Panariello sotto l’albero: gli ospiti sorreggono uno show già visto (e una comicità d’antan)

Panariello Sotto l’Albero, prima serata live su Blogo: il comico toscano in diretta da Livorno ospita Conti e Pieraccioni.

In principio fu Torno Sabato e 15 anni dopo siamo ancora lì: Rai 1 gioca con l’effetto nostalgia riportando Giorgio Panariello e (il guadaroba di) Tosca D’Aquino in prima serata, in un martedì sera che sa di prefestivo, come un sabato autunnale. Lo show lo fanno gli ospiti, ed è tutto dire. Trovo, infatti, che la comicità di Giorgio Panariello si sia fermata alla liturgia dei luoghi comuni sulle Feste, sui regali, sui giovani in difficoltà, in un crescendo ‘amaro’ che culmina col quadro dedicato a un clochard costretto a vivere per strada dopo aver perso il lavoro, di cui ci si ricorda solo a Natale per qualche foto da usare magari a scopo elettorale. Di questo blocco finale salvo la coreografia che riporta in scena Oriella Dorella. Per il resto, la riflessione amara e moralistica di fine show comico non è necessaria, anche se sembra ormai imprescindibile negli ‘spettacoli che contano’ (penso a Siani a Sanremo 2012 e alla Littizzetto settimanale): sembra quasi che ci si ‘vergogni’ di far ridere.

Ma non è questo il punto.

Il punto è che Panariello, da solo, non ‘buca’ e che dei suoi personaggi, vecchi o nuovi, s’è visto poco.
A reggere lo spettacolo ci pensano gli ospiti: menzione d’onore a Leonardo Pieraccioni che sorregge gli sketch fin dall’anteprima, quando appare con Panariello e Carlo Conti a mo’ di Re Magi. Si capisce subito che l’originalità non sarà la cifra della serata. Ma Pieraccioni guida il trio anche nella parodia di C’è Posta per Te, che gioca col classico escamotage del coinvolgimento del pubblico. Roba buona per l’animazione (così come il momento costruito con Emma), buona per lo show in teatro, ma meno per la tv, che vuole stupore (arriverà, ma con l’ospite speciale non ‘targato’ F&P). E oltre la vis comica di Pieraccioni, nelle parti a tre vien fuori anche la verve di Conti, che appare particolarmente in forma: il trio gli dà nuovo vigore, lo scioglie, lo rende più umano. Meglio qui che a Sanremo.

Insomma il potere del trio funziona anche 25 anni dopo la prima volta insieme. Ma non essendo uno show a tre bisogna sempre trovare qualcosa per supportare il padrone di casa. La D’Aquino è relegata a mannequin, con i suoi 4-abiti-4 cambiati per le 4-uscite-4 (con 1-battuta-1 a volta) nel corso dell’intera serata, per cui si cerca altro e qualche guizzo non manca, come Il Volo che fa il coro al Pulcino Pio. Il contrappasso dantesco approda su Rai 1. E in fondo ci arriva anche Dante nella versione ‘digital’ proposta da Panariello. Il ritorno di Naomo è forse il passaggio più nostalgico, ma anche quello più aderente alle attese e forse il più riuscito.

1222_232218_panariello-sotto-l-albero.jpg

Si capisce che l’idea è quella di costruire un varietà à la Rai monopolista: la richiama anche la scenografia, con lo schermo in bianco e nero che evoca atmosfere anni ’60 e che appare (solo) nei monologhi di Panariello, che restano i momenti più deboli di tutto il racconto, anche se avrebbero dovuto trainare lo show. E invece è tutto il resto a fare lo spettacolo.

La traccia è quella di intervallare momenti ‘attesi’ con cose mai viste, costruite con la complicità degli ospiti, sulla scia di Studio 1 o del più recente Fiorello. Riesce poco (penso al momento con Emma, frizzante ma a mio avviso poco coinvolgente per il pubblico a casa, o con i Negramaro, in esclusiva funzione colonna sonora), se non per  il C’è Posta per Te, Giorgio Panariello con Maria De Filippi. Un momento unico, davvero mai visto su Rai 1, che va oltre l’ospitata e porta il programma ammazza-ascolti del sabato sera di Rai 1 al pubblico dell’ammiraglia a mo’ di Strenna natalizia. Praticamente, come abdicare alla Regina Maria (detta da taluni ‘La Sanguinaria’). La sua presenza rende la serata davvero unica, televisivamente parlando, e fagocita l’impressione generale sul programma, c’è poco da fare.

