Jack London and Me, Marco Paolini su Rai 3 dopo 10 anni

Capodanno 2017 con un graditissimo ritorno, quello di Marco Paolini in Rai. E si riparte da Rai 3.

Erano dieci anni che Marco Paolini non proponeva un suo spettacolo in Rai e lo fa questa sera, 1° gennaio 2017, alle 22.15 su Rai 3 con Jack London and Me, spettacolo teatrale che recupera la scrittura dello scrittore americano – semplicisticamente archiviato come scrittore per ragazzi – e ne ripercorre le esplorazioni, la ricerca umana, facendone un racconto proprio.

Una lunga e vissuta elaborazione ha portato Marco Paolini a viaggiare lungo le suggestioni dei lavori sul Grande Nord scritti da London, come Zanna Bianca e il Richiamo della foresta, e immergersi nell’autobiografico Martin Eden, per arrivare all’esperienza fantascientifica di Tallone di ferro.

Come vuole la tradizione ‘paolininiana’, i suoi spettacoli sono frutto di una partecipazione attiva al racconto. Nel 2010, infatti, Paolini inizia a lavorare su alcuni racconti di London e risalendo a piedi la Val Genova attraverso boschi, cascate e (in cordata) il ghiacciaio dell’Adamello, prende forma lo spettacolo Ballata di uomini e cani, composto da tre racconti di Jack London trascritti in forma orale e un racconto dedicato a Zaher, un giovane afgano in cerca di futuro, da cui prende le mosse questa versione televisiva. Un racconto tra teatro, con due lunghi estratti tratti dallo spettacolo, e il documentario, che ripercorre il percorso di creazione di Marco Paolini, il lavoro che ha accompagnato la scrittura, la realizzazione, la regia, fatta di esplorazioni, sopralluoghi, studi realizzati sulle Dolomiti, prove nei teatri, agli incontri con amici e studiosi appassionati dello scrittore, fino ad arrivare allo spettacolo nella sua forma finita.

Jack London and Me, di Pier Paolo Giarolo e Marco Paolini, diventa quindi un’occasione per conoscere lo scrittore americano attraverso lo sguardo dell’autore italiano, che fa da guida al pubblico anche attraverso lo scambio e la collaborazione con compagni di viaggio legati in vario modo al grande scrittore: da Davide Sapienza, scrittore e traduttore di Jack London,  al saggista e critico Goffredo Fofi, dai musicisti Lorenzo Monguzzi e Stefano Nanni, al disegnatore Simone Massi, al sociologo e scrittore Gianfranco Bettin.

Un ritorno davvero molto atteso questo di Paolini in Rai, con la quale ha scritto alcune pagine indimenticabili di televisione. Come non ricordare la sua diretta dalla diga del Vajont nel 1997 nel 34° anniversario del disastro, cui seguirono molti altri progetti, tra cui i Monologhi per Report (correva l’anno 2003), quindi l’album di racconti trasmessi su Rai 3 nel 2005.

Poi la lunga parentesi a La7, che vide anche uno speciale di Capodanno (La macchina del capo, in onda il 1° gennaio 2009), senza dimenticare Album di Aprile, primo esperimento di racconto del rugby in tv realizzato nel 2008 per accompagnare il Sei Nazioni 2008. E ancora Miserabili, Il Sergente, Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute e ITIS Galileo, in onda nel 2012.

Ora il ritorno in Rai con Jack London and Me. E personalmente non vedo l’ora di farmi avvolgere ancora una volta dai racconti densi, caldi, emozionanti di Marco Paolini.