Marvel's Daredevil, Charlie Cox: "Ora Matt è più sicuro. Le scene d'azione saranno diverse"

Il protagonista di Marvel's Daredevil Charlie Cox ha parlato della seconda stagione della serie tv, dei cambiamenti del suo personaggio e dei nemici che dovrà affrontare.

Con la seconda stagione, che sarà rilasciata domani da Netflix, Marvel's Daredevil porterà il protagonista Matt (Charlie Cox) a dover affrontare altri nemici con maggiore sicurezza.

-Attenzione: spoiler-
L'attore, intervistato da TvLine, ha spiegato che dopo gli eventi della prima stagione Matt è più forte e convinto di poter gestire la criminalità di Hell's Kitchen:

"Matt e Daredevil si stanno godendo un periodo in cui tutto va bene. Wilson Fisk (Vincent D'Onofrio) è dietro le sbarre, la criminalità è crollata perchè tutti hanno paura di Daredevil.... Matt è cresciuto nella sicurezza in sè stesso. Ora è un po' spaccone ed arrogante. Quando ho letto la sceneggiatura del primo episodio della seconda stagione, alla fine della sigla c'è scritto che 'ha un sorriso sul suo volto', e ricordo che ho pensato 'Incontreremo un Matt Murdoch si diverte ad essere Daredevil come non mai'. Probabilmente pensa di avercela fatta e che tutto possa andare meglio".

Ovviamente, non mancheranno i problemi: Matt dovrà affrontare una misteriosa organizzazione chiamata "The Hand", ma anche Frank Castle (Jon Bernthal), meglio noto come The Punisher, personaggio in cerca di vendetta contro coloro che gli hanno ucciso la famiglia. "Quando Matt lo incontra inizialmente, è molto facile per lui etichettarlo, come ha fatto con Wilson Fisk", spiega l'attore. "Ma quello che accade molto rapidamente lo porta a considerare un'altra possibilità, ovvero che queste due persone siano più simili che differenti, e questo certamente per Matt è una prospettiva spaventosa".

Per Cox, però, a spaventare Matt è soprattutto il fatto che le sue azioni possano aver provocato la diffusione di personaggi come The Punisher:

"Matt deve anche considerare che lui stesso sia responsabile della comparsa di gente come Frank Castle, e dovrà affrontare un viaggio abbastanza emozionante".

Daredevil

Oltre ad essere aiutato da Karen (Deborah Ann Woll), che ancora non sa della sua doppia identità, e da Foggy (Elden Henson), il protagonista nella seconda stagione riceverà alcune informazioni dal procuratore distrettuale Blake Tower (Stephen Rider) ma, soprattutto, dovrà affrontare anche la sua ex Elektra Natchios (Élodie Yung), personaggio già noto ai fan del fumetto e che fu protagonista anche di un film. La presenza della donna, assassina senza scrupoli, metterà in difficoltà il rapporto tra il protagonista e Karen:

"Sapevo che avrebbe messo i bastoni tra le ruote nella loro relazione, di cui abbiamo sempre avuto qualche indizio fin dall'inizio. Ho anche immaginato che avrebbe cambiato le scene di lotta, in cui Matt avrebbe avuto bisogno dei suoi sostenitori! In questa stagione dovevamo aggiungere qualcosa al mix per scuotere un po' le cose".

Le scene d'azione, in effetti, sono tra le più affascinanti della serie: per la seconda stagione, assicura Cox, gli autori hanno pensato a scene che tenteranno di uguagliare il piano sequenza della prima stagione in cui il protagonista combatte contro numerosi nemici in un corridoio:

"Ciò che è stato divertente nel realizzare queste scene è che lo abbiamo fatto quasi un anno dopo quella scena. Ricordo di aver pensato 'Wow, è un'impresa'. Ovviamente, dobbiamo 'rendere merito' a quella scena, mi chiedevo se fosse qualcosa che dovevamo provare. Ma avevo fiducia in Phil Silvera, il nostro coordinatore degli stunt, e nello stuntman Chris Brewster, che sono davvero i migliori in ciò che fanno".

Tra le scene che ricorda con più affetto e fatica, quella in cui ha dovuto portare sulle spalle Bernthal, girata durante l'estate:

"Faceva davvero molto, molto caldo a New York e la giornata è iniziata con io che dovevo trasportare Jon Bernthal sulle spalle per circa un minuto e mezzo -e quel ragazzo è pesante, solo muscoli! Quindi prima ancora di tirare un pugno o un calcio, stavo sudando nel mio costume. E' stata un'incredibile sfida per tutti, compreso il cameraman, perchè gran parte della scena avviene su una tromba delle scale, ma è uno dei miei ricordi più belli della seconda stagione, e la scena che sono più entusiasta per i fan che la vedranno".

Infine, Cox ha anche citato The Defenders, la miniserie che fa parte dell'accordo siglato da Marvel con Netflix. L'attore ha spiegato ad Entertainment Weekly che la seconda stagione di Marvel's Daredevil permetterà al protagonista di riuscire a lavorare in gruppo:

"Penso che sia possibile, ma non credo che Matt ne sia consapevole. Non credo che neanche ci pensi. Per Matt è molto difficile farsi aiutare da qualcuno. Trova impossibile l'aiuto degli altri. Una delle lezioni che imparerà in questa stagione è che ha bisogno degli altri, ha bisogno di aiuto, tutti ne abbiamo bisogno".

  • shares
  • Mail