Silvio Berlusconi a Otto e Mezzo attacca Lilli Gruber: «Il suo modo di fare televisione non è obiettivo»

Silvio Berlusconi a Otto e Mezzo

Silvio Berlusconi dilaga a Otto e Mezzo. Il programma finisce alle 21.36 e lui, sul finale, attacca Lilli Gruber:

«Il suo modo di fare televisione non è obiettivo»

E poi ha rincarato:

«Lei ha occupato questo tempo soltanto portandomi domande che erano attacchi. Non credo che questo giovi al suo ascolto e non credo che giovi alla considerazione che di lei possono avere i suoi spettatori».

Ma quali sarebbero le colpe della Gruber?

La giornalista ha condotto un'intervista live, con grande difficoltà.

Ha provato a interrompere il flusso monologico del Cavaliere – lo stesso in tutte le trasmissioni televisive o radiofoniche in cui si presenta – e questo ha innervosito Berlusconi. Che, in chiusura, ha sfoderato la consueta infografica che si porta appresso e che illustra le riforme dei suoi governi ma ha ritenuto di non consegnarla alla Gruber:

«Lei è così chiusa alle cose belle che ho fatto»

ha detto il Cav. Che poi, per dimostrare l'ostilità della giornalista nei suoi confronti, le ha detto anche:

«Sono diventato nonno per la settima volta, lei non mi ha fatto nemmeno gli auguri».

Berlusconi ne ha approfittato per ripetere il mantra che va proponendo da un paio di settimane (la bontà del suo operato, la cattiveria dei professori e del governo tecnico, gli inganni perpetrati ai suoi danni, il pericolo comunista, le tasse da abbassare – come se lui l'avesse fatto. E' èroprio una delle obiezioni che ha osato muovergli la Gruber – e via dicendo) e per attaccare anche la sentenza del suo divorzio:

«Tre giudici donne, femministe, comuniste»

ha attaccato il Cav, che ne ha approfittato per precisare anche che gli euro al giorno che deve versare alla ex moglie non sono 100mila ma 200mila.

  • shares
  • Mail
123 commenti Aggiorna
Ordina: