rimini. La regia è di Claudio Del Signore.

Durante la conferenza previsti gli interventi del direttore di Ra3 Stefano Coletta, del capostruttura di rete Annamaria Catricalà, di Sigfrido Ranucci, Giovanna Boursier, Michele Buono, Bernardo Iovene, Paolo Mondani e Stefania Rimini.

Ultime notizie su Report

Report è una trasmissione che va in onda su Rai3 proponendo inchieste giornalistiche.

Tutto su Report →