Serie TV, novità: Kate Walsh in 13 Reasons Why drama di Netflix, Helena Bonham Carter in Saint Maize

Walsh nel drama prodotto da Selena Gomez. CBS prepara una serie limitata sul rapimento di Patty Hearst

kate walsh

13 Reasons Why: Kate Walsh sarà protagonista insieme a Dylan Minnette e Katherine Langford dei 13 episodi che compongono la prima stagione del nuovo drama Netflix, prodotto da Selena Gomez, Paramount TV e Anonymous Content. Nel cast della serie scritta da Brian Yorkey e diretta da Tom McCarthy, entra anche Derek Luke. Basato sul romanzo di Jay Asher del 2007, 13 Reasons Why racconta l'emozionante notte di Clay (Minnette), quando riceve una scatola di scarpe con le cassette registrate dalla compagna di classe, per cui aveva una cotta, che si è suicidata. Nelle cassette, Hannah (Langford) racconta la sua storia e dà a Clay le istruzioni per farle passare tra i vari studenti, in particolare su 12 ragazzi che hanno condizionato la sua decisione, spiegando loro le 13 ragioni che l'hanno spinta a farlo. Walsh sarà la mamma di Hannah, mentre Luke sarà Mr. Porter il consulente scolastico dei ragazzi.

Girl Meets World: Ocean Maturo, fratello di Augustus Maturo, che interpreta Auggie Matthews, interpreterà la versione giovane di Auggie in una serie di flashback che saranno realizzati nella terza stagione.

Progetto serie limitata di CBS: il network USA ha messo in lavorazione una serie limitata incentrata sul rapimento di Patty Hearst, scritta da Jonathan Tolins. La serie racconterà la storia e gli eventi legati al rapimento nel 1974 di Patty Hearst, nipote del magnate dell'editoria William Randolph Hearst. Patty venne rapita dai terroristi del Symbionese Liberation Arm (SLA), nel suo appartamento a Berkley in California e rimase nelle mani dei rapitori per 19 mesi durante i quali si avvicinò ai terroristi e cambiò il suo nome in Tania, al punto che iniziò a collaborare con loro, partecipare a rapine e venne arrestata e processata.

Saint Maize: Helena Bonham Carter, insieme al produttore di Suffragette Faye Ward, lavorerà nell'adattamento del romanzo di Jami Attenberg basato su un personaggio realmente esistito. Scott LaStati e la sua Palantir Group, insieme alla Fable Pictures di Ward, produrranno la miniserie scritta da Clara Brennan. Bonham Carter sarà anche protagonista nei panni di Mazie Gordon-Phillips, un personaggio di cui per la prima volta ha parlato nel 1940 Joseph Mitchell sul New Yorker. Mazie lavora come bigliettaia in un cinema che poi riuscirà ad ereditare, mentre nel suo tempo libero va per le strade di New York dando sapone e un sorso di liquore agli homeless. Ma non per questo è una santa, anzi la sua immagine è l'esatto opposto, uno spirito libero, ubriacona nonostante il proibizionismo, nonostante questo diventerà una sorta di eroe locale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail