Gianluigi Paragone: “Io venduto al M5S? Rocco Casalino mi ha querelato perché l’ho chiamato Botulino”

Gianluigi Paragone nega di essersi venduto ai 5 stelle e rivela un retroscena

Le notizie sono due: Gianluigi Paragone non si è venduto al Movimento 5 Stelle. Rocco Casalino ha querelato Gianluigi Paragone.

A raccontarlo è il conduttore de La Gabbia che su Facebook si complimenta per l’azione dei pentastellati in Parlamento ma ne approfitta per smentire le voci sulla sua vicinanza al Movimento di Beppe Grillo. E, a mo’ di prova, rivela che il responsabile della comunicazione del M5S Rocco Casalino (ex concorrente del Grande Fratello) lo ha querelato perché appellato dal giornalista “Botulino”, con riferimento, evidentemente, ai ritocchini chirurgici a cui si sarebbe sottoposto:

A chi mi scrive di essermi “venduto” ai Cinquestelle ribatto dicendo che i miei rapporti personali con loro sono pessimi. Casalino mi ha addirittura querelato perché l’ho canzonato col nomignolo Botulino. Non mi piace il loro modo di entrare nelle dinamiche del mio lavoro di conduttore (ognuno è libero di scegliere; vale per loro, vale per me). Ciò detto, non si può negare l’ottimo – e ripeto: ottimo – lavoro di vigilanza che stanno svolgendo. E siccome sono un giornalista libero e non livoroso lo scrivo.

Paragone assicura di non essere livoroso, ma è chiaro che i suoi rapporti tesi con Casalino (niente di nuovo, eh, anche se lo “scazzo” sembrava essere rientrato) influiscano sulle poche ospitate dei grillini a La Gabbia (eppure, ultimamente, i parlamentari a 5 stelle stanno frequentando la tv, basti pensare ai Di Maio e Di Battista, sempre più spesso ospiti nei talk, da DiMartedì a Open Space).

…intanto a Roma il parlamento (eccezione fatta dei Cinquestelle) si fa una legge nuova nuova sul finanziamento ai…

Posted by Gianluigi Paragone on Mercoledì 14 ottobre 2015

I Video di TvBlog

Ultime notizie su Gianluigi Paragone

Tutto su Gianluigi Paragone →