I misteri di Laura, su Canale 5 il poliziesco che diventa familiare

Su Canale 5 I misteri di Laura, serie tv con protagonista un Commissario alle prese con il lavoro ma anche con un marito che l’ha tradita e tre figli da crescere, mentre in Commissariato arriva un nuovo collega dai metodi diversi da suoi che riuscirà ad affascinarla

Una nuova fiction per Canale 5 che, questa volta, punta sul poliziesco ma anche alla commedia familiare: I misteri di Laura, in onda da questa sera alle 21:10, unisce infatti i casi su cui indaga la protagonista ai suoi problemi nella vita di tutti i giorni, che derivano dall’essere una madre single di tre figli.

Adattamento dello spagnolo Los Misterios de Laura, la versione italiana cerca di rispettarne il formato, puntando anch’esso sulla bravura della protagonista e sui casi che deve risolvere. Il Commissario Laura Moretti (Carlotta Natoli), è una donna romana che da tempo vive a Torino. Qui svolge il suo lavoro con efficenza, capace di risolvere le indagini con curiosità ed astuzia.

Iacopo Banti (Gian Marco Tognazzi) è suo collega ma anche suo marito. Quando scopre che la tradisce con una donna di cui non conosce l’identità, Laura decide di divorziare, senza però rendersi conto che andrà a complicarsi la vita: adesso, infatti, si ritrova da sola a dover gestire non solo il lavoro, ma anche le vicissitudini relative alla sua vita familiare. Laura, infatti, ha tre figli: la tredicenne Allegra (Giulia Salerno), sempre preoccupata di avere tutto in ordine, ed i gemelli Luca e Marco (Matteo e Leonardo Frontoni), due piccole pesti che riescono sempre a cacciarsi nei guai. Nonostante Iacopo cerchi di essere presente nella loro vita, sarà Laura, adesso, a doversi occupare di loro, ritrovandosi così ad avere le giornate piene di lavoro e guai da risolvere.

L’arrivo dell’Ispettore Capo Matteo Maresca (Daniele Pecci) non migliora le cose: spostato dai reparti speciali in Sicilia a Torino per insubordinazione, il suo metodo di lavoro è ben diverso da quello di Laura: spesso aggira le regole e non si preoccupa delle conseguenze. Inoltre, è un dongiovanni, cosa che lo rende ancora più antipatico agli occhi della protagonista che, però, nel corso delle puntate, ne scopre la bravura e riesce a collaborare con lui. Matteo, dal canto suo, trova in Laura una donna ricca di risorse e molto affascinante.

I due si ritrovano così ad indagare sui casi che gli vengono assegnati, e che li portano negli ambienti più altolocati di Torino. Ad aiutarli nelle indagini, l’Ispettore Capo Lidia Vasari (Eleonora Sergio), la donna che ha una relazione proprio con Iacopo e che, quando questo vuole riconquistare Laura, farà di tutto per non farselo scappare; e l’agente scelto Carlo Alberto Pinzi (Daniele Foresi), che vede in Matteo un modello da imitare e che è innamorato di Lidia, che però lo considera solo per sbrigare le faccende in ufficio. Ad aiutare Laura a casa, invece, c’è la sua vicina Martina (Fatima Trotta), il cui sogno è quello di diventare attrice, e che per questo ha mentito ai suoi genitori, ritrovandosi a fare da babysitter ai figli della protagonista. A tutto questo, si aggiunge il fatto che Iacopo viene promosso, diventando il superiore di Laura.

I misteri di Laura si confronta non solo con il format spagnolo, andato in onda per tre stagioni su La 1 con ascolti superiori ai 2 milioni di telespettatori (12% di share), ma anche con la versione americana, The Mysteries of Laura, di cui la Nbc sta trasmettendo la seconda stagione (da noi in onda su Premium Stories di Mediaset Premium) e che ha come protagonista Debra Messing (Will & Grace). In entrambi i casi, la serie tv punta soprattutto sulla commedia, sfruttando la personalità della protagonista, una donna brava nel suo lavoro ma piena di problemi concreti da risolvere a casa.

Gli otto episodi della fiction, scritta da Valentina Capecci, Carlo Mazzotta, Uski Audino e Riccardo Mazza, prodotta da Casanova Multimedia per la regia di Alberto Ferrari, riporta così su Canale 5 il genere della commedia per tutta la famiglia, come ha detto durante la conferenza stampa il direttore della Fiction Mediaset Antonino Antonucci Ferrara:

“Barbareschi ci ha fatto questo regalo. Ultimamente a Mediaset ci eravamo un po’ dimenticati delle commedie. Abbiamo pensato di ricominciare. Questo è un format spagnolo che ha avuto grande successo in Spagna. Lo abbiamo rivisitato, il cast è fantastico, sono attori veri. Hanno lavorato molto duramente, con tempi molto stretti. Siamo molto contenti, non avremo i risultati di Auditel, potrebbe essere un bene questo. Siamo molto soddisfatti”.