Morgan fuori da Sogno e Son Desto per colpa di Sanremo 2016

Morgan costretto a lasciare il sabato sera di Rai 1 per motivi contrattuali legati al Festival della Canzone Italiana.

Morgan interrompe la sua partecipazione a Sogno e Son Desto 3 e chiude con due settimane di anticipo la sua collaborazione con Massimo Ranieri, che lo ha voluto al suo fianco per il terzo anno consecutivo nello show del sabato di Rai 1. Il cantattore napoletano dovrà fare a meno del suo 'fratellino' e del suo compagno di scorribande da sabato sera fino alla fine della terza edizione del suo varietà, che si concluderà il 6 febbraio, esattamente una settimana prima del gran finale di Sanremo 2016.

Ma perché Morgan lascia Sogno e Son Desto? La colpa è proprio del Festival della Canzone Italiana, cui il cantante parteciperà con i Bluvertigo nella sezione Big con la canzone "Semplicemente". Il regolamento di Sanremo 2016, infatti, vieta ai cantanti in gara di andare in tv a partire dal 25 gennaio, come si legge nelle disposizioni generali e finali del documento pubblicato online, che recita quanto segue:

"Fatta salva l’eventuale preventiva autorizzazione scritta di RAI-Direzione di Rai Uno (...) tutti gli artisti in competizione nella Sezione CAMPIONI non potranno prendere parte - pena l’esclusione da Sanremo 2016 e con salvezza di ogni ulteriore diritto e/o azione previsti dalla legge e/o dal presente Regolamento - a manifestazioni, incontri o programmi che prevedano loro interpretazioni-esecuzioni di qualsiasi composizione musicale (anche se diverse da quelle presentate in occasione della competizione a Sanremo 2016), in diffusione televisiva, radiofonica, via internet, etc. nel periodo tra il 25 gennaio 2016 e sino al termine della Serata Finale di Sanremo 2016; nel periodo indicato sono comunque consentite le partecipazioni per interviste".

Rai 1 ha quindi scelto di non 'favorire' cavalli della propria scuderia e non ha quindi autorizzato Morgan ad andare in onda fino alla fine del programma. La puntata di questa sera, dunque, ha permesso almeno di salutare il pubblico e per un ultimo duetto con l'amico Massimo sulle note di Una Carezza in un Pugno, di Adriano Celentano.

Ranieri non fa mistero di sentirsi già solo.

"Mi lasci col cerino in mano... "

dice Ranieri all'amico Marco Castoldi, dispiaciuto per l'addio ma contento per l'avventura sanremese.

"Ma dai che ti lascio in buone mani!"

cerca di rincuorarlo Morgan. Ma la risposta, istintiva, di Ranieri svela tutta la verità:

"Tipo?!"

Magari Ranieri voleva riferirsi a qualche 'sostituto', qualche ospite in grado di far sentire meno la sua mancanza. Ma la sensazione di 'vuoto' si percepisce.

Morgan cerca di 'recuperare' la situazione rispondendo con un ragionevole "I tuoi autori". Ma non si può non notare come quest'anno la voce femminile, Nina Zilli, non sia proprio un supporto per Ranieri e che la struttura del programma sembra più debole che mai. La gioiosa spensieratezza, figlie di un'accurata scrittura e di prove maniacali, delle scorse edizioni non si ritrova, mentre si percepisce una sempre più diffusa sensazione di 'preoccupazione' e di nervosismo. Tanto più che Morgan, già nella prima serata, è stato relegato a un paio di momenti, mentre questa sera è stato 'scongelato' solo per un saluto sul finire della puntata.

Per Ranieri, quindi, una seconda parte di edizione ancora più in salita, mentre Morgan si prepara al ritorno all'Ariston. Lo show del sabato sera continua.

  • shares
  • Mail