L’aria che tira, Myrta Merlino e l’attualità senza fronzoli all’ora di pranzo (che meriterebbe anche altri spazi)

Il liveblogging della puntata dell’11 settembre 2017 de L’aria che tira, il programma di informazione condotto da Myrta Merlino

A vedere L’aria che tira, e soprattutto Myrta Merlino, verrebbe da pensare che la conduttrice de La 7 sarebbe pronta per spazi ben più prestigiosi nel palinsesto: una prima serata (come già ha dato prova di saper gestire qualche anno fa, con la versione serale del programma quotidiano) o un contenitore pomeridiano.

Il problema è che se La 7 togliesse la Merlino dalla fascia prandiale, si priverebbe di una professionista capace di reggerere due ore e mezza di quotidiano senza cadere in sensazionalismo ed inutili “esclusive”, ma offrendo uno sguardo sull’attualità costantemente aggiornato e serio, ma non per forza noioso.

A dare a L’aria che tira quest’impronta di magazine d’attualità politica e non solo è proprio lei: una conduttrice che non solo riesce a portare la proprio opinione nelle notizie di cui parla senza imporla al programma, ma soprattutto che riesce ad ottenere il rispetto da parte degli ospiti, siano essi colleghi o esponenti di destra o di sinitra.

L’aria che tira, forse, non fa clamore come tanti altri programmi simili, ma è proprio questo a dimostrarne la sua effettiva funzionalità all’interno di un palinsesto ricco di talk show politici e di ospiti che compaiono in più trasmissioni a seconda delle esigenze. Non si cerca il dibattito-scontro, ma la discussione e l’informazione.

Un lavoro preciso ma mai borioso, quello della Merlino e della sua redazione, che riesce ad alternare temi di portata politica (come l’economia o i prossimi candidati leader) ad altri che muovono maggiormente l’animo e le emozioni dei telespettatori (come il nubifragio a Livorno e l’occupazione abusive delle case).

In questo contesto, ben s’inserisce la campagna #Odiolodio, forte dell’intenzione della conduttrice di smascherare i violenti del web che colpiscono anche lei, e di sfruttare anche la popolarità che il programma ha sui social network durante la messa in onda.

Un programma che non ha bisogno di novità sostanziali, se non nell’impaginazione: gli inserti di realtà aumentata incuriosiscono il telespettatore, all’interno di uno studio spartano e senza fronzoli. Questo, d’altra parte, è un programma che non vuole stupire nella visione, ma vuole informare e dare al pubblico un’idea di cosa succeda in Italia.

Ecco perchè difficilmente Myrta Merlino lascerà questa fascia: L’aria che tira permette a La 7 di rafforzare la propria identità di rete dedita all’attualità stretta, senza titoloni o budget impressionanti. Facendo quelloche tutti i programmi di informazione dovrebbero fare: informare e far discutere. Per trovare altri spazi in palinsesto e rischiare nuove fasce, c’è tempo.

A seguire, il liveblogging della puntata dell’11 settembre de L’aria che tira.

[live_placement]

L’aria che tira, puntata 11 settembre 2017: anticipazioni

Myrta Merlino torna, dopo la lunga pausa estiva, alla conduzione de L’aria che tira, il programma di informazione quotidiana de La 7 che riprende nella sua versione autunnale da oggi alle 11:00. Numerose le novità previste fin dalla prima puntata, anche se alla base della trasmissione resta l’intenzione di raccontare l’attualità del paese tramite ospiti, interviste ed inviati.

Trattandosi di un programma d’attualità, buona parte della scaletta sarà decisa direttamente in mattinata (è assai probabile che si parli del nubifragio che ha colpito Livorno, provocando vittime e feriti), ma la trasmissione presenterà anche alcune rubriche fisse che saranno presentate già da oggi.

La più importante sarà la campagna #Odiolodio, rivolta al contrasto della violenza sul web. Per lanciarla, in studio sarà ospite la Presidente della Camera Laura Boldrini, lei stessa al centro di pesanti insulti che le arrivano sui social network. “In studio mostreremo i tweet offensivi, che siano scritti da persone comuni o da politici”, ha spiegato la conduttrice a Blogo.

Altra novità sarà la presenza, in studio, della realtà aumentata, che permetterà di cambiare la scenografia a seconda dell’argomento trattato. Previste, inoltre, anche una serie di lezioni con video tridimensionali, che affronteranno differenti tematiche.

Poi, ovviamente, non mancheranno gli ospiti in studio, quelli in collegamento ed i servizi che racconteranno l’attualità in Italia, passando dalla politica alla cronaca, passando per l’economia. La struttura del programma, con la divisione in due parti e l’introduzione della Merlino, resterà invariata.

L’aria che tira, puntata 11 settembre 2017: come vederlo in streaming

E’ possibile vedere L’aria che tira in streaming sul sito ufficiale de La 7, mentre da domani sarà possibile rivederlo nella sezione Rivedila7.

L’aria che tira, puntata 11 settembre 2017: Second screen

Si può commentare L’aria che tira sulla pagina ufficiale di Facebook e su Twitter, all’account @Ariachetira. L’hashtag è #LAriaCheTira.


Ultime notizie su L'aria che tira

Tutto su L'aria che tira →