Dieci Cose, ultima puntata con Rita Pavone ed Enrico Brignano

Dieci Cose, l’ultima puntata live su Blogo.

  • 20.15

    Pochi minuti prima del gran finale.

  • 20.37

    Si parte dall’anteprima e Insinna già grida, mentre lo studio è entusiasta.

  • 20.39

    Entrano subito in studio Brignano (con cui Insinna ha studiato) e Rita Pavone.

  • 20.40

    La prima cosa importante che viene in mente? La famiglia per Brignano, Gian Burrasca per la Pavone. Pubblicità. E si comincia.

  • 20.43

    E Brignano subito inizia ad allungare i tempi per il suo egocentrismo.

  • 20.43

    1 settembre 1962 è la prima ‘cosa’ della Pavone: la vittoria del Festival di Ariccia, che gli vale il primo disco con la RCA. Un’occasione per ricordare i suoi esordi, col papà che la sponsorizzava scrivendo a tutti.

  • 20.47

    Uno dei maggiori successi della Pavone è Cuore, una cover che però ha venduto anche in UK: l’ha voluta tantissimo, anche contro la RCA che non gliela voleva far incidere perché la riteneva troppo da ‘adulta’ per lei. E si canta, con tanto di inciso in inglese.

  • 20.49

    Standing ovation dopo una versione da chitarra distorta. “Quanto è rock la Pavone” dice entusiasta Russo.

  • 20.51

    Per la Famiglia, prima cosa di Brignano, arriva un monologo… Ossignore…

  • 21.03

    Dieci minuti, quasi, di monologo. Pubblicità.

  • 21.03

    E invece delle annunciatrici ora ci sono le dieci cose dei Bambini… il vero tocco veltroniano.

  • 21.08

    La seconda cosa della Pavone? La Juventus. E’ nata a Torino in una famiglia bianconera. Ricordi d’infanzia allo stadio con papà.

  • 21.12

    Juve, calcio, Tardelli: è lui la sorpresa per la Pavone. E scatta La Partita di Pallone.

  • 21.19

    Dopo la famiglia, tocca all’amicizia: questa è la seconda cosa per Brignano. “Sembrano banali ma sono fondamentali” dice l’attore, che racconta di un viaggio fatto con Insinna ai tempi del Laboratorio di Proietti. Con loro Nadia Rinaldi e Gabriele Cirilli. Era il 1989.

  • 21.26

    E in memoria dei vecchi tempi ecco anche Gabriele Cirilli.

  • 21.33

    Terza cosa per la Pavone, Topo Gigio: fu ospite con lei all’Ed Sullivan Show.

  • 21.34

    Ma che tenerezza Topo Gigio.

  • 21.35

    Terza cosa di Brignano, i funghi, intesi come metafora della vita. E scatta racconto di quando la Finanza di Rimini lo chiamò per un avviso di garanzia. L’ho perso al terzo minuto.

  • 21.43

    Quarta cosa per Rita Pavone, Lugano. Lì si è sposata, 49 anni fa, con Teddy Reno. Doveva essere tutto molto segreto, ma nel convento in cui si sono sposati c’era la sorella di un giornalista. Lui era ancora ancora sposato in Messico, o meglio era divorziato, ma in Italia ancora non c’era il divorzio.

  • 21.46

    “Il paradosso è che fossi rimasta nascosta nessuno avrebbe avuto nulla da ridire; ho voluto sposarmi, mettere le cose in chiaro, essere trasparente e ho avuto tanti problemi. Avevo capito che lui era il treno che non avrei dovuto lasciarmi scappare per avere la vita felice che ho avuto” dice la Pavone parlando del suo Teddy.

  • 21.47

    Canta un brano presentato a Sanremo, non arrivato in finale, però ripubblicato negli USA. E la dedica a suo marito: si intitola “Per tutta la vita”. E poi pubblicità.

  • 21.54

    Uh, indovinate qual è la quarta cosa di Brignano? La meraviglia dell’essere umano, aka l’Evoluzione! No, ma mica ha a che fare col suo show teatrale, nooooo. E aridalle col monologo-

  • 22.01

    E’ durato poco questa volta. L’importante è tornare dalla Pavone che racconta la sua quinta parola, Gian Burrasca.

  • 22.06

    La Pavone ricorda di quando Nino Rota le portò la versione ‘minuetto’ di Viva la Pappa col Pomodoro. E lei la trasformò, così come la conosciamo noi.

  • 22.09

    La quinta cosa di Brignano è la paternità. Fa sentire il battito del cuore della figlia, Martina, ancora nella pancia della mamma, Flora Canto.

