Giffoni 2016, Simone Montedoro: "Don Matteo? Ci vuole anche altro in tv"

L'attore a Giffoni per incontrare pubblico e ragazzi: le dichiarazioni su Blogo.

Simone Montedoro al Giffoni 2016 | Conferenza Stampa | Diretta

Simone Montedoro arriva al Giffoni 2016 in versione Luciano di Matrimoni e altre follie:


"Ho girato la serie un anno e mezzo fa e ora mi sono fatto ricrescere barba e capelli perché stiamo girando delle clip promozionali"

dice l'attore.
Che sia in vista una seconda stagione di Matrimoni anche se finora tutti, Giulio Berruti incluso, hanno dato il futuro della fiction piuttosto incerto.

Il suo volto però è legato al ruolo del capitano Tommasi in Don Matteo: "È una scuola fantastica e il suo successo è dovuto al format vincente. Certo, è una fatica girarla, visto che si sta per nove mesi sul set ma proprio la serialità, così come il teatro, permette di approfondire i personaggi: più passi il tempo con loro, più li scopri".

Tanta tv per lui, ma anche una gran voglia di fare cinema: "Sta tornando il film d'autore in Italia: fino a qualche tempo fa eravamo legati a un solo tipo di storie, ora finalmente si diversifica e ho voglia di farlo anche io. Non è facile però fare provini. Sembra quasi che gli addetti ai lavori non capiscano che si può versatili".

Per adesso ancora Don Matteo: "Si lascia guardare da anziani e bambini, perché è rassicurante. Ma in tv ci vuole anche altro in tv".

  • 15.41

    Non dimenticate mai di inseguire i vostri sogni.

  • 15.38

    Fai complimenti per la Connessione, ma non hai Twitter. Destinazione? Consiglierei una destinazione vicina, il proprio cuore. Non vedo più amore, non vedo più calore. Tutti dietro ai dispositivi. Come social network ho solo instagram, è stata una scelta istintiva. A stare dietro a tutti questi piripì, suonerie... Avete il mondo in mano, ma non vedo più la passione nei vostri occhi in voi ragazzi...

  • 15.36

    Cosa spinge un attore a fare per tanti anni lo stesso personaggio? "I sol..., no scherzo. Don Matteo è una scuola fantastica non c'è da dire nulla. Io sono nato vedendo Terence Hill e Bud Spencer, con FRassica... quello che mi ha dato la serialità per nove mesi sul set... anche in teatro ... più vai avanti scopri il tuo personaggio. La gente questo forse non lo percepisce, anche se il personaggio di Tommasi è cambiato. E poi se ti pagano non fa male.

  • 15.35

    Progetto al teatro Golden a Roma, poi del resto non mi va di parlarne perché ancora non lo so. Ormai finché non firmi col sangue.

  • 15.34

    Ironia, comicità, tempi e 10 chili di meno: così ho avuto la parte.

  • 15.29

    Vengo da una famiglia di macchinisti cinematografici. Ho sempre sentito parlare del cinema, del vecchio cinema. Il cinema vero. Poi è successo tutto per caso: feci delle pose per una pubblicità a 18 anni e un fotografo mi mandò da un agente. Iniziai a studiare recitazione, cosa che continuo a fare. Il lavoro dell'attore è difficilissimo, è profondo. E' vero che la tv confonde un po' i ruoli, ma per essere attori, per raccontare il personaggio, bisogna studiare e imparare ad assimilare quello che la vita ti propone.

  • 15.27

    Molto grato all'Arma. Fanno un mestiere tosto e ci vuole passione per farla. Aiutano i cittadini, si occupano di arti, di antisofisticazioni... sono tutori della legge e anche un po' psicologi. Siamo molto in contatto con l'arma: ho una responsabilità importantissima a portare una divisa da capitano. All'inizio avevano qualcuno sempre sul set e poi abbiamo sempre una gazzella vera, fuori servizio, per farci da autista.

  • 15.26

    Don Matteo: il format è vincente. E' una fatica girarla, con 9 mesi sul set, ma possono vederla tutti, dai bambini agli adulti. Ma ci vuole anche altro in tv.

  • 15.25

    Sta tornando il cinema d'autore in Italia. Spero di fare qualcosa al cinema anche per diversificare. Sembra quasi che gli addetti ai lavori non capiscano che si possono fare più ruoli, si può essere versatili.

  • 15.25

    Faccio, ahimè, più televisione. Non perché non mi piaccia, ma perché mi piacerebbe fare cinema. Difficile fare un provino, però.

  • 15.23

    E' barbuto oggi (anche con u po' di tracheite), perché è rientrato nel ruolo di Luciano di Matrimoni e altre follie per delle clip promozionali. Quindi si fa la seconda?

  • 15.21

    Beh, ci troviamo qui ormai da una ventina di minuti. Su, che la giornata è piena.

Simone Montedoro al Giffoni 2016

simone-montedoro-561.jpg

Simone Montedoro non molla la divisa del capitano Tommasi: oltre a Don Matteo, infatti, lo ritroviamo al servizio di Complimenti per la Connessione, access prime time di alfabetizzazione digitale in onda su Rai 1, oltre che in Matrimoni e altre follie, in onda su Canale 5.

Noi lo abbiamo incontrato qualche giorno fa proprio alla presentazione della fiction interstiziale Rai con Frassica e della serie Mediaset. Vediamo però cosa ha da dirci qui al Giffoni Film Festival 2016.

  • shares
  • Mail