Fantashare e Cosa Vedrai – Prime time del 20 luglio 2009

Su RaiUno, Ho sposato uno sbirro. Ovvero, continua la deprecabile prassi di proporre in replica italiche serie tv già vecchie in prima visione. Per apprezzare meglio quanto sia incolmabile il gap che ci separa dall’americanità. Su RaiDue Criminal Minds, puntata dal titolo Penelope – Il cavaliere della notte. In seconda serata, alle 23:55, ecco Stracult.

di


Su RaiUno, Ho sposato uno sbirro. Ovvero, continua la deprecabile prassi di proporre in replica italiche serie tv già vecchie in prima visione. Per apprezzare meglio quanto sia incolmabile il gap che ci separa dall’americanità.

Su RaiDue Criminal Minds, puntata dal titolo Penelope – Il cavaliere della notte. In seconda serata, alle 23:55, ecco Stracult.

Su RaiTre, dopo il Tg3, Mondiali di Pallanuoto maschile: Italia-USA, una sfida calda nelle piscine delle polemiche per i costumi troppo aerodinamici. Ma nella pallanuoto il problema non si pone.

Su Canale5, Se solo fosse vero. Commedia romantica (con fantasma?) ma – lasciatevelo dire da uno che ama le commedie romantiche – davvero troppo stucchevole e mielosa. Con Reese Witherspoon, Mark Ruffalo, Donal Logue, Dina Waters.



Su Italia1, Mai dire Candid. Ilary Blasi e il Mago Forest con la tripletta dei Gialappi Giorgio Gherarducci, Marco Santin e Carlo Taranto.

Su Rete4, il sempreverde Sentieri selvaggi: John Wayne, per un western che può piacere a nonni e nipotini.

Su La7, Moonshot: l’uomo sulla luna, una sorta di docufiction, un un film che ricostruisce il lancio e l’allunaggio dell’Apollo 11 e l’effetto che ebbe sull’umanità intera, facendo luce su aspetti poco conosciuti della missione più seguita e condivisa nella storia dell’uomo (sic).

mtv logo Su MTV, TRL e a seguire The Fabulous Life of

all music logo Su AllMusic, Rapture e a seguire All Music loves Urban.

I Video di TvBlog

Ultime notizie su Cosa vedrai? La sfida del prime time

Guida ai programmi tv della prima serata per sapere cosa c'è da vedere questa sera in tv.

Tutto su Cosa vedrai? La sfida del prime time →