Special Guest: il Techetechete di La7 con limiti di archivio e problemi nel montaggio

Special Guest è un Techetechete povero e mal confezionato

Da lunedì 28 dicembre 2015 su La7 è tornato in onda Special Guest, il programma che racconta in 30 minuti un personaggio comico attraverso le partecipazioni o ospitate a trasmissioni della rete edita da Urbano Cairo. Nella prima puntata protagonista Luciana Littizzetto (4,21% share, oltre il milione e 100 mila spettatori), nella seconda Luca e Paolo (3,13%, 799.000 spettatori). Dopo essere stato collocato la scorsa estate in seconda serata il venerdì (dopo le 23.30), in questi giorni occupa lo slot dell’access prime time, rimasto scoperto per le ferie natalizie di Otto e mezzo, facendo rifiatare lo spremutissimo Crozza.

Special Guest è il Techetechete di La7, che a dispetto di Rai1 (e della Rai in generale) ha evidentemente un archivio video da cui attingere molto più ristretto. Per questo, di fatto, le clip che vengono proposte – con un montaggio molto lineare, senza particolari sussulti – sono tratte da pochi titoli e i volti che si avvicendano sono praticamente solo quelli di Maurizio Crozza, Victoria Cabello, Lilli Gruber, Daria Bignardi e Fabio Fazio. Ma che La7 abbia un limite nelle produzioni originali di intrattenimento non è certamente una novità e va dato atto a Cairo il fatto che stia tentando di superarlo (per ora con scarsi risultati).

Raccogliamo però alcune segnalazione provenienti dai social e in particolare da Twitter. Dove alcuni utenti hanno fatto notare che la messa in onda della puntata di lunedì, dedicata alla Littizzetto, avrebbe avuto problemi ‘tecnici’ vistosi.

Ed in effetti è proprio così. La conferma è nel video in apertura di post. Dal minuto 15.20, ossia dopo la prima interruzione pubblicitaria, il programma ‘riparte’. E così la mezz’ora di palinsesto è coperta.

Roba che neanche a La Gabbia, maestra di questo ‘tipo’ di televisione che replica se stessa a stretto giro, sarebbero in grado di fare.

Ultime notizie su Techetechetè

Tutto su Techetechetè →