  • 22.10

    Si commuove pensando alla bambina, che arriva a fine febbraio. Lui sarà in tournée. Le piacerebbe nascesse il 12 febbraio, come la mamma e come Flora.

  • 22.15

    Sesta cosa della Pavone, la Voce. E arriva Edoardo Vianello.

  • 22.23

    Sesta cosa di Brignano: il furgoncinino, ovvero il furgoncino di Nino, il padre.

  • 22.30

    Settima cosa di Rita Pavone, I Beatles. Ma c’è Raphael Gualazzi che canta Imagine. Bella la sua versione.

  • 22.39

    Si parla di camini montati abusivamente a casa di Insinna con Brignano, che pare sia bravissimo nell’edilizia, e Cirilli, i cui genitori vendevano marmi. Brignano dice che un camino che tirava bene come quello non ne ha avuti più. “A Brignano gli affiderei la ricostruzione!” dice Insinna, con tutto l’affetto e la nostalgia del mondo.

  • 22.42

    La settima cosa di Brignano è la bicicletta: ne è appassionato. E fu proprio una bicicletta rossa il regalo che Insinna gli fece per quel camino costruito in una notte. E c’è Paolo Belli, Ladri di Biciclette.

  • 22.46

    Paolo Belli ringrazia la band che l’ha seguito a orecchio. Pubblicità.

  • 22.51

    Siamo all’ottava cosa di Rita Pavone: Elvis Presley. E facciamo anche un riepilogo (ci voleva la grafica riassuntiva e meno male che hanno tolto le annunciatrici).

  • 22.54

    Rita ricorda il suo incontro con Elvis. Fu lui ad avvicinarsi a lei, che aveva visto all’Ed Sullivan Show. Le regalò un quadro con dedica. E dire che il figlio di Rita ha detto che quando sarà morta se lo vende, visto che questi cimeli valgono. Cuore di figliolo. Intanto Rita canta Elvis.

  • 23.01

    Ogni momento con la Pavone è una scossa, ogni istante con Brignano è una litania. Mi sono addirittura persa la cosa… Dovrebbero essere le macchinine.

  • 23.04

    Nona cosa per Rita, le scarpe. Una sua passione. Ha il 35…

  • 23.08

    Nona cosa di Brignano, New York. “Ci sono andato per ritrovare me stesso… per caso mi ci sono trovato in un periodo in cui non avevo molti stimoli”. Ci lavorò per un periodo, in un ristorante italiano.

  • 23.16

    E a proposito di New York, musica e talento ecco Raphael Gualazzi in Lotta Things.

  • 23.20

    Un messaggio solidale per le popolazioni colpite dal terremoto. Pubblicità e poi le ultime cose.

  • 23.25

    Si ricapitolano le 9 cose di Brignano: manca l’ultima. Trattasi della tecnologia, ennesimo spunto per un monologo.

  • 23.34

    Ma davvero Brignano sta ridicendo tutti i nomi della ‘passerotta’ come un Benigni a Fantastico 1991? Beh, almeno cita Trilussa.

  • 23.36

    E siamo alla decima cosa di Rita Pavone, Totò. Fu con lui che girò il suo primo film, Rita, la figlia americana, del 1965.

  • 23.42

    E per chiudere Geghegè. E almeno una botta di vita con la Pavone in chiusura dopo i fiumi di parole di Brignano. E posso dire che le 10 parole della Pavone hanno raccontato una carriera eccezionale e lo spirito degli anni ’60 in Italia.

  • 23.44

    Si salutano i protagonisti della puntata si stasera. I ‘grazie’ di Insinna alla Pavone son tanti e sinceri. Davvero non si è risparmiata.

  • 23.45

    E dopo la pubblicità l’Undicesima cosa, con Anna Foglietta ed Edoardo Leo.

  • 23.50

    L’Ultima Cosa, o almeno la penultima, riguarda la raccolta fondi per l’AIRC.

  • 23.52

    Ecco Anna Foglietta ed Edoardo Leo per presentare Che vuoi che sia, il loro nuovo film al cinema dal 9 novembre.

  • 23.57

    Le cinque parole di Leo: Buongiono, buonasera, grazie, prego, scusa. Se le dicessimo tutti, vivremmo meglio. Ha ragione.

  • 23.58

    Saluti a tutti (trucco, parrucco, tecnici, ma molto velocemente) e via. Anche l’ultima cosa è finita.

