Rocco Schiavone, ci sarà una seconda stagione?

Antonio Manzini assicura che il progetto continuerà, ma deve prima scrivere nuovi libri. E la Rai che dice?

Si conclude oggi Rocco Schiavone, la serie televisiva con protagonista Marco Giallini, prodotta da Cross Productions e Rai Fiction, che si può considerare una delle rivelazione della stagione tv. Tra il plauso del pubblico (che puntata dopo puntata ha continuato a seguire lo scorbutico vicequestore romano trasferito ad Aosta per punizione) e qualche polemica dovuta alla “scomodità” del personaggio nato dalla penna di Antonio Manzini, arriverà a conclusione il primo ciclo di puntate, a cui probabilmente ne seguiranno delle altre.

A confermarlo, in un certo senso, è lo stesso Manzini che, in occasione di un incontro con i suoi lettori ad Aosta per il ventennale della biblioteca regionale, ha precisato che dopo queste sei puntate ce ne potrebbero essere delle altre:

I tempi non li so, non sono in grado di dirlo, però probabilmente sì. C’è un romanzo fuori ancora, 7-7-2007, ma uno è un po’ poco, bisogna averne un po’ di più, staremo a vedere, non lo so. Io adesso quello che penso è che devo scrivere un libro, poi cosa succederà alla serie mi riguarda in seconda battuta, di meno, penso più che altro al libro in questo momento…

Più concreto è invece Rosario Rinaldo, presidente della Cross Productions, casa di produzione della serie tv che, a Tv Sorrisi e Canzoni, spiega:

Credo proprio che si farà. L’accordo con Sellerio, la casa editrice di Manzini e Camilleri, è che prima escano i libri. Quindi dobbiamo aspettare luglio, quando uscirà il prossimo romanzo che insieme con l’ultimo, “7-7-2007”, useremo per scrivere i nuovi episodi. Prevediamo di cominciare a scrivere la sceneggiatura in estate e di iniziare a girare a marzo 2018.

I fan di Rocco Schiavone, quindi, dovranno probabilmente attendere due anni prima di rivedere in tv Marco Giallini nei panni del vicequestore.

Quanto alla Rai, nonostante l’assenza al momento di comunicazioni ufficiali, è molto probabile che non si lascerà scappare questa gallina dalle uova d’oro. Basti pensare alle parole che la Dallatana ha speso per presentare la fiction alla conferenza stampa:

Siamo consapevoli di aver un bel prodotto che ci qualifica enormemente. Questo prodotto ricolloca la fiction italiana al centro del mercato internazionale. La fiction genera cultura e c’è grande richiesta di prodotti nuovi. E’ importante che l’Italia ritorni in prima linea.

E voi, cosa ne pensate? Rocco Schiavone deve tornare in tv?