Le Iene | 4 dicembre 2016 | Tutti i servizi

Le Iene, puntata 4 dicembre 2016 | Tutti i servizi

  • 21.00

    Le Iene stanno per arrivare: è sufficiente pazientare solo una ventina di minuti. A fra poco!

  • 21.20

    Coming soon… Le Iene. Alle 23 si chiudono le urne e quindi potranno far vedere servizi che finora non hanno mandato in onda.

  • 21.22

    Parte ufficialmente la puntata con Nadia Toffa. La raggiungono Giulio Golia e Andrea Agresti: “Ho votato Sì al divorzio!”.

  • 21.25

    Magnamose tutto. La Iena Mary pronta a portare scompiglio. “Sembri un vecchiettino qualsiasi, Garrison!”.

  • 21.26

    Leopoldo Mastelloni non è intenzionato a farsi intervistare e non reagisce nemmeno benissimo…

  • 21.27

    Baudo se la ride quando la Iena gli chiede se era presente alla diretta della Spedizione dei Mille.

  • 21.28

    Gaetano Pecoraro racconta la storia di Franco Mastrogiovanni, maestro di una scuola elementare di Vallo della Lucania, deceduto nel 2009 all’età di 58 anni dopo il ricovero forzato dovuto a un trattamento sanitario obbligatorio disposto nei suoi confronti.

  • 21.29

    La nipote Grazia ricorda lo zio, maestro amatissimo dai suoi alunni. Francesca, una sua ex collega, parla del carattere dell’uomo: “Mi diceva, Tu devi essere più severa”. Per uno sguardo perso nel vuoto, scatta una caccia all’uomo in un auto. “Da lì inizia l’inseguimento in una spiaggia dove è stato arrestato”.

  • 21.33

    Carabinieri, vigili e infermieri arrivano al camping dove l’uomo soggiornava. Lui ha cercato la via di fuga in mare:” Si parlava di un maestro elementare incensurato” ricorda l’avvocato. Esce poi dall’acqua da solo, tranquillo, ricorda la proprietaria del luogo. Lo hanno steso a terra e iniettato probabilmente dei tranquillanti. Per lui scatta il TSO, Trattamento sanitario obbligatorio.

  • 21.35

    Dopo doccia e caffè, segue gli infermieri in ambulanza. Prima di salire in ambulanza disse:” Non mi far portare in ospedale perché là mi ammazzano”. In quel luogo aveva già subito due TSO. La nipote ricorda che sono stati momenti di crisi passeggeri, di fragilità.

  • 21.36

    Franco viene legato mentre dorme, il massimo dell’illecito. Quando si sveglia, non riesce a muoversi, cerca di liberarsi ma medici e infermieri lo ignorano

  • 21.40

    Le condizioni peggiorano ma i medici e gli infermieri non ne hanno cura. Asciugano del sangue con indifferenza.

  • 21.42

    Mani e piedi legati e gli infermieri gli portano del cibo con il quale non può nutrirsi. Sono inorridito. Dopo qualche ore, ad agosto del 2009, muore. 6 medici e 11 infermieri sono stati condannati nella sentenza di appello. Le pene di tutti, però, sono state sospese perché non superano i due anni. La nipote: “Queste persone continuano a lavorare in ospedale”.

  • 21.44

    Le Iene raggiungono un medico nell’ospedale di Salerno ma lui rifiuta di farsi intervistare.

  • 21.46

    “E’ stata una brutta storia” dichiara: “Io le persone le curo e le aiuto” “Così?” “Questa è un’altra storia”. “Quando si lavora purtroppo delle cose accadono…”. Il dottore dice che il sangue raccolto dal pavimento non è sangue. “Dormo abbastanza tranquillo”.

  • 21.49

    Pubblicità. Questa storia mi ha letteralmente sconvolto.

  • 21.56

    Giulio Golia e Matteo Viviani lanciano la storia raccontata dalla iena Nina. Una famiglia sta ancora cercando Giovanni il capitano sparito in mare (la barca è sott’acqua). Per l’uomo, il mare era tutto, veniva chiamato Capitan Tempesta, proprio per la sua capacitò di affrontare tempeste e mare agitato. La moglie Dorotea lo chiamava “il mio respiro”.

  • 21.59

    La sera prima della partenza in mare, tutto sembrava tranquillo. Però, con le ore, il mare si è agitato.

  • 22.03

    La barca ha iniziato a far entrare acqua e si sono rovesciati in mare. Loro sono riusciti a salvarsi, lottando contro il sonno, in mare aperto, su una tavola. I colleghi sono convinti che Capitan Tempesta sia ancora nella barba in fondo al mare.

  • 22.04

    Le figlie e la moglie si chiedono che fine abbia fatto l’uomo. “Se era da abbandonare la barca, la abbandoni, per la sua vita… Gli altri due si sono fatti, invece, la zatterina”.

