Tribuna Politics, puntata 8 novembre 2016

Politics, la decima puntata in diretta.

  • 21.15

    Comincia la puntata di Politics di questa sera. Semprini annuncia l’ospite di questa sera: Pierluigi Bersani. Saranno ospiti Meloni, Luttwak e Annunziata. Poi collegamento con Di Bella dall’America che dà le ultime sulle Elezioni americane: Trump avrebbe presentato un ricorso in Nevada”.

  • 21.20

    Bersani dà la sua visione delle elezioni americane, criticando Trump. Poi il servizio di Alessandro Poggi dalla Leopolda. L’inviato intervista i ministri Boschi e Poletti. Poi si va a Milano con i supporter di Berlusconi “Menomale che Silvio c’è”, Toti che si dichiara per il NO e le manifestazioni anti-Leopolda.

  • 21.25

    Bersani: “Renzi cattivo? No, magari è utile come comunicazione. C’è poca umiltà, non si mette l’orecchio a terra. Io di difetti ne ho tanti, mi lascio giudicare dalla gente. Scuse da Renzi? Se non gli è venuto subito è inutile che gliele chieda. Ho trovato ancora più disdicevoli i sorrisini e il silenzio. Se fosse successo a una mia manifestazione avrei reagito subito”.

  • 21.29

    Bersani: “Non è stato Renzi il mandante di quei FUORI FUORI, ma il clima è quello. Quando la metti giù così sulle poltrone è chiaro che finisce così. Chi mi ha seguito in questi anni quante volte mi ha sentito dire che sono moderatamente bersaniano. Non ci può essere partito di sinistra dove c’è sudditanza e arroganza”.

  • 21.33

    Geremicca de La Stampa: “Ma quando il fondatore dell’Ulivo o comunque i fondatori del Partito hanno detto di votare SI, non pensa di sbagliarsi?”. Bersani: “Il Governo non c’entra col SI e con il NO, bisognerebbe dire al Segretario c’è una parte del suo mondo che la pensa diversamente”.

  • 21.36

    Viene mandata una clip di Renzi dalla Leopolda: “Stanno provando a decretare la fine del partito Democratico e stanno usando il referendum. Non ve lo consentiremo, perché il futuro è dei nostri figli”. Bersani: “Ci rendiamo conto di cosa è stato detto? Non è questione di Sanders, stiamo parlando delle regole. Dicendo così sta dicendo che c’è in gioco lui. Giocare col referendum costituzionale per sfondare un muro di consenso”.

  • 21.39

    De Angelis dell’Huffington Post: “Se vince il NO Renzi può restare alla guida del partito o deve dimetters?”. Bersani: Che vinca SI o NO perde l’Italia, ma per il resto e per quanto riguarda me non succede niente. Questo è un referendum, il giorno dopo la situazione economica e sociale è la stessa”.

  • 21.40

    Bersani: “La ‘violenza’ l’ho solo subita. Questa riforma l’accetterei se mi venisse data tranquillità sulle regole del gioco. Un partito che ha messo la fiducia sull’Italicum, che ha fatto tutto quello che ha voluto. Quel foglietto lì significa due cose: a) Mi tengo le mani libere e b) State sereni. Cuperlo? Ha fatto la sua scelta personale, su un tema così delicato e importante.. Se mi si dice che l’Italicum è ottimo non posso chiederti neanche di cambiarlo”.

  • 21.52

    Bersani sulle parole di Recalcati alla Leopolda: “Ho avuto una certa parte per l’ultima tornata parlamentare. Avete visto quanti giovani e quante donne sono in Parlamento oggi? Io proposi capogruppo uno più giovane di Renzi. A Recalcati e Renzi, visto che parlano di futuro e giovani, devono andare anche alla sostanza. Noi che non abbiamo fatto niente, ma se fai i voucher o alzi il debito chi lo pagherà? I tedeschi o le generazioni future?”.

  • 21.55

    De Angelis chiede a Bersani se in caso di vittoria del Si ci possa essere coabitazione nel Partito della nazione. “Mi accostano sempre a Casa Pound, non mi accostano mai sul NO all’Anpi, alla CGIL”. Chiuso il confronto con Bersani, servizio su Norcia nelle zone del terremoto.

  • 22.04

    E’ il momento di Giorgia Meloni, ma prima Semprini ricorda Umberto Veronesi, scomparso oggi. Con la Meloni si parla di immigrazione.

  • 22.08

    Meloni: “La nostra ricetta è fermare gli sbarchi e creare centri sulla costa libica. Cosa non si deve fare è quello che sta facendo la comunità internazionale sulla Libia. E’ inutile aspettare che il Governo riconosciuto e gli altri 2 si mettano d’accordo”. Poi servizio sulle barricate e le intolleranze di Gorino e Milano.