Sul fronte confezione, ritmo sostenuto per 3/4 di programma: dopo la seconda uscita di Emma (con outfit molto ‘Marcuzzi’) il ritmo cala vertiginosamente. E come al solito, la prima serata ‘evento’ di Rai 1 pecca sempre di lunghezza: il programma sarebbe potuto terminare alle 23.45 con piena soddisfazione delle parti, e anche di un Auditel fuori garanzia. E invece siamo arrivati alle 00.20. E domani si continua.

Panariello sotto l’albero | Diretta | 22 dicembre 2015

[live_placement]

Panariello sotto l’albero | Prima serata | Anticipazioni

panariello-sotto-lalbero.jpg

Panariello Sotto l’Albero debutta questa sera, martedì 22 dicembre 2015, alle 21.20 con la prima delle due serate ‘strenna’ in onda su Rai 1. Al fianco di Giorgio Panariello la ‘eterna compagna’ di bisbocce tv, Tosca D’Aquino, che ha già condiviso con lui, ormai 15 anni fa, il prime time dell’ammiraglia con Torno Sabato. Ma per Panariello questo è un ‘triplo’ ritorno ‘sotto l’albero’: fu uno dei suoi principali successi di pubblico all’inizio della sua carriera, è tornato in scena lo scorso fa per il ventennale e ora approda in tv. Per l’occasione sfodera un asso nella manica affatto male: Maria De Filippi.

Panariello sotto l’albero | Lo show

Lo spettacolo va in onda, questa sera e domani, in diretta dal PalaModigliani di Livorno: l’atmosfera dello spettacolo teatrale è quindi salvaguardata, al netto della ripresa televisiva.

Come ha raccontato a Blogo, Panariello ha preparato una carrellata dei suoi personaggi, ma non mancherà qualche novità nel suo approccio alla ‘satira di costume’. Si alterneranno figure ‘storiche’ e nuovi personaggi, spunti dall’attualità e ricordi del passato. Il clima, però, vuole essere quello di un cenone tra amici a Casa Panariello’, tra sorprese e scambi di regali, in allegria e senza pensieri.
La direzione artistica è  affidata a Giampiero Solari, mentre lo show è prodotto da F&P Group con la Ballandi Multimedia, che cura gli aspetti tv.

Panariello sotto l’albero | Ospite Maria De Filippi

Per la prima serata, Giorgio Panariello ha invitato gli amici di sempre, ovvero Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni (peraltro recentemente colpito da un lutto, la morte del padre). Il trio, che ha camminato insieme le impervie vie della gavetta in Toscana, non si è mai diviso e continua a incrociarsi per festeggiare i successi degli altri membri.

Sul piano musicale arrivano Emma, Negramaro, Il Volo e Placido Domingo (in attesa che domani sbarchino a Livorno Biagio Antonacci, Alessandra Amoroso e Claudia Gerini, Massimiliano Allegri, Alessandro Borghese, Paolo Rossi e Matt Dillon).

Ma il vero colpo è Maria De Filippi, che torna nel prime time di Rai 1 dopo l’esperienza da ‘conduttrice per una sera’ a Sanremo 2009 accanto a Paolo Bonolis. Che sia una forma di ‘rivalsa’ di Panariello verso ‘Paolino’ che con gli ascolti del suo precedente Festival precedente rendette ostica la missione per l’edizione 2006, guidata proprio dal comico toscano?

Panariello sotto l’albero | Come seguirlo in tv e in live streaming

Panariello sotto l’albero va in onda martedì 22 e mercoledì 23 dicembre 2015 su Rai 1 alle 21.20. Come tutti i programmi Rai, va in onda in suimulcast in livestreaming su Rai.tv. Il programma sarà poi disponibile on demand sul portale Rai.

Panariello sotto l’albero | Second Screen

Per seguire e commentare live lo show natalizio di Panariello vi consigliamo, come ovvio, il nostro live blogging, al via alle 21.20 su Tv Blog. Per seguire aggiornamenti e news c’è la pagina ufficiale di Giorgio Panariello su Facebook, mentre su Twitter si può seguire il profilo ufficiale. L’hashtag è #panariellosottolalbero.