L’ultima puntata di Dieci Cose ha messo insieme una Rita Pavone sempre vivace e un Enrico Brignano sempre logorroico. Le dieci cose della Pavone ci hanno davvero raccontato la sua vita e la sua carriera, ma soprattutto un periodo d’oro per l’Italia, quelli degli anni ’60 incarnati da uno scricciolo pieno di energia che univa i pubblici più disparati, divertiva e faceva sognare. Beatles, Totò, Elvis sono alcune delle cose che ricorda e racconta al pubblico, tra aneddoti ed emozioni. E la sua forza è tutta ancora lì quando canta alcuni dei suoi più grandi successi.
Dal canto suo, Enrico Brignano si affida a ‘valori’ più generali, come l’amore, l’amicizia, la paternità, quella che l’ha visto figlio innamorato di papà Nino – che torna spesso nei suoi racconti, quelli più commoventi – e la sua, ormai prossima visto che a fine febbraio nascerà Martina, ancora nel grembo di mamma Flora Canto. Molto altro, invece, è uno spunto per portare in scena pezzi scelti dei suoi monologhi o dei suoi show. A ‘salvarlo’, però, i ricordi di gioventù, di quando, ventenne, frequentava il laboratorio teatrale di Gigi Proietti col padrone di casa Insinna e con Gabriele Cirilli, venuto a salutare gli amici per l’occasione.

Si chiude così questo esperimento targato Veltroni, che ha portato un racconto lungo 3 ore e mezza (troppe) su Rai 1. Qualche apprezzabile aggiustamento si è notato tra la prima e l’ultima puntata – come la grafica riassuntiva, un racconto più ordinato tra le ‘cose’ – ma è il concetto stesso di ’20’ cose a sera che diventa ostico, soprattutto se chiamato a coprire il sabato sera dall’access prime time alla seconda serata. Se già fosse stato irresistibile, dopo tre ore diventa ingestibile.

Rai 1 deve trovare una quadratura del sabato. Ma già l’idea di sperimentare qualcosa di nuovo va premiata. Altrove son decenni che si fa sempre la stessa cosa.

Dieci Cose | 5 novembre 2016 | Diretta ultima puntata

Dieci Cose | 5 novembre 2016 | Anticipazioni ultima puntata

Dieci Cose arriva al termine questa sera – 5 novembre 2016 -, con la quarta puntata della prima – e immagino unica – stagione in onda su Rai 1 dalle 20.35 e in liveblogging su TvBlog. Flavio Insinna e Federico Russo si ritrovano per raccogliere, per l’ultima volta, le confidenze degli ospiti chiamati di volta in volta a raccontarsi attraverso le piccole e grandi ‘cose’ che diventano non solo gli elementi attraverso cui ricostruire le proprie storie, ma anche gli spunti per lo show. Tutto sta a coglierli bene, a sfruttarli a dovere e a non appesantire tre ore di programma.

Dieci Cose | Ospiti ultima puntata | Rita Pavone ed Enrico Brignano

Sono Rita Pavone ed Enrico Brignano gli ospiti dell’ultima puntata. Lei ha pubblicato i suoi dischi in tutto il mondo, incidendo in sette lingue diverse, lui si divide tra cinema, tv e teatro. Nel corso della serata si esibiranno Raphael Gualazzi con il singolo “L’estate di John Wayne”, Edoardo Vianello, Marco Tardelli e Gabriele Cirilli.

Ad accompagnare conduttori e ospiti, un corpo di ballo composto da undici elementi e diretto dalla coreografa Irma Di Paola e una band diretta dal Maestro Pippo Lamberti, che accompagnerà tutte le esibizioni live.

L’idea del programma è di Walter Veltroni, che ce l’ha raccontata in un’intervista rilasciata proprio a TvBlog, ed è realizzato da RaiUno, prodotto in collaborazione con Magnolia S.P.A.. A scriverlo Duccio Forzano – che ne firma anche la regia -, Pietro Galeotti, Magda Geronimo, Ermanno Labianca e Chicco Sfondrini. A disegnare la scenografia del teatro dell’Auditorium Rai del Foro Italico Francesca Montinaro, cui si devono alcune delle scene più belle della tv italiana degli ultimi anni, non ultime alcune edizioni davvero suggestive di Sanremo.

Dieci Cose | Come seguirlo in tv e in live streaming

Sono quattro le puntate previste di Dieci Cose, in onda al sabato alle 20.35 su Rai 1 e su Rai 1 HD (DTT, 501). Il programma è visibile in live streaming su Raiplay, dove sarà poi disponibile anche on-demand.

Dieci Cose | Second Screen

Per seguire Dieci Cose vi raccomandiamo, ovviamente, il nostro liveblogging, su TvBlog. Il programma non ha propri profili social, ma si ‘appoggia’ a quelli Rai, in primis la pagina FB ufficiale di Rai 1 e l’account Twitter, @RaiUno. Da segnalare però anche i profili dei conduttori @insinnaflavio e @federusso80 e del regista @duccioforzano. L’hashtag è #DieciCose.


I Video di TvBlog