  • 22.10

    L’inviato parla con alcuni manifestanti contro i centri d’accoglienza che si autodefiniscono “fascisti”. E un signore attacca verbalmente l’inviato. Poi il servizio si sposta ad Albettone dove il sindaco Formaggio parla di “immigrati pericolosi per le esigenze sessuali”..

  • 22.15

    Il sindaco di Albettone Formaggio: “I neri sono meno intelligenti dei bianchi” con argomentazioni alquanto bislacche e discutibili.

  • 22.18

    Meloni: “Mai detto che gli immigrati rubano il lavoro, ma che vanno a fare lavori a condizioni che gli italiani non accettano. E questa non è solidarietà né nei confronti degli italiani né degli immigrati”. Sull’Election Day negli USA: “Non vorrei essere americano per dover scegliere tra Trump e Clinton”. La corrispondente in America parla di affluenza al 60%. “Non dobbiamo pensare a chi vince o meno, ma a cosa interessa a noi italiani. La politica estera della Clinton, sulla scia di Obama, non è rassicurante”.

  • 22.22

    Meloni sul referendum costituzionale: “Vogliamo posizioni chiare e che si vada alle elezioni con un centrodestra senza inciuci. Berlusconi sul NO è stato molto chiaro. Per il futuro del centrodestra le primarie.

  • 22.27

    Ospiti ora Emanuele Fiano del PD e Lucia Annunziata in collegamento dall’Huffington Post. Annunziata: “Per ora l’unico dato sono le lunghe file, ma questo è anche segnale di problemi. Al momento non c’è nessuna idea se non quella di essere prudenti”.

  • 22.31

    Annunziata: “La Florida ha 29 grandi elettori e ha giuocato un ruolo importante anche nelle altre elezioni. Il voto degli ispanici dovrebbe essere a favore di Hillary Clinton. A compensare il voto nero. Fino all’1 possiamo stare tranquilli, ci saranno molte chiacchiere”. Altro servizio: il racconto del voto americano del programma La Casa Bianca di Rai3.

  • 22.36

    Fiano sulle dichiarazioni di Trump sugli immigrati: “Mia come in questo caso vedo somiglianza tra la campagna elettorale americana e quello che succede in Europa con i muri. Donald Trump è una delle risposte populiste a questo”.
    Sondaggi:

  • 22.38

    Annunziata: “La questione del marito della Clinton è il punto debole di Hillary. Non c’è un candidato perfetto, ma campagna elettorale tra due imperfetti. Non le si perdona, anche negli ambienti femministi, a Hillary l’aspirare alla Presidenza con l’influenza del marito”. Per Fiano vincerà la Clinton, per l’Annunziata pure.

  • 22.44

    Servizio sul carisma di Barack Obama.

  • 22.50

    Momento comico finale con Saverio Raimondo che traccia un divertente parallelismo tra elezioni americane e la politica italiana: “Trump farà opere pubbliche, come un muro fra Stati Uniti e Messico, il famigerato Muro sullo Stretto. Trump organizzerà festini con complicità della CIA e dell’FBI nell’Area 51 che sarà ribattezzata per l’occasione Area 69”.

  • 22.52

    Semprini raggiunge Raimondo al centro e chiude la puntata.

Stasera, in prima serata su Rai 3 andrà in onda la decima puntata di Politics – Tutto è politica, il nuovo talk show di approfondimento politico del martedì sera condotto da Gianluca Semprini.

Politics – Tutto è politica | Puntata 8 novembre 2016 | Anticipazioni: temi e ospiti

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti nelle stesse ore in cui milioni di americani si recano alle urne, l’avvicinarsi del referendum costituzionale del 4 dicembre e lo scontro all’interno del PD, l’emergenza terremoto, l’immigrazione, la ripresa delle tensioni sociali: sono questi i temi del dibattito di questa sera. Questi argomenti dell’attualità politica italiana ed internazionale, con un sondaggio sull’opinione degli italiani tra Donald Trump e Hillary Clinton, saranno affrontati dagli ospiti politici, esperti e giornalisti in studio e in collegamento.

Politics – Tutto è politica | Dove vederlo in tv e in diretta streaming

Politics va in onda ogni martedì in prima serata su Rai 3 dalle 21.10 alle 22.45. Come tutti i programmi RAI, sarà possibile anche seguirlo in diretta streaming sul portale Rai.tv. Naturalmente potrete seguire e commentare il talk attraverso il nostro liveblogging, qui su TvBlog.

Politics – Tutto è politica | Come seguirlo sui social

Il programma è presente anche sui principali social network dove sarà possibile interagire e commentare con l’hashtag #Politics:

Pagina Facebook
Account Twitter


I Video di TvBlog