Andrea Sartoretti a Blogo: “Francesco Rebecchi è un personaggio in cerca della verità. Con questa serie, speriamo di aver fatto qualcosa di diverso”

L’intervista di Blogo all’attore 44enne.

Andrea Sartoretti è uno degli attori protagonisti di Fuoco amico TF45 – Eroe per amore, la nuova fiction di Canale 5 che andrà in onda a partire da mercoledì 30 marzo 2016, in prima serata, per un totale di otto puntate.

L’attore 44enne, visto negli ultimi anni anche in Squadra Antimafia – Palermo Oggi e ne Il Bosco, interpreta il ruolo di Francesco Rebecchi, agente dell’AMIS, Agenzia Militare Informazioni Sicurezza, che avrà il compito di seguire le tracce di Enea De Santis, in fuga dopo aver subito un attacco in Afghanistan. Francesco Rebecchi, inoltre, si innamorerà di Giulia, la sorella di Enea, interpretata da Pilar Fogliati.

Dopo la conferenza stampa di presentazione di Fuoco amico TF45 – Eroe per amore, noi di Blogo abbiamo intervistato Andrea Sartoretti che ha esordito, dichiarando che la storia d’amore con la sorella di Enea De Santis creerà non pochi problemi al suo personaggio:

Il mio personaggio è Francesco Rebecchi e sono agente dei servizi segreti che lavora all’Amis. Francesco si innamorerà e sarà un grosso problema. Io porterò avanti delle indagini. La squadra della Task Force verrà attaccata in Afghanistan e non è chiaro chi è stato. Io indagherò per scoprirlo mentre loro sono in fuga. Nel frattempo, io ho una relazione con la sorella di Enea De Santis. E’ una relazione che entrerà in contrasto con le indagini sul fratello. Il mio personaggio è una brava persona che cerca la verità e le sue indagini lo porteranno a ricredersi su alcune sue certezze.

Fuoco amico TF45 – Eroe per amore tratta in superficie anche il tema del terrorismo che non è mai stato così attuale. Abbiamo chiesto a Sartoretti quale potrebbe essere la reazione del pubblico:

Come potrebbe accogliere questa fiction? Non te lo so dire. Il pubblico sarà sicuramente interessato e ci seguirà fino in fondo. Per quanto concerne questo terribile momento, posso dire che è un momento tragico. Non bisogna, però, colpevolizzare solo una parte. Anche le colpe sono “democratiche”. Anche noi abbiamo le nostre colpe. Se ci fosse stata più tolleranza in passato e una politica diversa, forse adesso vivremmo un momento diverso.

Andrea Sartoretti, come ben sappiamo, ha fatto parte del cast di Romanzo Criminale, tra i prodotti italiani più di alto livello mai visti sul piccolo schermo, per quanto riguarda serie e fiction. Secondo l’attore, la fiction italiana non sempre ha mantenuto alto quel livello di qualità negli ultimi anni:

Visto l’exploit di Romanzo Criminale, da quel momento in poi, bisognava o mettersi al suo livello o fare qualcosa in più. Non è successo sempre ma a volte è successo. Con questa serie, speriamo di aver fatto qualcosa di diverso e di nuovo. Ho visto la prima puntata e le intenzioni sono state quelle di fare qualcosa che la tv generalista non aveva mai fatto prima.

Per l’intervista completa, c’è il video a disposizione.

I Video di TvBlog