Cartabianca: il talk giornalistico non delude, imperdibile intervista a Camilleri. Insinna, molto rumore per nulla

Cartabianca 2017-2018, la recensione di Blogo

Bianca Berlinguer è tornata anche quest’anno con Cartabianca, l’approfondimento politico in prima serata che già nella scorsa edizione ha provato a rottamare il classico talk show in una formula più briosa, con interviste, duelli e incursioni social. A parte lo studio rinnovato, la novità di quest’edizione, che ha destato curiosità e critiche negli scorsi giorni, è la presenza di Flavio Insinna in qualità di inviato: la puntata si è infatti aperta con un suo servizio da Fiumicino, alla scoperta di un uomo che ha mollato tutto per vivere davanti al mare. Subito dopo, Bianca ha provveduto alla “riabilitazione” di Insinna, in studio per raccontare la sua “bellissima estate”:

Ho imparato a fare una scrematura. Chi vuole sentire le tue spiegazioni, le ascolta, chi ti odia, ti odia comunque. Faccio più selezione, sono grato a Cartabianca per questa possibilità

Dieci minuti, poi Flavio scompare per tutta la puntata, per ricomparire alla fine per annunciare che la settimana prossima sarà a Ischia. Molto rumore per nulla. La sua presenza era proprio necessaria?

Lo stile della trasmissione rimane sempre quello asciutto e immediato del talk giornalistico: la Berlinguer è perfetta padrona di casa, mantiene il ritmo serrato, cercando di non sforare con i tempi, e almeno per oggi ce la fa. Placa i momenti di tensione e diventa perfino simpatica e ‘umana’ quando si fa leggere i risultati dei sondaggi perché ha il faro puntato sulla telecamera e non vede. Nelle interviste singole, com’è nel suo stile, la conduttrice incalza l’ospite e riesce a non creare momenti ‘vuoti’. Deliziosa la chiacchierata con Andrea Camilleri, esilarante con i suoi 92 anni, che non fa sentire la mancanza del momento “comico” della serata: Geppi Cucciari sarà ospite fissa dalla seconda puntata (saranno 40 in tutto).

Il coinvolgimento del pubblico è pressoché pari a quello dello scorso anno, con i sentiment, sondaggi “emozionali” di Salvatore Noto, che funzionano e rendono più agevole seguire i duelli, che a tratti rischiano di essere noiosi perché troppo tecnici.

Cartabianca, di fatto, rimane uno degli approfondimenti giornalistici di Rai 3 che funzionano meglio: puntuale, preciso, senza orpelli, che dà la possibilità agli ospiti di esprimersi anche con una certa veemenza. Il tutto sotto l’occhio vigile di un’esperta padrona di casa, sempre attenta a mantenere ‘alto’ il livello della trasmissione, senza trascurare alcune “pillole” di ilarità che alleggeriscono il tutto.

[live_placement]

Parte questa sera alle 21.15 su Rai 3 la nuova stagione di Cartabianca, condotto da Bianca Berlinguer. Nel cast, quest’anno, anche Geppi Cucciari, che arriverà dalla seconda puntata, e Flavio Insinna, che sarà inviato del programma. Noi di TvBlog seguiremo la prima puntata in liveblogging.

Il programma di approfondimento torna per questa seconda stagione con una struttura pressoché invariata. Ci sarà il consueto faccia a faccia iniziale, il duello con il sondaggio di Antonio Noto e un’intervista finale. La regia quest’anno sarà affidata ad Arturo Minozzi. La versione pomeridiana, quotidiana, ripartirà dal 6 novembre.

Geppi Cucciari arriverà dalla seconda puntata del talk show. La comica commenterà a modo suo l’attualità politica e interverrà nel corso della puntata. Flavio Insinna invece firmerà alcuni servizi realizzati nei “luoghi della cronaca”, li commenterà in studio e racconterà le sue sensazioni. L’attore romano tornerà quindi in tv dopo la polemica con Striscia la Notizia per i suoi fuori onda ad Affari Tuoi.

Cartabianca | Dove vederlo in tv e in streaming

Il programma va in onda il martedì sera alle 21.15 su Rai3. Si può vederlo in live streaming sul portale Rai.tv, dove sarà poi disponibile on demand.

Cartabianca | Second Screen

Il programma ha una pagina ufficiale su Facebook, e un account Twitter, @Cartabiancarai3. L’hashtag è #cartabianca.


Ultime notizie su Flavio Insinna

Tutto su Flavio Insinna →