Squadra antimafia - Il ritorno del boss | Puntata 15 settembre 2016 | Diretta | Riassunto

Il liveblogging della puntata del 15 settembre 2016 di Squadra antimafia-Il ritorno del boss, la fiction con al centro le indagini della squadra Duomo di Catania alle prese con un pericoloso boss mafioso

  • 21:32

    Anna non si capacita come sia stato possibile che de Silva sia stato lasciato da solo e che quindi si sia suicidato impiccandosi. Ma c'è qualcosa di strano: l'autopsia non è stata fatta, ma per i Servizi segreti il caso è chiuso.

  • 21:34

    I Servizi segreti non vogliono rivelare altro, anche perchè il corpo di de Silva lo hanno preso loro, portandolo in una località segreta. Anna non se la beve: considera tutto questo assurdo.

  • 21:36

    Ed infatti de Silva no è morto: i Servizi segreti riescono a rianimarlo, ma di nascosto. Ovviamente, se viene riportato in vita è perchè i Servizi segreti hanno una missione da fargli compiere.

  • 21:38

    Ma la Duomo deve ancora capire cosa ci facesse Rosy Abate a Catania: per il medico legale, però, è certo che il corpo sia suo. Sembra che stesse scappando da qualcuno, di cui c'è solo un'immagine. Sarà la Bertinelli a seguire il caso.

  • 21:40

    La missione di de Silva: i Marchese.

  • 21:41

    A Catania, intanto, arriva Reitani, per incontrare proprio i Marchese che, però, sono dispiaciuti che sia presente in un periodo un po' difficile per i clan.

  • 21:42

    Reitani propone ai Marchese di entrare nel traffico illecito di uranio: un mercato ricco, gli assicura. Ma la Duomo capisce che dietro gli agguati degli ultimi tempo c'è un unico uomo.

  • 21:43

    Anna ricorda che Tempofosco le aveva detto di indagare su un caso vecchio 40 anni: la squadra deve indagare sul passato delle vittime, per arrivare a chi ha ordinato i loro omicidi.

  • 21:44

    I Marchese non sono convinti dell'affare proposto da Reitani.

  • 21:45

    La Bertinelli chiede consigli alla madre su chi sia il mandante, ma lei le chiede, a sua volta, notizie su Rosy Abate.

  • 21:46

    La madre ricorda la strage dei Mazzeo, famiglia che aveva pestato i piedi ai Corda ed ai Marchese. I quattro uccisi per mano di Reitani facevano parte del gruppo di fuoco, che uccisero i Mazzeo, dieci persone tra cui, pare, anche un bambino.

  • 21:48

    Patrizia cerca di capire come faccia Reitani ad avere tutti questi soldi, ma lui è più interessato a parlare d'altro con lei, che gli ricorda una donna del suo passato.

  • 21:50

    Per Sciuto, Rosy Abate era a Catania per stare più vicino al figlio. L'uomo le consiglia di parlare con qualche militare del carcere per capire che fine abbia fatto il corpo di de Silva.

  • 21:53

    Ma anche la Ragno ha avuto la sua stessa idea: minaccia un uomo per capire se de Silva sia davvero morto. Scopre, così, che nessuno lo ha visto morto.

  • 21:55

    La Duomo scopre che la Ragno era nei paraggi.

  • 22:02

    Anna è convinta che de Silva sia vivo e che i Servizi segreti lo stiano nascondendo. Ma Licata vuole che lei si concentri sulle indagini sull'omicidio di Tempofosco.

  • 22:04

    La squadra scopre che il gruppo di fuoco era composto da cinque persone: il quindi era Giovanni Reitani, scappato in America ma arrestato per un altro omicidio.

  • 22:04

    Reitani, intanto, riceve il no dei Marchese alla sua proposta.

  • 22:06

    Il rifiuto ricorda a Reitani gli anni passati in carcere a subire violenze.

  • 22:07

    Settembrini, intanto, aiuta Anna a superare la sua difficoltà di sparare. I due scoprono che Reitani è in Italia.

  • 22:09

    Reitani annulla la cena con Patrizia, vuole rimediare all'affronto subìto.

  • 22:13

    Settembrini invita a cena Anna, che però resta a lavorare. L'uomo va a mangiare da solo, ed è così che incontra Reitani, che gli dice di essere a Catania perchè deve risolvere delle questioni con i Marchese. I due si conoscono, e Reitani è pronto a dire ad Anna tutto quello che ha fatto quando era sotto copertura: si è fatto corrompere per coprire alcuni crimini, e Reitani ne ha le prove. "Alla fine, gli faremo un favore, noi, a questa città", lo avverte Reitani.