  • 22.06

    Nessun allarme è stato lanciato per i peschereccio. La strumentazione di bordo -che aveva la possibilità di dare l’allarme- quella sera non ha funzionato.

  • 22.08

    La figlia piange nel ricordo di aver saputo della scomparsa del padre solo un giorno dopo. La speranza, ovviamente, non avendo trovato il corpo, è quella che possa essere vivo da qualche parte, senza memoria, in una tendopoli.

  • 22.10

    La barca, sott’acqua, è stata trovata dall’armatore dopo due mesi. “Ci vogliono migliaia di euro per sollevarla…”Anche il robot, immerso in profondità, non ha potuto dare immagini limpide (e soprattutto solo dall’esterno): “Lo Stato ci ha abbandonato, nessuno ci aiuta”. La famiglia dell’uomo non può permettersi di pagare le spese per questa operazione.

  • 22.14

    Il proprietario della barca abbandonata viene contattato: “Io volevo trovare la persona che è scomparsa…” Dice che un sub è sceso, ha fatto delle riprese. Prima le avrebbe perse, poi le trova…

  • 22.17

    Si vede anche il localizzatore che non ha funzionato (e appare legato con delle corde). Pare che ci sia il progetto, in corso, di recuperare la barca dal fondale e scoprire dov’è il corpo di Capitan Tempesta. In caso contrario, ci penseranno le Iene.

  • 22.20

    Dopo la pubblicità, Giulio Golia prosegue l’inchiesta con documenti esclusivi e nuove testimonianze. Dopo essersi occupato del sospetto di rifiuti tossici e radioattivi riversati nel sottosuolo calabrese e del mistero della nave Rigel – che sarebbe stata affondata dolosamente per nascondere rifiuti radioattivi in mare a largo di Capo Spartivento -, la Iena intervista Cesarina Ferruzzi, per molti anni dirigente di aziende che operano nel campo dello smaltimento dei rifiuti. In particolare, la Iena intervista Cesarina Ferruzzi, per molti anni dirigente di aziende che operano nel campo dello smaltimento dei rifiuti.

  • 22.26

    Inquinamento tossico e radioattivo in Calabria con morti sospetti (causate dalla leucemia mieloide). Le autorità sono corse in spiaggia ma i valori da loro registrati, sarebbero stati in regola.

  • 22.29

    Golia ricorda anche del sospetto di una nave, piena di rifiuti radioattivi, esplosa in mare. Addirittura si può pensare che ce ne fossero molte di più…

  • 22.31

    La Jolly Rosso era una nave che non affondò e naufragò sulla spiaggia, negli anni Novanta. La dottoressa Ferruzzi ricorda di 10.000 fusti da portare in Italia. Ecco le foto.

  • 22.34

    Negli anni 70 videro un cargo con un via vai di persone che buttavano enormi barili blu in mare. “Contai qualcosa come 22/23 barili…” Lui faceva pesca subacquea. Fecero denuncia ma non venne mai ascoltato.

  • 22.35

    2.000.000 di tonnellate all’anno di rifiuti. “Mai avuto intimidazioni” assicura. “Mi sono provocata un incidente da sola, ho trovato i cancelli chiusi, per prendere la chiave…” Un incidente che lei spiega, nessuna aggressione.

  • 22.46

    Servizio di Luigi Pelazza sulle droghe che possono essere comprate online. M&MS, nm-2201. Vai sopra col mouse, scegli, psichedelici, stimolanti… Le nuove droghe sintetiche.

  • 22.49

    Come per overdose per Mario -nome fittizio- ancora sotto cura da uno psicoterapeuta. “Non riesco a collegare la parole con l’intenzione. Hanno notato anche delle placche nel mio cervello, irascibilità, l’essere violento”. Lui è un professionista romano come tanti.

  • 22.52

    C’è chi è talmente allucinato che si sente un lupo, sta a quattro zampe e azzanna e morde come un cane. Altri si lanciano dalla finestra perché convinti di poter volare.

  • 22.54

    Mario ricorda di quanto, quel giorno, ha preso la droga in macchina e alcuni carabinieri lo hanno notato. Aveva una crisi di panico, madido di sudore con febbre 42/43. Aveva della sostanza nei pantaloni , hanno riconosciuto il genere di intervento da fare e dopo 1 giorno è uscito dal coma. In caso contrario poteva morire o, oggi, essere un vegetale.

  • 22.57

    Ecco le droghe sintetiche scovate in aeroporto durante alcuni controlli.

  • 22.59

    Servizio interrotto per festeggiare la fine “della campagna elettorale più brutta della storia”. Praticamente è Capodanno.

