Prime time del 25 dicembre 2008 – Fantashare o Cosa vedrai?

RaiUno propone una variegata e interessantissima prima serata: tocca a Roberto Benigni e Claudio Abbado festeggiare il Natale sull’ammiraglia Rai con il Pierino e il Lupo di Prokofiev. Ci perdonerete se parliamo di lui, e posticipiamo Alla ricerca di Nemo, che arriva alle 22. RaiDue invece propone Voyager che questa sera indaga sui miti americani.

di

Prime time del 25 dicembre 2008

RaiUno propone una variegata e interessantissima prima serata: tocca a Roberto Benigni e Claudio Abbado festeggiare il Natale sull’ammiraglia Rai con il Pierino e il Lupo di Prokofiev. Ci perdonerete se parliamo di lui, e posticipiamo Alla ricerca di Nemo, che arriva alle 22.

RaiDue invece propone Voyager che questa sera indaga sui miti americani. Dal mostro alato del West Virginia alle ultime ore di vita di Marylin Monroe. Probabilmente, riveleranno che il mostro ha rapito Marylin.

RaiTre e i classici da remake: La pantera rosa versione 2006, con Steve Martin. Decisamente meno riuscito dell’originale.

Canale5 e un titolo che in molti desideriamo, proprio oggi: Fuga dal Natale. Eh, magari. Ma si comincia tardi, con la fuga: prima c’è Shrekkati per Natale.

Italia1, Enrico Papi e M&M – Matricole & Meteore. Ovvero: non sappiamo più che fare in tv, fondiamo due format che sono andati abbastanza bene e spacciamoli per qualcosa di nuovo. Ma senza cambiare il titolo.

Rete4 e un natalizio, amarcordiano, un po’ triste Concerto di NataleStory, condotto da Rita Dalla Chiesa.

La7 e l’Assassinio sul treno. 1962, ma comunque ancora godibile.

mtv logo MTV non è natalizia, non troppo, almeno: prima Reaper – In missione per il diavolo, poi Very Victoria

all music logo AllMusic regala, per Natale ai suoi aficionados, l’imperdibile live d’un imbolsito Cesare Cremonini. La Vespa special è in garage da tempo.

I Video di TvBlog

Ultime notizie su Cosa vedrai? La sfida del prime time

Guida ai programmi tv della prima serata per sapere cosa c'è da vedere questa sera in tv.

Tutto su Cosa vedrai? La sfida del prime time →