  • 22:17

    Anna chiede alla Bertinelli di provare a parlare ancora con la madre, ma la ragazza le spiega che la donna non vuole collaborare con la Polizia.

  • 22:19

    Settembrini prova ad affogare le proprie preoccupazioni con l'alcool, anche per dimenticare Barbara, donna che Reitani le ha ricordato.

  • 22:20

    Reitani parla ancora con i Marchesi: uccide un loro componente per mandare al clan un messaggio.

  • 22:22

    Nigro ha una serata tranquilla, con la moglie. Ma non riesce a soddisfarla.

  • 22:24

    L'uomo ucciso da Reitani è Saverio Castro, luogotenente di Tindaro Marchese.

  • 22:26

    Settembrini inserisce nell'auto in cui è stato trovato Castro una chiave, facendo credere che sia una prova. La chiave apre, in un import/export, una cassetta di sicurezza di proprietà di due persone senza precedenti.

  • 22:32

    I Marchese vogliono scoprire chi ha ucciso Saverio.

  • 22:34

    Guarda caso, anche de Silva si trova all'import/export.

  • 22:35

    L'import/export è una copertura per i Marchese che, visti i poliziotti, aprono il fuoco: stanno nascondendo qualcosa.

  • 22:37

    Anna insegue Gerardo Marchesi, che però riesce a scappare. Quando uno dei suoi sta per ucciderla, la salva de Silva, che le dice che ha dovuto fingere la sua morte per lavorare per il Governo. L'import/export viene chiuso: per i Marchese è un duro colpo.

  • 22:39

    La squadra ci ha preso gusto: altri arresti mettono in difficoltà i clan.

  • 22:41

    Sciuto apprende della notizia dalla televisione.

  • 22:42

    Ed è tutto merito di Settembrini: quella chiave, però, gli era stata data da Reitani.

  • 22:43

    Proseguono anche le indagini su Rosy Abate: l'avrebbe uccisa Remo Buonanno, da poco uscito da carcere ed uomo di Dante Mezzanotte.

  • 22:44

    Caputo e la Bertinelli discutono sulla relazione tra Rosy Abate e Calcaterra: per lei una mafiosa è una mafiosa, per lui ci sono delle sfumature.

  • 22:45

    A casa del cugino, i due trovano Buonanno, che però riesce a fuggire.

  • 22:46

    Secondo il cugino di Buonanno, Rosy Abate aveva un tesoro di milioni di euro, che l'uomo voleva prendere come risarcimento per aver causato lo scioglimento del clan di Mezzanotte.

  • 22:47

    A sorpresa, arriva al quartier generale anche Sciuto.

  • 22:49

    Anna confida agli altri di essere stata salvata da de Silva.

  • 22:55

    I Marchese sono furiosi, ma anche preoccupati: devono pagare i calabresi. Per questo, pensano che l'offerta di Reitani possa servirgli.

  • 22:56

    Il finanziere Saverio Torrisi, in carcere, chiede al suo avvocato di farlo uscire, per poter gestire lui la questione dell'uranio.

  • 22:58

    Settembrini e Nigro si mettono a cercare Reitani, ma il primo prova ad ipotizzare che forse è inutile. Nigro gli dice che sa che a Settembrini piace Anna.

  • 23:00

    Neanche Sciuto, la Bertinelli ed Anna riescono a trovarlo.

  • 23:01

    Gerardo non è convinto della proposta di Reitani, mentre Tindaro sì.

  • 23:03

    Sciuto scopre che Reitani è andato a Catania con Patrizia, che era seduta vicino a lui in aereo, ed il cui biglietto è stato comprato con la stessa carta con cui Reitani aveva comprato una bottiglia al night club. Ora trovarlo sarà più semplice.

  • 23:05

    Anna non capisce come mai i Corda possano aver ucciso Castro: anche se i rapporti con i Marchese erano freddi, non sarebbero arrivati a così tanto clamore.

  • 23:06

    Anche i Corda non riescono a capire ci sia dietro.

  • 23:08

    Rachele è sempre più in difficoltà.

  • 23:11

    Ma ad aiutarla, arriva Antimo Corda: suo padre deve farle una proposta.

  • 23:19

    Patrizia vuole capire perchè Reitani le abbia chiesto di andare con lui. Le spiega che le ricorda una persona, una donna che amava.

  • 23:21

    Finalmente, la squadra trova l'appartamento preso in affitto da Patrizia tramite i soldi di Reitani.

