Piazzapulita | Puntata 5 dicembre 2016

Piazzapulita: la diretta della puntata del 5 dicembre 2016

  • 21.21

    Michele Emiliano e Luigi De Magistris tra gli ospiti politici della puntata.

  • 21.30

    La puntata si apre con la copertina che racconta la giornata di ieri.

  • 21.34

    Verdini: "Il risultato è netto, viva la democrazia".

  • 21.36

    Zucconi: "Renzi si è chiuso dentro la bolla dopo essere entrato a Palazzo Chigi, ha perso il contatto col resto del mondo".

  • 21.38

    Zucconi insiste: "Renzi è stata un'occasione perduta. Per sé, prima di tutto". Damilano: "Renzi era un leader immediato, poi è diventato molto mediato".

  • 21.42

    Viene riproposto il reportage girato da Zoro per Piazzapulita ai tempi del tour di Renzi per le primarie.

  • 21.43

    Marzo 2014, Renzi a Scalea, in Calabria.

  • 21.51

    Zucconi: "Mi spaventa che il Sud abbia votato così in fretta per lasciare così come è la Costituzione".

  • 21.52

    Settembre 2014, Renzi al matrimonio di Carrai.

  • 22.03

    L'intervista all'economista Fitoussi: "La vittoria del no mi rende triste. Renzi era l'unico ad opporsi alle politiche di austerità europee".

  • 22.05

    Fitoussi: "Il pericolo più grande che stiamo ignorando è quello della fine della democrazia".

  • 22.10

    Davide Serra, partner fondatore Algebris Investments, in collegamento: "Siamo passati da meno 433 posti di lavoro del governo Letta a più 660 posti di lavoro del governo Renzi".

  • 22.10

    Serra insiste: "La macchina si era rimessa in moto".

  • 22.12

    Serra: "L'errore di Renzi è aver personalizzato il referendum".

  • 22.19

    Serra spiega che la finanza non vede l'ora che l'Italia esca dall'Europa.

  • 22.23

    Serra: "Il capitale guarderà ai prossimi 6,12,18,24 mesi e guarderà a tre dati: numero di posti di lavoro, numero di nuove aziende create e Pil".

  • 22.32

    Mieli: "Alfano dice elezioni a febbraio? Mi sembra un auspicio saggio".

  • 22.35

    Telese: "Ai mercati se c'è Renzi o non c'è Renzi non frega un cavolo".

  • 22.36

    Telese: "Il Pd deve esprimere un nuovo governo".

  • 22.39

    Damilano convinto che Renzi "ha pagato il peccato originale di non aver scalato il Potere per via elettorale ma per via di una manovra di Palazzo".

  • 22.44

    Si parla di legge elettorale. Mieli: "Siamo un Paese in cui nell'eventualità che vincano i nostri avversari cominciamo a tentennare".

  • 22.50

    Telese ricorda i 30 mila licenziamenti in più del governo Renzi. Poi parla del messaggio del Sud dato al Premier.

  • 22.58

    Mieli: "Se Renzi è davvero un gran politico si ritira per un periodo".

  • 23.00

    Telese a Mieli: "Tu frequenti l'élite". Mieli: "Io sono l'élite".

  • 23.00

    Damilano concorda su quanto dovrebbe fare Renzi: "Dovrebbe esserci tra qualche mese, pur stando fuori".

  • 23.06

    In studio Domenico De Masi, sociologo: "Renzi è stato punito dalla realtà, Renzi è un fuoriclasse della politica".

  • 23.11

    De Masi: "Un disoccupato è una persona che ha l'ordine di rendersi invisibile".

  • 23.15

    I dati del lavoro in Italia.

  • 23.16

    Nei 100 comuni con più disoccupati il No vince con il 65%.

  • 23.20

    In onda il servizio di Monteleone sul Cnel.

  • 23.21

    Il vice presidente del Cnel esulta.

  • 23.22

    In studio il parlamentare del Pd Fiano, in collegamento il sindaco di Napoli De Magistris.

  • 23.23

    Fiano: "Chi vota non sbaglia mai, evidentemente abbiamo sbagliato noi del Pd, abbiamo ascoltato male".

  • 23.25

    De Magistris: "Renzi è completamente sconnesso dai territori e dal popolo, distante dai bisogni reali".

  • 23.28

    Fiano spiega che la "crisi è complessiva in tutto l'Occidente".

  • 23.31

    De Magistris: "Renzi è rimasto vittima di se stesso, le dimissioni sono un atto ineludibile. Oggi l'Italia si sente più democratica, c'è la prova che una minoranza non può cambiare la Costituzione".

  • 23.32

    De Magistris: "Renzi è riuscito a massacrare l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, ha sostituito al capitale umano il denaro". Poi insiste: "Renzi voleva essere rottamatore, ma è stato il più grande saldatore".

  • 23.42

    De Magistris sul M5S: "Su alcune cose le idee sono consonanti al mio movimento, ma c'è confusione, ambiguità, incoerenze e incapacità su altre".

  • 23.44

    Fiano: "Il Pd è vicino ai poteri forti? Se lo fosse avremmo vinto, no?".

  • 23.46

    Fiano sul Pd: "Sì, abbiamo perso il contatto col popolo". Telese: "Fiano è coraggioso".

  • 23.48

    Fiano: "Renzi deve continuare a fare il segretario del Pd".

  • 23.49

    Fiano: "Adesso ci vuole un governo che faccia una legge elettorale".

  • 23.50

    Possibili premier graditi (sondaggio fatto prima delle dimissioni di Renzi).

  • 23.51

    De Magistris: "Chi voterei oggi? Avrei difficoltà a votare". Poi precisa: "Siamo molto interessati a costruire un'alternativa, costruendo un movimento popolare".

  • 23.54

    De Magistris interpellato da Formigli sull'inchiesta trasmessa giovedì scorso a proposito del trasporto pubblico per i disabili a Napoli.

  • 23.56

    De Magistris: "La legge nazionale impedisce ai Comuni in pre-dissesto come quello di Napoli di poter garantire l'accompagnamento scolastico, noi abbiamo fatto una delibera e abbiamo disatteso la normativa. I pulmini li mandiamo. I servizi sono già in atto da novembre, il servizio di accompagnamento nelle scuole comunali è già in atto, lo assicuro".

  • 00.01

    Vittorio Sgarbi in studio: "Il Pd ha vinto il referendum, ha fatto il 40%, gli altri hanno fatto pena".

  • 00.02

    Sgarbi: "De Magistris ha detto stronxate, ha detto palle".

  • 00.03

    Emiliano sul futuro del Pd: "Dopo la sconfitta bisognerà fare una riflessione politica nel congresso".

  • 00.05

    Emiliano: "Preferirei non candidarmi alla segreteria del Pd, ma se non avessi nessuno da votare... può succedere di tutto".

  • 00.08

    Sgarbi 'rimprovera' Emiliano: "Se io sono del Pd voto come il segretario del Pd, non voto no".

  • 00.09

    Sgarbi insiste su De Magistris. Formigli invita a non insultare il sindaco di Napoli che non è presente. Sgarbi prosegue, il pubblico in studio applaude. Formigli: "Quando sentono la parola caxxo applaudono".

  • 00.13

    Emiliano: "Renzi ha fatto la sua giocata, adesso deve attendere che altri dicano nel Congresso cosa vogliono fare".

  • 00.17

    L'autocritica di Emiliano: "Le persone che volevano da noi giustizia hanno avuto invece silenzio e sordità".

  • 00.18

    Sul caso Ilva, Emiliano: "C'era un accordo pubblico anche col Premier, all'ultimo secondo di notte il governo ha sottratto il denaro".

  • 00.22

    Luigi Crespi: "Nel voto del referendum c'è un urlo di disperazione. Non bisogna rispondere con la discussione sulla legge elettorale".

  • 00.23

    Sgarbi: "Quello del referendum non era un voto politico? Ma andate a fare in cul0".

  • 00.24

    Crespi: "Sgarbi è un grandissimo comunicatore, ma alle elezioni è sempre stato sconfitto. Produrre consenso politico è diverso da saper comunicare". Lui non apprezza: "Ho vinto, in realtà".

  • 00.28

    Emiliano: "D'Alema sosterrà la mia candidatura? Speriamo di no". Sgarbi, intanto, si dice sicuro che Renzi non sarà fuori dai giochi.

  • 00.30

    Crespi concorda con Sgarbi sul futuro di Renzi.

  • 00.31

    Emiliano: "Il Pd ha bisogno di fare il congresso e di fare le primarie per scegliere il segretario. Non dobbiamo correre verso le elezioni per paura di fare il congresso".

  • 00.35

    Sgarbi, urlando e sbraitando: "Sto dicendo che siete pazzi, pazzi!". Formigli: "Ma cosa gli avete messo nel buffet?".

  • 00.36

    Finisce la puntata. Formigli dà appuntamento a giovedì prossimo. La guida tv di La7 dice altro. Un grande classico.

2016-11-10_223752.jpg

- Piazzapulita, il talk show di La7 condotto da Corrado Formigli, torna in onda questa sera, eccezionalmente di lunedì. Si tratta dell'undicesimo appuntamento della sesta stagione. Blogo seguirà l'intera puntata in liveblogging a partire dalle ore 21.10.

Piazzapulita | Anticipazioni puntata 5 dicembre 2016

Tra gli ospiti di Corrado Formigli: Paolo Mieli, il direttore di Radio Capital Vittorio Zucconi, il direttore de IlFattoQuotidiano.it Peter Gomez, il finanziere Davide Serra, Luca Telese, Vittorio Sgarbi e Marco Damilano de l’Espresso, presenza fissa del programma.

In primo piano il risultato del referendum e le annunciate dimissioni di Matteo Renzi.

Piazzapulita è un programma prodotto da Magnolia per La7, scritto da Corrado Formigli, Davide Bandiera, Mariano Cirino, Vittorio Zincone e Gemma Montinaro. Il produttore Magnolia è Flaminia Sacerdote. Curatore per La7, Francesco Del Gratta. La regia è di Fabio Calvi.

Piazzapulita | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di Piazzapulita, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il liveblogging.

Piazzapulita | Second screen

Piazzapulita ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter

  • shares
  • Mail