Mentana contro la "bambinata" del Movimento 5 Stelle (VIDEO)

Enrico Mentana blasta ancora

Chicco blasta il M5s (Rocco Casalino?): "Non vengono per punirci perché venerdì l'intervista a Di Maio non è andata in onda dopo Renzi ma dopo Berlusconi"

Questa si chiama "bambinata"

Pubblicato da Maratoneti di Mentana #bringbackoursardoni su Lunedì 5 dicembre 2016

Come si dice in gergo, Enrico Mentana blasta. Stavolta tocca al Movimento 5 Stelle e in particolare ai responsabili della comunicazione (Rocco Casalino, citato esplicitamente da Mentana) del non-partito di Beppe Grillo. Il direttore del TgLa7, durante la diretta di lunedì pomeriggio dedicata alle conseguenze del referendum, ha raccontato un interessante retroscena:

Volevamo avere esponenti del M5S ai nostri microfoni, ma, come ci ha confermato per le vie interne il nostro Celata, è stato deciso di non far venire gli esponenti del M5S come punizione per il fatto che nella nostra trasmissione di venerdì scorso (si riferisce a Sì o No, andato in onda su La7 alla vigilia del referendum, Ndr) Di Maio non ha parlato dopo Renzi ma dopo Berlusconi. Questa si chiama bambinata, ed è un bambino quello che lo ha comunicato a Celata (...) Se c'è una emittente rispetto alla quale non si può dire che ci sia stato il tentativo di oscurare il M5S è sicuramente questa; comunque, basta aspettare, tutti i bambini crescono. (...) La protesta è del tutto fuori luogo. (...) Casalino, peraltro, dovrebbe avere lontani elementi di riconoscenza nei confronti di Berlusconi. Abbiamo deciso di intervistare prima Berlusconi perché è pur sempre l’ex presidente del Consiglio e per 10 anni è stato il leader di Forza Italia. Di Maio non è il leader del M5S, di cui è notoriamente il fondatore Beppe Grillo.

Da parte del Movimento 5 Stelle, almeno per il momento, nessuna reazione.

In apertura di post il video.

2016-12-05_202852.jpg

  • shares
  • Mail