  • 23:22

    Gerlando Marchese va da Reitani: ha il sospetto che ci sia lui dietro gli arresti della Polizia. Proprio mentre parlano, arrivano le forze dell'ordine.

  • 23:24

    Impaurito, Marchese tira fuori la pistola, ma Reitani riesce a disarmarlo. Nel farlo, Marchese perde il suo anello. Patrizia ferisce l'uomo, mentre Reitani lo uccide. La Polizia suona alla porta: Reitani va ad aprire, Patrizia nasconde il corpo di Marchesi. La puntata finisce.

De Silva non è morto: i Servizi segreti lo hanno portato via per affidargli una missione segreta, che coinvolge i Marchese. Proprio il clan viene contattato da Reitani, che propone loro di entrare nel commercio dell'urano. Questi, però, rifiutano: Reitani deve trovare un modo per convincerli. Contatta così Settembrini (Davide Iacopini), minacciandolo di rivelare ad Anna (Daniela Marra), con cui sta legando sempre di più, che in passato è stato corrotto per nascondere dei crimini. L'uomo è così costretto ad indirizzare le indagini sull'omicidio di Saverio Castro, fedele dei Marchesi ucciso da Reitani, al clan stesso, in modo da metterli in ginocchio. Senza soldi, i Marchesi sono quindi costretti ad accettare la proposta di Reitani, che vogliono far gestire a Saverio Torrisi (Fabio Troiano), in carcere..

La Duomo, intanto, scopre che i quattro uomini uccisi qualche giorno prima facevano parte del gruppo di fuoco che, quarant'anni prima, aveva compiuto la strage dei Mazzeo, uccidendo una decina di persone, tra cui anche un bambino. Ma il gruppo era formato anche da un quinto uomo, ovvero Reitani, che era riuscito a fuggire in America, dove però era stato arrestato per un altro omicidio.

I Corda vogliono capire ci sia dietro tutte quelle mosse contro i Marchesi e dietro gli omicidi, e decidono di chiedere aiuto a Rachele, sempre più in difficoltà. La Bertinelli (Silvia D'Amico), invece, indaga sulla scomparsa di Rosy Abate: ad ucciderla sarebbe stato Remo Buonanno, uomo di Mezzanotte, che starebbe cercando un tesoro di milioni di euro della donna.

La squadra, però, non interrompe le indagini su Reitani e, grazie all'aiuto di Sciuto (Dino Abbrescia), scopre che l'uomo è a Catania con Patrizia (Caterina Shulha). I poliziotti raggiungono i due nella loro abitazione proprio mentre Gerlando Marchesi si sta confrontando con Reitani. Accortosi del loro arrivo, l'uomo punta la pistola contro Reitani, che riesce a disarmarlo, facendo cadere anche il suo anello. Patrizia lo colpisce mettendolo a terra, ma Reitani lo uccide.

Squadra antimafia-Il ritorno del boss, puntata 15 settembre 2016: anticipazioni


Nuovo appuntamento, questa sera alle 21:10 su Canale 5, con Squadra antimafia-Il ritorno del boss, la fiction giunta all'ottava stagione che segue le indagini della squadra Duomo, alle prese a Catania con un nuovo pericoloso boss, giunto in Italia dopo anni di lontananza.

Nella puntata di questa sera, la Duomo deve affrontare le presunti scomparse di de Silva (Paolo Pierobon) e di Rosy Abate (Giulia Michelini), indagando anche su chi possa aver ordinato l'omicidio di Tempofosco (Giovanni Scifoni). Le indagini portano presto al nome di Giovanni Reitani (Ennio Fantastichini) che, intanto, è appena arrivato a Catania per fare una proposta al clan dei Marchese.

Squadra antimafia-Il ritorno del boss

Rachele (Francesca Valtorta), invece, è riuscita a scappare dall'ospedale in cui era ricoverata, ma ora si trova da sola ed in difficoltà. Per lei, sono in arrivo nuove alleanze che le permetteranno di ritrovare la grinta con cui si era imposta.

Squadra antimafia-Il ritorno del boss, puntata 15 settembre 2016: come vederlo in streaming


Si può vedere Squadra antimafia-Il ritorno del boss in streaming sul sito ufficiale di Mediaset, mentre da domani sarà possibile vederlo su Video Mediaset.

Squadra antimafia-Il ritorno del boss, puntata 15 settembre 2016: Second screen


E' possibile commentare Squadra antimafia-Il ritorno del boss sulla pagina ufficiale di Facebook e su Twitter, all'account @SquadraAM. L'hashtag è #SquadraAntimafia.



  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: