• Tv

Alvin: “Bring the Noise piacerà per la spensieratezza”. Dal 28 settembre su Italia 1

Basta Verissimo e L’Isola, ora Alvin cammina con le sue gambe.

[raw content=”

“]

Mercoledì 28 settembre debutta su Italia 1 Bring the Noise (inizialmente si doveva chiamare People come together). Sei puntate in prima serata e due squadre composte da personaggi famosi per questo game show a sfondo musicale: sulla carta, insomma, è un Furore rivisitato e corretto. Alla conduzione, il nuovo volto di punta della rete diretta da Laura Casarotto, Alvin: “Finalmente torno a mettermi in gioco 18 anni dopo il mio debutto in tv con Disney Channel. Lo stiamo preparando e testando su noi stessi. Ci divertiamo come matti insieme con l’autore Max Novaresi, che è anche capo progetto di Verissimo e con il quale si è ricreato subito la stessa atmosfera familiare”, ha dichiarato alla giornalista Solange Savagnone sul settimanale Tv Sorrisi & Canzoni in edicola oggi.

Come funzionerà il game? “Due squadre composte da quattro star dello spettacolo si sfideranno in bizzarre prove a sfondo musicale – spiega il conduttore -. Registriamo a Roma in uno studio molto moderno e luminoso con un grande palco al centro. Tutto attorno, modello arena, ci sarà il pubblico che canterà e ballerà con noi. Inoltre avremo una band che suonerà dal vivo: i Kutso, che sono stati anche a Sanremo. E un corpo di ballo”.

Tra i concorrenti: Fabio Rovazzi, Jake la Furia, Paola Barale, Francesco Facchinetti, Giulio Berruti. “La spensieratezza che trasmette, così importante in questo periodo per alleggerire tutto quello che si sente nei notiziari”, sarà il punto di forza. “Anch’io ho iniziato questo mestiere per ‘distrarmi’. Da piccolo non guardavo la tv, i miei genitori non volevano. Così la sera quando ero stanco andavo in camera mia e a letto ascoltavo la radio con le cuffie. In questo modo ho scoperto un mondo meraviglioso, fatto di musica, divertimento e gag”.

Alvin, poi, non pensa di tornare a Verissimo e a L’Isola (“Non so neanche se avrò ancora il tempo”). E’ cresciuto e merita di camminare con le sue gambe.