  • 23.06

    Ha ingoiato circa 62-63 ovuli e confessa prima della radiografia: “Cominci il giorno prima”

  • 23.07

    E’ il momento della radiografia e dell’evacuazione. Vengono sposati in un tapis roulant che vengono poi lavati e igienizzati. Lui ammette di essere preoccupato di come dirlo alla moglie in Sudamerrica (è padre e ha 4 figli, tra cui due di 5 o 6 anni)

  • 23.11

    Sconvolt Quiz Speciale Referendum. “Sì o no? “No!” “Perché no?” “Perché no”. Lui vota no perchè i ZI lo votano i comunisti.

  • 23.14

    Dramma sul nome del presidente della Repubblica.

  • 23.15

    E si finisce in caciara assoluta.

  • 23.16

    Servizio di Nadia Toffa sui 50 milioni destinati a Taranto (per cure, per avere un ospedale in zona) “spariti nel nulla”, non più disponibili per questo progetto. “Il livello delle malattie e delle morti è collegato al livello produttivo della fabbrica”.

  • 23.20

    “A Taranto non c’è un centro di prevenzione e cura per queste malattie”. E a questo sarebbero potuti servire anche parte dei 50 milioni di euro.

  • 23.22

    Manca il polo oncologico e vengono sballottati in tutte le Asl di Taranto (ad esempio una tac a Manduria): “Hanno bisogno di una cosa dove potersi curare, c’è gente a cui viene detto di andare fuori!”.

  • 23.24

    Gli abitanti di Taranto sono circondati da casi sempre più frequenti di tumore:” Se sento mio figlio con la tosse o con la febbre, mi faccio tutti i film perché mi chiedo quello che posa avere”. Questa donna scoppia a piangere al pensiero di suo figlio di tre anni.

  • 23.27

    “Dopo dieci decreti Salva Ilva ne vogliamo fare uno Salva Taranto?”

  • 23.33

    Dal 40 al 44 per cento del Sì per i dati dell’Exit Poll. Oltre il 50 per il No.

  • 23.34

    Quanti politici conoscono bene il referendum costituzionale. Per ora c’è la fuga di alcuni, altri indovinano, altri.. proprio no . “Le domande nozionistiche sono un po’ banali” è tipo ‘la risposta delle vita per tutto, no?

  • 23.40

    Quanta affinità c’è tra Matteo Salvini ed Elisa Isoardi? Matteo si sfida con Addolorato.

  • 23.43

    Addolorato suggerisce a Salvini.

  • 23.47

    Vince lo sfidante. E incontra Elisa.

  • 23.47

    Si passa ad Efe Bal, una delle transessuali più famose d’italia. Ha smesso di prostituirsi. E lo conferma. Ha avuto circa 10.000 clienti. Calciatori e politici tra i clienti. Lei mai niente cocaina nella vita. La richiesta più strana? “Cavalcare il cliente”. Il più anziano aveva circa 80 anni. Anni fa ha battuto per strada.

  • 23.52

    “Sono felice con questo corpo, con questo viso e con questo pisello”. Le piacciono sia gli uomini che le donne. “Voglio togliermi da questa vita”. Ora punta a fare la cantante.

  • 00.00

    Finti casting con L’isola dei famosi: da Giorgio Mastrota ad Alba Parietti che parte con una sorta di monologo dopo aver capito immediatamente che è uno scherzo.

  • 00.07

    Agganciandosi agli ultimi eventi di cronaca, una serie di servizi su Lapo Elkann protagonista.

  • 00.12

    Cos’è che un uomo cerca legittimamente nel transessuale? “Con tutto il rispetto e la stima che ho per te oggi sono qui per altro”. Il servizio era di Enrico Lucci.

  • 00.14

    Si rivede il servizio di Luigi Pelazza sul primo ragazzo -russo e tetraplegico- che vuole sottoporsi al trapianto della testa su un essere umano. Questo trapianto cosa 100 milioni di dollari e l’intenzione è di farlo per Natale 2017.

  • 00.27

    Tutti radunati per i saluti finali di gruppo. Appuntamento a martedì con Ilary Blasi, Morelli e Matano. Buonanotte!

Torna questa sera, 4 dicembre 2016, in prima serata su Italia 1, il nuovo appuntamento con “Le Iene Show“. Conducono Nadia Toffa, Andrea Agresti, Paolo Calabresi, Giulio Golia e Matteo Viviani. Noi di TvBlogo seguiremo insieme a voi la puntata, come di consueto, a partire dalle 21.15 circa.

Le Iene, Diretta 4 dicembre 2016, Anticipazioni

Tra i servizi della puntata:

Luigi Pelazza si occupa di nuove droghe sintetiche, ovvero quelle droghe che non sono ancora state inserite nelle tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope, e per questo, non ancora vietate dalla legge.
Sebbene non siano ancora state ufficialmente riconosciute pericolose, tali molecole di ultima invenzione – che vengono acquistate prevalentemente in Internet – hanno effetti devastanti per la salute, al pari di cocaina ed eroina, e provocano psicosi e altri tipi di malori. Di fronte a questa nuova realtà, pare anche che per i medici sia difficile intervenire efficacemente quando in ospedale si presentano casi di persone in stato di crisi, in seguito all’assunzione di tali droghe.

Gaetano Pecoraro
racconta la storia di Franco Mastrogiovanni, maestro di una scuola elementare di Vallo della Lucania, deceduto nel 2009 all’età di 58 anni dopo il ricovero forzato dovuto a un trattamento sanitario obbligatorio disposto nei suoi confronti. Lo scorso 15 novembre la Corte d’Appello di Salerno ha condannato in secondo grado i sei medici e gli undici infermieri imputati per la sua morte. Nel servizio la Iena mostra le immagini delle telecamere del reparto psichiatrico dell’ospedale di Vallo della Lucania che hanno documentato il calvario dell’uomo che, per 87 ore, sarebbe stato legato mani e piedi al letto, lasciato digiuno e solo. Queste stesse immagini hanno permesso ai giudici di emettere la sentenza. In seguito al verdetto, i Radicali hanno proposto un intervento legislativo in ambito TSO, che prevederebbe l’introduzione di un’assistenza legale obbligatoria per tutti i malati in situazioni analoghe e la massima trasparenza delle condizioni di cura all’interno dei reparti psichiatrici.

È balzata agli onori della cronaca la storia di uno studente che ha avviato all’interno della propria scuola un commercio di merendine. L’attività del giovane consisteva nel comprare gli snack nei supermercati per poi rivenderli ai compagni a un prezzo più basso rispetto a quello delle macchinette presenti all’interno dell’Istituto. Per capire meglio come abbia sviluppato questa idea e perché oggi sia di nuovo a rischio sospensione scolastica, l’inviato Michele Cordaro incontra il ragazzo e i suoi famigliari.

Dopo essersi occupato del sospetto di rifiuti tossici e radioattivi riversati nel sottosuolo calabrese e del mistero della nave Rigel – che sarebbe stata affondata dolosamente per nascondere rifiuti radioattivi in mare a largo di Capo Spartivento -, Giulio Golia prosegue l’inchiesta con documenti esclusivi e nuove testimonianze. In particolare, la Iena intervista Cesarina Ferruzzi, per molti anni dirigente di aziende che operano nel campo dello smaltimento dei rifiuti.
In passato la donna ha gestito anche il caso della “Jolly Rosso”, la nave che nel 1988 aveva legalmente trasportato migliaia di fusti di rifiuti tossici dal Libano all’Italia perché fossero smaltiti. Due anni più tardi, questa stessa nave, rinominata “Rosso”, si era arenata sulla spiaggia di Amantea (in provincia di Cosenza), dopo diverse ore in avaria. Ufficialmente l’imbarcazione trasportava tabacco e generi alimentari, ma il sospetto alimentato da più inchieste dei media e della Magistratura – poi archiviate – è che, anche in questo caso, il mercantile trasportasse rifiuti tossici.

Referendum Costituzionale 2016: dopo mesi di propaganda elettorale, domenica 4 dicembre, gli italiani sono chiamati a esprimere il loro voto a favore del SÌ o del NO. Ma i politici sanno esattamente per cosa si vota? Conoscono davvero la Costituzione italiana? Il servizio di Dino Giarrusso andrà in onda domani dopo le ore 23.00, a urne appena chiuse.

Nuovo appuntamento con il quiz di Stefano Corti e Alessandro Onnis che “aiuta” le celebrità a trovare l’anima gemella. La coppia Salvini-Isoardi è veramente così affiatata? Per scoprire quanto Matteo Salvini conosca davvero Elisa Isoardi, le due Iene mettono alla prova il leader della Lega sottoponendolo a una sfida contro un espertissimo fan della conduttrice tv. Gli inviati raggiungono, quindi, Elisa con il vincitore della gara, ovvero colui che avrà risposto esattamente al maggior numero di domande sulla sua vita. Anche questo servizio andrà in onda dopo le ore 23.00.

Le Iene, Diretta

E’ possibile seguire la diretta a partire dalle 21.15 circa su Italia o in streaming sul sito Mediaset.it

Le Iene, Second Screen

Si può commentare con l’hashtag ufficiale #LeIene.

Appuntamento a più tardi con la diretta della puntata!

I Video di TvBlog

Ultime notizie su Le Iene

Le Iene è un programma di intrattenimento e di informazione che va in onda su Italia 1 dal 22 settembre 1997.

Tutto su Le Iene →